Ottobre 2, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Regno Unito e Australia si uniscono al boicottaggio diplomatico statunitense dei China Winter Games | internazionale

Australia e Regno Unito si uniscono agli Stati Uniti nel boicottaggio diplomatico delle Olimpiadi invernali di Pechino in programma dal 4 al 20 febbraio. Il primo ministro australiano Scott Morrison ha annunciato la sua decisione mercoledì, mentre altri alleati stanno valutando di aderire all’iniziativa degli Stati Uniti per protestare contro quelle che la Casa Bianca lunedì ha definito le “atrocità” della Cina sui diritti umani. Poche ore dopo, il primo ministro britannico Boris Johnson si è unito: “Ci sarà un boicottaggio diplomatico delle Olimpiadi invernali di Pechino (sic). Nessun ministro o funzionario pubblico dovrebbe partecipare a questi giochi”, ha detto Johnson alla Camera dei Comuni. A una domanda diretta di Ian Duncan Smith, ex leader del Partito Conservatore e portavoce del gruppo parlamentare più aggressivo contro il governo cinese, il premier ha risposto alla sua richiesta di una risposta più severa al “brutale e regime dittatoriale a Pechino”: “Non credo, tuttavia, che un boicottaggio sportivo sia ragionevole”. Il governo cinese intensifica la repressione di Xi Jinping su o contro gli attivisti per la democrazia di Hong Kong Uiguri e altre minoranze nello Xinjiang Ha costretto il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, che ha promesso di fare dei diritti umani un pilastro della sua politica estera, ad agire.

Il leader australiano, Morrison, ha giustificato la decisione rilevando la mancanza di risposta da parte di Pechino a varie questioni sollevate dal suo Paese su due questioni: presunte violazioni dei diritti umani nella regione cinese dello Xinjiang occidentale, sede della minoranza musulmana uigura, nonché le barriere commerciali che Pechino ha adottato a spese delle importazioni australiane. “Non sorprende quindi che i diplomatici australiani non si rechino in Cina per questi giochi”, ha detto il primo ministro ai giornalisti a Sydney.

READ  Il Manchester United è fiducioso nella firma di De Jong
Il ministro degli Esteri cinese Wang Wenbin durante una conferenza stampa a Pechino, in Cina. Foto: Thomas Peter (Reuters) | Video: Reuters

La Cina ha già risposto all’annuncio dell’esecutivo australiano e Lo ha fatto con un tono meno arrabbiato che ha usato dopo aver appreso che gli Stati Uniti avrebbero boicottato l’evento sportivo. Se l’annuncio degli Stati Uniti ha spinto Pechino ad avvertire Washington che avrebbe “pagato il prezzo” e minacciato ritorsioni, la reazione cinese alla decisione dell’Australia è stata l’osservazione, attraverso il portavoce del ministero degli Esteri Wang Wenbin: “Che vengano o no, a nessuno importa”. Il portavoce ha anche affermato che i politici australiani sono stati coinvolti in “posizioni politiche”. La decisione dell’Australia di non inviare rappresentanti politici ai Giochi dimostra che l’Australia sta seguendo ciecamente ciò che fanno gli altri. “Non sono in grado di distinguere tra giusto e sbagliato”, ha detto Wenbein in una conferenza stampa.

La Cina ha ripetutamente negato le accuse di abusi nello Xinjiang, descrivendo le accuse contro di essa come “fabbricazioni”. L’amministrazione Biden considera le autorità cinesi colpevoli di genocidio contro la minoranza musulmana nella regione cinese dello Xinjiang.

Le relazioni tra Australia e Cina, suo principale partner commerciale, sono in crisi dopo che Canberra ha bandito la rete a banda larga 5G della multinazionale cinese Huawei Technologies. Le richieste di Canberra per un’indagine indipendente sulle origini del COVID-19 hanno anche fatto arrabbiare le autorità cinesi, che hanno risposto imponendo dazi sulle importazioni di prodotti australiani come orzo, carne bovina, carbone e vino.

Unisciti subito a EL PAÍS per seguire tutte le novità e leggere senza limiti

Iscriviti qui

Il boicottaggio annunciato da Stati Uniti, Australia e Regno Unito riguarda solo le rappresentanze diplomatiche in quanto ai Giochi si sfideranno atleti di queste tre nazionalità. Il Comitato olimpico australiano aveva già indicato che la decisione non avrebbe avuto un impatto sui preparativi degli atleti per l’evento. La fondazione ha indicato che le “decisioni diplomatiche” sono prerogativa dei governi.

La Germania, da parte sua, ha lasciato in sospeso se il suo governo aderirà al boicottaggio diplomatico, mentre la Russia – il cui presidente, Vladimir Putin, è stato invitato a partecipare alla cerimonia di apertura dei Giochi – ha chiesto che lo sport non venga confuso con politica.

Il Giappone sta studiando anche la possibilità di non mandare ai giochi membri del proprio governo, secondo fonti governative citate dal quotidiano. Sankei Shimbun. La Nuova Zelanda ha annunciato martedì che non invierà alcuna rappresentanza diplomatica ai Giochi, sebbene di conseguenza abbia giustificato la sua decisione per motivi di sicurezza sanitaria. pandemia di covid-19.

Giochi invernali Inizieranno circa sei mesi dopo l’estate, che si è tenuta a Tokyo un anno dopo a causa della pandemia di COVID-19. “Chiediamo sempre il massimo rispetto possibile e la minima interferenza dal mondo politico”, ha affermato Juan Antonio Samaranch, che dirige il comitato di coordinamento del Cio per l’evento di Pechino. “Rispettiamo le decisioni degli organi politici”, ha aggiunto.

Il boicottaggio diplomatico statunitense, incoraggiato per mesi da alcuni membri del Congresso e da gruppi per i diritti umani in quel Paese, è stato deciso nonostante gli sforzi per migliorare i rapporti tra i due Paesi che si sono cristallizzati in una videoconferenza il mese scorso tra il presidente. Biden e il suo omologo cinese Xi. Gli Stati Uniti prevedono di ospitare le Olimpiadi estive del 2028 a Los Angeles, in California, e si preparano a ospitare le Olimpiadi invernali del 2030 a Salt Lake City, nello Utah.

Bonnie Glaser, esperta cinese presso il think-tank tedesco Marshall Fund con sede negli Stati Uniti, ha avvertito martedì durante un’audizione al Congresso degli Stati Uniti che non aderire al boicottaggio minerebbe il messaggio che le violazioni dei diritti umani in Cina sono inaccettabili. “L’unica opzione che abbiamo è cercare di persuaderli a unirsi a noi in questa alleanza”, ha detto questo esperto.

Segui tutte le informazioni internazionali in Sito di social network Facebook e Twitter, o en La nostra newsletter settimanale.