Novembre 27, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La siccità colpisce gravemente gli agricoltori in Iraq

BAGHDAD, 14 novembre (PRINSA LATINA) L’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (OIM) ha riferito oggi che 447 famiglie in Iraq sono state espulse dal cosiddetto Stato Islamico e poi sono rientrate, abbandonando le loro terre a causa della grave siccità.

“Quasi tutti, se non tutti, hanno dovuto trasferirsi a causa dell’impossibilità di nutrire il bestiame”, afferma il rapporto dell’OIM.

Un portavoce del ministero dell’Agricoltura iracheno, Hamid Al-Nayef, ha affermato che il Governatorato di Ninive è stato per secoli un nascondiglio per il grano in Iraq con un’area di 6000 chilometri quadrati di terra coltivabile.

Ma ha aggiunto che quest’anno è stato duramente colpito dalla siccità persistente e dalle temperature estremamente elevate.

E Abdul Wahab Al-Jarjari, capo dell’autorità locale per il grano, ha annunciato nel 2020 che il raccolto ha registrato 927.000 tonnellate di grano e ha raggiunto l’autosufficienza, e nell’attuale 2021 è sceso a 89mila.

Secondo Samah Hadid del Norwegian Refugee Council, “l’Iraq sta affrontando la peggiore siccità dei tempi moderni a causa dei bassi livelli di precipitazioni, del calo causato dalle dighe turche sui fiumi Tigri ed Eufrate e del cambiamento climatico”.

“Lungi dall’essere un problema in un lontano futuro, il riscaldamento globale ha già danneggiato Ninive”, ha detto.

Per la prima volta dalla sua istituzione nel 2009, il capo dell’Autorità per l’irrigazione locale Hega Abdelwahed ha rivelato che una diga nella città settentrionale di Zawiya era completamente asciutta.

Ha detto che stava prendendo fino a 50.000 metri cubi d’acqua, alimentati dal disgelo che è stato insignificante la scorsa stagione, a causa del quale c’erano solo crepe nel terreno.

memoria / parentesi

READ  Guterres chiede al G20 di porre fine alla sfiducia