Settembre 16, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Pacquiao, sull’Ugas: “Non posso credere che uno dei miei avversari più facili mi abbia fatto questo”.

Avanzi della lotta tra Manny Pacquiao e Yordenis Ugas È ancora attivo. Si parla ancora molto di sconfiggere i filippini. Non è da meno. È una leggenda e come tale trascende tutto ciò che fa. PacMan ha mostrato un calo delle prestazioni sul ring chiaro rispetto alla loro lotta precedente (Luglio 2019 vs Thurman). A 42 anni di distanza, il tempo sembra aver catturato i filippini. Anche se, dopo la battaglia, Pacquiao non voleva che le sue dita fossero attaccate al suo futuro e ancora non lo voleva.Ho ritirato 60-40 a favore di lasciarlo”., Egli ha detto.

Questa è l’ultima volta che abbiamo sentito parlare di lui fino a quando non ha rotto il silenzio all’Athletic. Era chiaro: era sorpreso dalla sua sconfitta. “In tutta la mia carriera, l’Ugas è stato uno degli avversari più facili. Avevo solo una tecnica e avrebbe dovuto essere facile per me. Hai visto come mi muovo nelle mie battaglie. Non potevo farlo. Le mie gambe mi hanno fermato. IlO penserò perché non riesco a credere che uno dei miei concorrenti più facili mi abbia fatto questo“, ha sottolineato.

In quella stessa intervista, Pacquiao abbandona la data di gennaio 2022 per una potenziale rivincita. Perché questo accada, molti fattori devono essere visti. eLa cosa principale è sì, nel contratto di lotta è stata stipulata una rivincita. Se non è nella lista, una causa contro Errol Spence (l’ha nominata alla fine del combattimento) per Ugas sarebbe probabilmente più redditizia. In secondo luogo, PacMan prevede di candidarsi alle elezioni presidenziali del maggio 2022 nelle Filippine. Se è rimasto indietro alla data di gennaio, è perché pensa di avere tempo per fare entrambe le cose, ma solo il tempo dirà se lo è. Per ora, la leggenda continua a riflettere.

READ  Gustavo Cortez è un nuovo giocatore del Racing Club. Ha superato la visita medica, riferisce Olé | Ecuadoriani all'estero | Gli sport

Al di fuori delle questioni legali, sembra che Ugas potrebbe dimenticare un altro nome se PacMan lo volesse. “È una leggenda e un grande pugile.È un uomo d’onore amato da tutti. Se vuoi vendetta, te la darò volentieri. Lo ammiro e lo rispetto ancora per tutto ciò che ha fatto dentro e fuori dal ring”.