Febbraio 1, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Ripensare lo spazio pubblico | Araldo del Messico

Durante la pandemia, le città hanno beneficiato dello spazio pubblico per le auto. Era necessario fornire mezzi di trasporto che non esponessero le persone al contagio, come camminare o andare in bicicletta, ma era anche un’opportunità per migliorare lo spazio urbano. Infatti, secondo Fabrizio Prati, del Global Cities Design Initiative, citato da Bloomberg City Lab, il recente investimento nel pendolarismo in bicicletta ha rafforzato la cultura della bicicletta già profondamente radicata in tutta l’America Latina. Nel nostro Paese la bici è diventata un nuovo paradigma di trasporto sostenibile, ma è anche ingombrante, che sappiamo funzionare perché sempre più persone la usano, con un investimento pubblico relativamente basso. Bogotá, ad esempio, ha costruito una rete di 84 km di piste ciclabili durante la pandemia, almeno 23 km di quei chilometri sono permanenti e si aggiunge all’obiettivo, che stanno per raggiungere, di avere 839 km di piste ciclabili nel 2024. Anche Città del Messico gestisce lavorare durante la pandemia piste ciclabili che sarebbe stato molto difficile creare in tempi normali, come le corsie di Insurgentes, ma anche altre corsie di Avenida Camarones. Ora entrambi hanno un carattere permanente. A questo si prevede di affiancare la prima pista ciclabile della capitale, che collegherà Naucalpan proprio con Camarones.

In altre città, e Città del Messico dovrà imparare da questo; Durante la pandemia, anche gli spazi per ciclisti sono stati combinati con zone vietate alle auto, secondo un rapporto di Linda Boone, Fergus O’Sullivan e Amy Yee per Bloomberg City Lab. È successo a San Francisco, dove c’è una strada che attraversa il Golden Gate Park. È stato trasformato in uno spazio scultoreo ad uso pedonale. Una misura temporanea, all’epoca controversa, per aprire gli spazi pubblici durante la pandemia è ora una nuova attrazione nel Golfo. Anche New York ha chiuso diverse strade alle auto. Particolarmente riuscita è stata la pista ciclabile e pedonale sulla 34th Avenue nella zona di Jackson Heights nel Queens. Lì puoi andare in bicicletta, portare a spasso animali domestici, organizzare eventi della comunità, festival gastronomici e persino insegnare arte e lezioni di inglese. Nel centro di Stoccolma, sono stati creati anche spazi per liberare le strade dalle auto e facilitare meglio l’uso delle biciclette e spazi pubblici con processi di partecipazione dei cittadini nella loro progettazione. A Milano è stato sviluppato un progetto chiamato Open Squares per realizzare 40 interventi, attraverso l’uso dell’urbanistica tattica, per garantire uno spazio senza auto per ogni quartiere. A Quito, nel quartiere Magdalena, circa 2 chilometri quadrati di via Viraconcha sono stati trasformati e dipinti da artisti locali per farne uno spazio culturale e unire un’area ciclabile e pedonale.

READ  Google Pay: risparmia, paga e gestisci

La progettazione di spazi senza auto ha subito un’accelerazione durante la pandemia, ma continua. Di recente, a Berlino, 50.000 persone hanno firmato una petizione per unire una zona pedonale nelle zone centrali della città. Viene stabilito che l’auto non è consentita in un’area di circa 88 chilometri quadrati, e per il fatto che è stata attivata una forma di consultazione costituzionale dei cittadini, un voto finale potrebbe rendere la zona pedonale più grande di qualsiasi città in il mondo possibile. . Alla domanda sul perché una zona a emissioni zero, cioè dove sono consentite le auto elettriche, non debba essere preferita alle zone pedonali, chi sostiene il provvedimento a Berlino fa notare che l’offerta attuale di questo tipo di veicoli è molto bassa, e quindi ci sono ancora pochi anni per farne un uso massiccio, e questo significa andare avanti con le zone senza auto per ridurre le emissioni a breve termine. L’ultima volta che Città del Messico ha promosso un nuovo enorme spazio pedonale durante la gestione di Marcelo Ebrard, Avenue Madero, oggi è stato un successo sotto tutti gli aspetti, motivo per cui è necessario pensare a nuovi spazi senza auto, per costruire una città migliore.

di VIDAL LLERENAS
LLERENASVIDAL@HOTMAIL.COM
@twitta

Amico