Aprile 22, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Omloop: Van Barley Solo vince la prima classica belga dell’anno |  gli sport

Omloop: Van Barley Solo vince la prima classica belga dell’anno | gli sport

Dylan van Barley, che nel 2023 sta disputando la sua prima stagione con la Jumbo-Visma di Ineos, sabato ha vinto in solitaria la sua prima classica belga della stagione, la 78a edizione di Omloop Het Nieuwsblad, disputata tra Ghent e Ninove su un percorso di 207,3 chilometri. Van Barley, 30 anni, ha ottenuto la sua settima vittoria in carriera e la prima da quando ha vinto il prestigioso titolo Parigi-Roubaix lo scorso anno. L’olandese ha tagliato il traguardo in solitaria, con 20 secondi di vantaggio su un gruppo guidato dal belga Arnaud de Lys (Lotto Destiny), che si è ripreso da una caduta nella prima parte di gara, e dal francese Christophe Laporte (Jumbo-Visma),

Dopo l’attrito causato dai continui attacchi dei suoi compagni di squadra – sei dei sette corridori di Jumbo hanno tentato una schiacciata a 100 km dal bersaglio, Van Parlee ha fatto la sua accelerazione decisiva a 40 km dalla fine. Il corridore della Jumbo-Visma si è staccato con altri tre corridori dopo Wolvenberg, poi i suoi compagni di fuga si sono inseguiti uno ad uno lungo la salita rimanente per conquistare la vittoria.

“L’istinto ha attaccato in un momento in cui tutti si trovavano in una situazione difficile”, ha detto Van Barley. Solo il giovane corridore francese Mathisse Le Perry (21) ha potuto seguirlo per un po’. “Avevamo sempre il controllo. Il piano era rendere la gara più dura fin dall’inizio. Quello che hanno fatto i ragazzi è stato fenomenale”, ha spiegato l’enorme Voorburg. Van Barlee, vincitore della Parigi-Roubaix dell’anno scorso, stava gareggiando nella sua prima gara del 2023 all’evento di apertura della stagione per il ciclismo in Belgio.

READ  Sevens Challenger: finale del Cile; Eliminate Argentina e Uruguay

“Sono venuto qui per vincere”, ha commentato Arnaud de Lys, i cui piani sono stati vanificati dalla caduta, costringendolo a un lungo sforzo per tornare nelle prime posizioni. Soprannominato per le sue grandi dimensioni e la sua città natale, Thor Lecheret ha scatenato il gruppo dietro Van Barley.

Ha anche assistito il connazionale Tim Wellens. Il corridore era abile a scalare il Mor de Gramont, a dieci miglia da Ninouve, dove molti corridori dovevano scendere. Il velocista britannico Tom Pidcock non è riuscito a tenere a bada l’inseguitore Van Barley, a cui si è unito anche Laporte.

Nella gara femminile, dal canto suo, anche Lotte Kopecky, della SD Worx, ha vinto da sola dopo essere stata la più forte a Muur. Il corridore belga è il primo di questa nazionalità nel record di Omloop.

Puoi seguire EL PAÍS Sports su Facebook E Cinguettioo registrati qui per ricevere Notiziario settimanale.