Dicembre 4, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La Tunisia firma un accordo con l’Italia sul rimpatrio dei rifiuti tossici illegali

© Reuters. La Tunisia firma un accordo con l’Italia sul rimpatrio dei rifiuti tossici illegali

Tunisia, 15 febbraio (.) .- Il governo tunisino ha raggiunto lunedì un accordo con l’Italia dopo oltre un anno di trattative per il rimpatrio di quasi 8.000 tonnellate di rifiuti tossici esportati dal Paese europeo. I giornali locali hanno riferito che il ministro dell’Ambiente Mustafa Laroui è stato incarcerato.

Grazie all’accordo, il ministero dell’Ambiente ha spiegato in un comunicato che la prima spedizione sarà effettuata con 213 container a partire da giovedì prossimo, di cui 69 bruciati in un incendio un mese fa nel magazzino di un importatore tunisino. Il sobborgo di Sousse (nordest) e le sue cause non sono ancora note.

Dalla sua scoperta nel maggio 2020 nella città portuale di questa città costiera, una delle principali destinazioni turistiche del Paese, le organizzazioni ambientaliste hanno condannato l’autocompiacimento e l’incapacità diplomatica di trovare una soluzione.

Nel dicembre dello stesso anno, il ministro dell’Ambiente Mustafa Laroui, insieme ad altri venticinque, viene licenziato bruscamente e arrestato poche ore dopo con l’accusa di essere coinvolto in un caso di importazione illegale di rifiuti. Condannato alla reclusione.

Secondo i giornali locali, il manager dell’azienda locale sfuggito alla giustizia avrebbe firmato un contratto per lo smaltimento di 120mila tonnellate di rifiuti al costo di 48 euro a tonnellata, il che significherebbe cinque milioni di euro di fatturato.

Le tradizioni internazionali legate alla gestione ambientale, riconosciute dalla nazione nordafricana, vietano l’esportazione di rifiuti dall’Europa al continente africano, ma, secondo un primo rapporto, i responsabili hanno evitato il controllo doganale. Entrare nel Paese esportando plastica per il riciclo.

READ  Prado, con la spina dorsale, soffre in Italia

Nel febbraio 2021 il Consiglio di Stato italiano ha chiesto il recupero dei rifiuti entro 90 giorni a Sviluppo Risorse Ambientali Srl (SRA), un esportatore della regione Campania (Sud). Risarcimento di uno dei due Stati interessati.

Avviso legale: Media di fusione Vorrei ricordare che i dati su questo sito Web non sono in tempo reale o accurati. Tutti i CFD (azioni, indici, futures) e i prezzi forex non sono forniti dalle borse ma dai market maker, quindi i prezzi potrebbero essere imprecisi e differire dal prezzo di mercato effettivo, vale a dire solo a scopo di contrassegno e trading. Pertanto Fusion Media non sarà responsabile per eventuali perdite commerciali sostenute dall’utente per l’utilizzo di questi dati.

Media di fusione O chiunque sia associato a Fusion Media non sarà responsabile per eventuali perdite o danni derivanti dall’affidamento alle informazioni contenute in questo sito Web, inclusi dati, quotazioni, grafici e segnali di acquisto/vendita. Essere pienamente informati sui rischi e sui costi associati al trading sui mercati finanziari, che è una delle forme di investimento più potenzialmente rischiose.