martedì, Luglio 23, 2024

Top 5 This Week

Related Posts

Lento calo dell’attività e dell’inflazione un lavoro

L’intensità degli eventi politici, in un anno che ha visto importanti elezioni in molte regioni del mondo, e il protrarsi di due conflitti bellici dalle conseguenze tragiche, smentisce la resilienza dell’economia globale, che continua il processo di atterraggio molto morbido dell’attività. e l’attività economica. L’inflazione quasi in silenzio.

La buona performance del settore dei servizi e gli effetti delle misure di politica fiscale negli ultimi anni hanno contribuito a compensare gli aumenti dei tassi di interesse a partire dalla metà del 2022.

Iscriviti per continuare a leggere

Leggi senza limiti

L’intensità degli eventi politici, in un anno che ha visto importanti elezioni in molte regioni del mondo, e la continuazione di due conflitti bellici dalle tragiche conseguenze, smentisce la resilienza dell’economia globale, che continua il processo di atterraggio molto morbido dell’attività. e attività economica. Inflazione quasi silenziosa.

La buona performance del settore dei servizi e gli effetti delle misure di politica fiscale negli ultimi anni hanno compensato gli aumenti dei tassi di interesse a partire dalla metà del 2022. La crescita globale sarà relativamente debole nei prossimi due trimestri, con un certo rallentamento negli Stati Uniti e un rallentamento ripresa e nell’area dell’euro, che ha ripreso a crescere all’inizio dell’anno dopo cinque trimestri di recessione. Complessivamente, la crescita del Pil mondiale dovrebbe raggiungere quest’anno il 3,1%, dopo il 3,2% accumulato lo scorso anno, evidenziando la resilienza dell’economia statunitense (con una previsione del 2,2%), molto più elevata in Europa nonostante il miglioramento (0,7% ). E il rallentamento strutturale della Cina. Entro il 2025, si prevede che prenda piede una ripresa globale fino al 3,3%.

Ma l’attenzione economica è ora rivolta a verificare se il processo di disinflazione sia stato completato e in che misura possa consentire alle banche centrali di ridurre i tassi di interesse da aree ristrette a livelli più neutrali. In linea di principio, l’inflazione continuerà a diminuire nonostante le sorprese al rialzo registrate nella prima metà dell’anno a seguito della forte domanda dei servizi sopra menzionati. È meno vulnerabile alla concorrenza internazionale e più influenzato dagli aumenti salariali volti a ripristinare il potere d’acquisto perduto.

READ  Il programma pilota SEPTA ha utilizzato la tecnologia AI per migliorare i servizi di trasporto - Telemundo 62

Una temporanea moderazione della crescita e un continuo calo dell’inflazione consentiranno alle due maggiori banche centrali di tagliare i tassi di interesse quest’anno. La BCE ha già iniziato a farlo, prima della Fed, e si prevede che continuerà a farlo nel resto dell’anno con due ulteriori tagli e diversi ulteriori tagli nel 2025. Per quanto riguarda l’economia globale, il ritmo del declino del Stati Uniti, che Questo processo dovrebbe iniziare a settembre e progredire gradualmente.

Tuttavia, non dobbiamo dimenticare che stiamo entrando in un mondo caratterizzato da rischi al rialzo dell’inflazione nel medio e lungo termine a causa di fattori strutturali quali il declino demografico, la resistenza all’immigrazione, il crescente protezionismo e le politiche industriali che privilegiano la sicurezza rispetto all’efficienza, ma che alla fine hanno un costo. Tutto ciò potrebbe indurre i banchieri centrali a essere più cauti del previsto e portare a tassi di interesse più elevati.

Segui tutte le informazioni Economia E un lavoro In Facebook E So nel nostro Newsletter settimanale

Desideria Zullo
Desideria Zullo
"Educatore generale della birra. Pioniere del caffè per tutta la vita. Sostenitore certificato di Twitter. Fanatico di Internet. Professionista dei viaggi."

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Popular Articles