Ottobre 6, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Manifestazione di massa a favore della democrazia popolare

Questa mobilitazione è arrivata in risposta al governatore di destra di Santa Cruz, Luis Fernando Camacho, che vedono come un agente destabilizzante che promuove un colpo di stato.

Evo Morales, fondatore e leader del Movimento Socialista (MAS) al potere, il presidente della Bolivia, Luis Arce, e il vicepresidente, David Chuquihuanca, hanno guidato giovedì una manifestazione a La Paz a sostegno del governo, a favore dell’economia. Ricostruzione e contro i tentativi di destabilizzazione.

“Abbiamo iniziato questa grande marcia per la difesa della patria e della democrazia, da Tranca de Orujara. Questa è la vera unità del popolo boliviano, che oggi marcia pacificamente, ma risolutamente”, ha detto Ars attraverso i social network. Questo mercoledì, Arsi ha ribadito che ci sono rischi nel Paese che un colpo di stato di destra alzi nuovamente la testa.

La mobilitazione è stata indetta dalla cosiddetta “carta dell’unità”, che riunisce sindacati, organizzazioni contadine e indigene legate al MAS, a cui si sono uniti anche diversi legislatori filogovernativi come il presidente del Senato, Andrónico Rodríguez. Questi settori ritengono che il governatore della regione orientale di Santa Cruz, la destra Luis Fernando Camacho, voglia destabilizzare il Paese e promuovere un colpo di stato contro Ars, come accaduto nel 2019 contro Evo Morales dopo la crisi post-elettorale.

All’inizio della manifestazione, il vicepresidente ha sottolineato l’importanza di acquisire il potere attraverso elezioni legittime. “Siamo qui per difendere la nostra democrazia, la nostra stabilità economica, il nostro processo di cambiamento e il nostro governo legittimamente e legittimamente eletto alle elezioni”, ha affermato Chuquihuanca, che all’inizio della marcia ha avuto un sostegno significativo dai settori indigeni.

Da parte sua, Evo Morales ha sottolineato l’importanza dell’unità delle forze progressiste nel Paese. “L’unità è la vittoria del popolo e la sconfitta dell’impero. Il nostro compito e la nostra responsabilità sono garantire l’unità delle nostre organizzazioni sociali di fronte ai desideri divisivi del diritto interno ed esterno, che, sotto la guida esterna, stanno cercando di provocare e destabilizzare”, ha twittato l’ex presidente.

READ  Russia e Ucraina confermano che al momento non ci sono trattative - Juventud Rebeldy

Il quotidiano boliviano ha riferito che almeno un centinaio di organizzazioni hanno preso parte alla mobilitazione la ragione.
Tra questi, la Central Obrera Bolivia, il principale sindacato del paese, e il Patto di Unità, un’organizzazione composta dalla Confederazione dei Popoli Indigeni della Bolivia, dall’Unione Nazionale delle Contadine Indigene della Bolivia e dal Consiglio Nazionale dei Contadini Indigeni della Bolivia . Ayllus e Markas di Qullasuyu e Cidob, tra gli altri.

Inoltre, la mobilitazione è stata promossa dallo stesso governo, che ha annunciato la partecipazione delle autorità alla difesa della ricostruzione economica e di fronte ai tentativi di destabilizzazione, secondo la viceministra alle Comunicazioni, Gabriela Alcon.

Durante la manifestazione, Ars ha detto ai media locali di sentirsi molto sostenuto e stupito da tanto amore e ha sottolineato la necessità di difendere le risorse naturali. Ha parlato anche di disuguaglianza. “Tutti gli umiliati non vogliono tornare in quel Paese discriminato”, ha riportato il quotidiano boliviano. dovere.