Dicembre 4, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Le azioni China Evergrande crollano al ritorno alla borsa di Hong Kong

Una foto dell’edificio dell’Evergrande Center a Shanghai, in Cina, il 22 settembre 2021 afp_tickers

Questo contenuto è stato pubblicato il 21 ottobre 2021 – 02:56

(AFP)

Le azioni del colosso immobiliare cinese Evergrande sono diminuite drasticamente quando sono tornate alla Borsa di Hong Kong giovedì dopo una sospensione di quasi tre settimane a causa di segnalazioni di una mancata vendita della sua unità di servizi immobiliari.

Evergrande ha sospeso le negoziazioni delle sue azioni il 4 ottobre a causa di un debito di 300 miliardi di dollari, tra le preoccupazioni degli investitori sull’impatto del mancato pagamento sull’economia cinese.

Le azioni della società sono scese del 10,5% all’apertura del mercato di Hong Kong per poi essere scambiate del 7%.

Il calo è arrivato dopo che la società immobiliare ha annunciato il crollo di un accordo per la vendita del 50,1% della sua unità Evergrande Property Services Group, del valore di 2,58 miliardi di dollari, ha annunciato la società in una nota.

Il potenziale acquirente era un’unità della società immobiliare Hopson Development Holdings con sede a Hong Kong.

Evergrande ha affermato che continuerà a prendere provvedimenti per mitigare i suoi problemi di liquidità, ma ha avvertito che “non ci sono garanzie che il gruppo sarà in grado di far fronte ai propri obblighi finanziari”.

La società con sede a Shenzhen nel sud della Cina è già inadempiente su diverse obbligazioni in dollari e il periodo di grazia di 30 giorni per le obbligazioni offshore scade sabato.

– mercato ristretto –

Il gruppo si è quotato a Hong Kong nel 2009, raccogliendo 9 miliardi di dollari nella sua offerta pubblica iniziale, diventando così la più grande società immobiliare privata della Cina e il suo proprietario, Xu Jiayin, l’uomo più ricco del paese.

Xu ha ampliato i suoi interessi nell’acquistare la squadra di calcio di Guangzhou nel 2010, che è stata ribattezzata Guangzhou Evergrande, e ha investito ingenti somme di denaro in giocatori e allenatori premium.

Tuttavia, il consorzio ha iniziato a risentire dei controlli che Pechino ha imposto nell’agosto 2020 ai promotori immobiliari per contenere il proprio indebitamento, costringendo Evergrande a vendere immobili a prezzi fortemente scontati.

I timori che l’azienda possa crollare a causa dell’incapacità di rispettare i suoi impegni hanno scosso l’economia cinese per settimane, nonostante l’insistenza di Pechino sul fatto che qualsiasi impatto sarà contenuto.

La lotta di Evergrande coincide con un calo dei prezzi delle nuove case in Cina a settembre per la prima volta in sei anni, poiché il settore immobiliare deve affrontare le crescenti normative governative.

Diversi concorrenti immobiliari locali sono inadempienti sui loro debiti nelle ultime settimane e i loro punteggi sono stati abbassati.

Sinic Holdings, quotata a Hong Kong, è l’ultima a fallire, mentre la rivale Fantasia ha affrontato la stessa situazione nelle ultime settimane.

READ  Il petrolio del Texas è aumentato dello 0,2% per chiudere a 82,44 dollari al barile da EFE