Febbraio 9, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’Italia sostiene la ripresa del settore agroalimentare a Cuba

Roberto Vellano, Ambasciatore d’Italia a Cuba, partecipa alla consegna dei materiali per il progetto HAB.AMA.

Foto: Archivio IPS Cuba

Libaldo Díaz, agricoltore della Cooperativa di Credito e Servizi Gabriel Valiente, gestisce due fattorie alla periferia dell’Avana. Di recente, ha acquisito un impianto e gabbie per conigli, tra le altre risorse, che contribuiranno a rafforzare la sua produzione, e tutti i risultati di un progetto congiunto con l’Italia.

Diaz non è stato l’unico. Circa 60 produttori beneficeranno dei contributi dell’Iniziativa per l’Economia Sostenibile, Sufficienza Alimentare e Sviluppo dell’Avana (HAB.AMA): ortaggi, alberi da frutto e piccoli allevamenti, con il finanziamento dell’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo. (AICS).

Ingressi e recinzioni per vivai, sistemi di produzione orticola semiprotetta, piantine di alberi da frutto e varietà proteiche, trattori, veicoli polivalenti, rimorchi agricoli, bilance e scorte, ecc., sono i bisogni individuati da agricoltori e aziende. aiuto italiano.

Altri, come la certificazione e il controllo di qualità dell’orticoltura fresca e trasformata, della frutta, dei prodotti lattiero-caseari e della carne e dei reattori di laboratorio, consentiranno di migliorare il lavoro in vari centri di ricerca.

Un’altra riga utile è: “Ci sono due centri di riproduzione durante il parto, uno per i conigli e uno per le pecore. Abbiamo già acquistato due pecore genetiche e abbiamo presentato una richiesta per avviare conigli all’inizio di gennaio con allevatori di conigli di varie razze”, ha affermato l’agricoltore Diyas.

Un altro aspetto è la formazione, che consente agli allevatori di adattare razze, pratiche di gestione e accoppiamenti, discutere con scienziati e uomini d’affari dell’urgenza di rinnovare importando esemplari – e non essere d’accordo.

Mulino Lipaldo consente a Diaz di lavorare il cibo

I vantaggi si moltiplicheranno

Carlos Lopetegui, coordinatore per la parte cubana, ha spiegato che HAB.AMA è implementato tra l’azienda italiana con il Ministero dell’Agricoltura e l’Istituto di Frutticoltura.

READ  Europa/Italia - "La pace è possibile": Carovana parte per Odessa con l'appoggio dei vescovi

Con operazioni in cinque comuni della capitale cubana: Havana del Este, Guanabacoa, Cotoro, Arroyo Naranjo e Poirot, la loro missione è “contribuire all’autosufficienza di cibo sano, nutriente e diversificato, allo sviluppo di iniziative economiche sostenibili, ” ha sottolineato Lopetegui.

Secondo lui, il progetto contribuisce a fornire ai governi locali la legislazione sulla sovranità alimentare e sulla sicurezza alimentare e nutrizionale e cerca di sostenere l’accesso al mercato in una valuta liberamente convertibile per garantire la sostenibilità delle attività.

Roberto Giuliotto, coordinatore per la parte italiana, ha sottolineato che la tecnologia, gli input e gli strumenti rafforzeranno i processi per raggiungere i risultati che HAB.AMA si aspetta in termini di produzione per un maggiore accesso e disponibilità di cibo dall’Avana. .

“Nonostante le limitazioni legate al mercato globale, la crisi economica, l’embargo e i vincoli finanziari, i primi prodotti a contratto sono arrivati ​​nel Paese e siamo fiduciosi che continueranno ad arrivare”, ha affermato.

Trattori già nel paese.

Approccio agroalimentare e risorse naturali

Cuba ha urgente bisogno di aumentare la sua produzione alimentare agricola e di ridurre la sua fattura di importazione alimentare di quasi 2 miliardi di dollari.

“In questo momento critico, un’agricoltura sostenibile incentrata sull’agroecologia è essenziale per migliorare le condizioni di approvvigionamento nella provincia dell’Avana e nel resto del Paese”, ha affermato Roberto Vellano, Ambasciatore italiano a Cuba.

Con un budget di 5,4 milioni di euro, HAB.AMA è uno dei progetti in corso in agricoltura sostenibile, gestione delle risorse naturali e sistemi agroalimentari con l’investimento più significativo finanziato dal governo italiano.

Risponde a priorità definite congiuntamente con le autorità cubane e rispecchiate in un memorandum d’intesa tra i due paesi e in un documento di programmazione triennale.

Costi e risorse

Attualmente, ha rivelato il diplomatico italiano, l’ammontare totale delle risorse destinate a questo settore è di circa 15 milioni di euro, a cui si aggiungeranno altri sei milioni di euro nel 2023, e rappresenta oltre il 50% del budget totale della cooperazione in funzione. Cuba

READ  Il Cavaliere: Berlusconi, ultimo garante della stabilità politica in Italia

Più di 39.000 persone e le loro famiglie beneficeranno direttamente dei progetti realizzati nel settore, rafforzando i rapporti e le alleanze con istituti di ricerca, università, imprese e cooperative e il settore commerciale.

Nel caso di HAB.AMA, Antonio Festa, direttore di AICS, osserva che l’accessorio non si limita al contributo di attrezzature e materiali.

“Il nostro interesse e il nostro impegno è quello di accompagnare i processi di sviluppo economico e sociale che promuovono il cambiamento basato sull’organizzazione delle risorse locali e il rafforzamento delle strategie di sviluppo municipale, ovvero, rafforzando la capacità dei comuni cubani di intraprendere il proprio percorso verso lo sviluppo sostenibile”, Egli ha detto.

L’Italia, uno dei partner commerciali europei di Cuba, collabora anche a varie iniziative culturali, patrimoniali e urbanistiche.

(2022)