Febbraio 26, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’Italia ospita il vertice del calcio |  Saggisti |  gioco

L’Italia ospita il vertice del calcio | Saggisti | gioco

Toccando il cielo, abbracciando, cantando, dipingendo, intagliando, gioia, orgoglio ed emozione mescolati con gioia, orgoglio e passione per sentire l’Italia mai vista prima. L’urlo e la corsa di Marco Tortelli al secondo gol rappresentano tutta la gioia di DaVinci e Michelangelo per la classica vittoria del tre volte scudetto della madrepatria. L’intera penisola è stata scossa e il vecchio Calcio ha raggiunto il primo posto in Spagna 82. Hanno sconfitto la Germania 3-1 nella finale mondiale con assoluta lucidità e calcio intelligente, con piedi forti e saldi, dimostrando che il coraggio latino è più forte del carattere tedesco sempre ammirato. L’Italia aveva già i titoli 34 e 38, ma molto presto. Consacrazione del vertice del 1982 Azzurri, perché ha tre cinture nere in Brasile, Argentina e Polonia. E ha realizzato un finale perfetto contro il più temuto di tutti.

“Il calcio è una partita di undici contro undici e la Germania vince sempre”, ha detto una volta Gary Lineker. “Se non contro l’Italia…”, doveva aggiungere. IL Azzurri Questa è l’eterna ombra nera della Mannschaft. Del resto, ai Mondiali si sono incontrate cinque volte, con tre vittorie italiane e due pareggi. Che vittorie…! Messico 4-3 70 in semifinale, Spagna 3-1 in finale 82 e Germania 2-0 in semifinale 2006. E ne ha vinte altre due.

Spagna 82 è stata la prima Coppa del Mondo con 24 squadre, con 17 stadi e 14 stadi sussidiari. Partita d’esordio per due miti: Maradona e Mattheus. e una dedica a Paolo Rossi, a Centravanti Un centrocampista allampanato, 1,74, che non abitava in zona, sembrava portato dal vento, ma con tecnica, astuzia e singolare opportunismo. Capocannoniere della coppa, non si è convertito nelle prime quattro partite ed è stato discutibile, ma pericoloso nelle ultime tre: 3 gol contro il Brasile, 2 contro la Polonia e uno contro la Germania. E raccolse tutte le patatine sul panno.

READ  L’Italia mette in pericolo la vita dei migranti impedendo i salvataggi, condannano le ONG

È stata l’Italia a battere i campioni dal quarto posto in Argentina 78. Sebbene non fosse convincente per la Spagna, aveva traduttori importanti e il team non era coerente. A peggiorare le cose, hanno avuto un’andata molto scarsa con tre pareggi. Enzo Pierzot, uomo con una buona pipa, ebbe un aspro contrasto con la stampa italiana, ma aveva le idee chiare. Hanno dovuto scusarsi educatamente: quando è apparso in conferenza stampa dopo la finale, tutti i giornalisti italiani si sono alzati in piedi e gli hanno tributato una standing e rispettosa ovazione. Non servono parole.

Il leggendario Cycle Nine italiano, con sede a Juventus, ha ricevuto Scudetti In 14 stagioni. Erano Joff, Gentile, Sciria, Cabrini, Tortelli, Paolo Rossi e Cassio, che era già stato nell’Udinese ma era già stato nell’Udinese per undici stagioni da juventino. Ha raggiunto la definizione con una lettera di accompagnamento notevole: senza che nessuno pagasse un centesimo per la sua occasione, l’Italia ha eliminato il famoso brasiliano Dele Santana in una partita epica: 3 a 2. Quell’evento è ancora oggi discusso. Non è ingiusto, The Nazionalità Aveva una retroguardia eccezionale, così straordinaria che Franco Baresi, forse il miglior difensore centrale della storia del calcio, è entrato dalla panchina e non è riuscito a fare un minuto di presenza in sette partite. Hanno preso posto Bergomi, Gentile, Sciria, Colovatti e Cabrini, la quinta fila che Piersot ha schierato contro la Germania di Jupp Derwall. Protezione di ferro che era Scirea Beckenbauer azzurro e gentile nervo, nervo e muscolo. Un Guardiano era riprovevole per la sua forza (aveva una lama su ciascuna gamba), ma era sorprendente per la sua determinazione e il suo temperamento. impraticabile.

La Germania è passata alle semifinali tre giorni prima con tempi supplementari e rigori contro la Francia. Gli manca la freschezza, gli manca la generazione di gioco, e non raggiunge senza rischi l’obiettivo del più anziano, almeno in finale, il sensibile Dino Jaffe. Rummenigke, la grande stella tedesca, è stato spazzato via dal campo dall’ultima linea italiana ed è finito come sostituto. La Germania sotto la guida eccezionale di Paul Breitner era pronta per la guerra. Cose che Tony Schumacher ha detto di lui nel suo libro cartellino rosso Sono archetipi. Fumava come un camino e beveva come un cosacco, giocava a poker nelle sue notti, rincorreva i suoi compagni, corteggiavano le prostitute, si concedeva di tutto.

READ  Sei Nazioni: l'Inghilterra ha battuto l'Italia 33-0

Schumacher bianco elencato con dettagli neri; Kalts, Karlheinz Förster, Steeleike (texture di sfondo), Bernd Förster, Brigel; Tremler e Breitner al centro, Rummenike, Klaus Fischer e Litbarsky davanti. Harald Schumacher ha difeso la porta tedesca senza problemi in porta contro l’Italia quando ha quasi ucciso il francese Battiston dopo aver fatto un contrasto enorme in una disputa sulla palla. Tony Schumacher era al Bernabeu nel pomeriggio dell’11 luglio in una semifinale da brivido contro la Francia in cui l’onesto arbitro olandese Charles Korver non gli ha nemmeno fischiato. Questo era il calcio fino a quarant’anni fa. Oggi pulirò la prigione. La sua punizione è stata di tre gol italiani. E dimentica…

Ai già citati Juventini, Bearzot ha aggiunto quattro intermedi: Collovati, Bergomi, Oriali e Altobelli. E il meraviglioso Bruno Conti, della Roma. “Abbiamo vinto per spirito di squadra”, ha giustamente dichiarato Bearzot: erano un gruppo piccolo e coeso. Come Marcello Lippi nel 2006, Pierzod è stato un comandante lucido, intelligente, che sapeva vincere ogni partita, soprattutto contro Brasile e Germania. I cinque uomini dietro di lui hanno parcheggiato davanti a Orielli e Tortelli, due Suv. O’Reilly ha trascorso un pomeriggio molto vivace, affrontando il dribbling con sorprendente coraggio ed è stato vittima, in modo crudele o accidentale, di almeno venti falli, molti dei quali violenti. Si alzò e continuò. Emozionante. Era secondo in ordine di merito a Bruno Conti, uno scoiattolo, Claudio Gentile e il maresciallo Gaetano Sciria, il vero capitano. Il braccialetto è stato indossato da Joff. Si è distinto anche il Tortelli. Tutto. Un simbolo di fede azzurro: Al 25′, 0-0, l’Italia riceve un rigore, Cabrini lo prende e devia il tiro. Nessuno ha esitato. Hanno messo le loro menti sull’obiettivo. E non sono rimasti intrappolati in niente CatenasioTutti si sono fatti avanti quando hanno visto l’opportunità.

READ  Charles LeClerk ruba in Italia un orologio del valore di 345.000 dollari: trucco straordinario gli è stato tolto

Manca ancora il concetto di tocco e possesso, visto che molte squadre si stanno attualmente allenando, a cominciare da Manchester City e Barcellona. C’erano ancora dei buchi nel mezzo e nelle ali. Da zona vuota, sulla destra, Gentile manda un bel cross, Paolo Rossi si tuffa e di testa in area: colpo di testa e Italia 1-0. Senza fronzoli, è stato un bellissimo finale del duo in quanto non c’erano congetture e si sono feriti a vicenda mentre rotolavano. Tervall è stato sublime: “Vorrei esprimere le mie più sincere congratulazioni alla squadra italiana e in particolare al loro allenatore e amico Piersot. L’Italia meritava di vincere, soprattutto nel secondo tempo. In seguito al gol di Rossi abbiamo dovuto anticipare le fila. Quindi, abbiamo visto una forte difesa e siamo rimasti sorpresi dal loro forte contropiede, che ha lasciato dei vuoti. Così com’era, lo era.

Il brasiliano Arnoldo Cesar Coelho è diventato il primo sudamericano a dirigere la finale. Seguirà il suo connazionale Arby Filho nel 1986 e gli argentini Horacio Elizondo (2006) e Nestor Pitana (2018). Coelho ha permesso, ha permesso alla Germania di segnare tanto e non è stato espulso per falli accumulati. (uno)