Maggio 21, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La vittoria della Corea e la sconfitta di Baez a Barcellona

Si è aperto il sipario sull’ATP 500 di Barcellona, ​​il torneo disputato sulla terra battuta, e all’evento sono entrati due giocatori argentini. in tribunale 2, Federico Correa (52°) ha sconfitto l’americano Marcos Giron (55°). E si è fermato al secondo turno e allo stadio Rafael Nadal, Sebastian Baez (n. 60 in classifica) è caduto in un grande match con l’italiano Lorenzo Mossetti (68° posto).

Il più giovane dei fratelli Correia aveva bisogno di tre set per battere Jiron, con il quale doveva ancora affrontarsi. Rosario ha festeggiato 6-2 3-6 6-1 dopo aver giocato i 250 a Marrakech.

Così, l’argentino vincitore della competizione tradizionale di apertura Conde de Godó ottiene un biglietto per lo status successivo e incontrerà il bulgaro Grigor Dimitrov (23), che ha recentemente raggiunto le semifinali del Monte-Carlo Masters 1000 ed è classificato 14° in catalano suolo.

Rievocazione della battaglia che hanno combattuto nell’Allianz Cloud alle finali ATP NextGen 2021, Musetti si prende la rivincita ed elimina il giovane di San Martín nei tratti 7-5 e 7-5. Entrambi hanno mostrato il loro talento con punti di alto livello, ma è stato l’europeo che, dopo aver superato il breakout in entrambi i set, ha festeggiato a Godó sul Báez affrontando il britannico Daniel Evans (36), essendo la 12a testa di serie.

Inoltre, a inizio giornata anche i francesi Benoit Paire ha detto addio al primo cambiamento: Sunwoo Kwon della Corea del Sud gli ha mostrato la porta d’uscita 6-4 6-4.

Altri due giocatori argentini, i migliori della classifica ATP, si sono presentati al sorteggio del Barcellona, ​​in attesa dei rivali. Diego Schwartzman, leader latinoamericano e numero 15 del mondo, è il sesto favorito del campionato catalano, mentre Federico Delbonis (34) è la quindicesima testa di serie.

READ  Ansu Fati torna nella rosa del Barcellona e può giocare "una quindicina di minuti", dice Koeman | calcio | Gli sport