Settembre 19, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Ronald Koeman: è pazzesco pagare così tanti soldi (200 milioni di dollari) per Kylian Mbappe” | Calcio | Sport

Il tecnico olandese ha parlato nella conferenza stampa di sabato in vista del duello di domenica contro il Getafe al Camp Nou.

Agenzia di stampa Francia

Sebbene l’FC Barcelona abbia notevoli problemi finanziari, sabato l’allenatore Ronald Koeman ha dichiarato in una conferenza stampa di voler “avere (Kylian) Mbappe nella mia squadra”, considerando che il francese è uno dei “migliori giocatori del mondo”. .

“Se il Real Madrid ha i soldi, lascia che lo firmino. Non preoccuparti, è uno dei migliori giocatori al mondo. Voglio anche che Mbappe sia nella mia squadra. Tutti ci stanno provando”, ha detto l’allenatore olandese alla stampa conferenza questo sabato prima del duello di domenica contro il Getafe al Camp Nou. Migliora la sua squadra, e se migliorerai la tua squadra con questo giocatore.

Tuttavia, Koeman disapprova gli importi riportati dalla stampa: “Questo è ridicolo, questi numeri (200 milioni di dollari). Per me è pazzesco pagare così tanti soldi a un giocatore al giorno d’oggi, visto il mondo”.

“È frustrante, lo capisco, ma devi essere realistico. Il club non può competere finanziariamente con club come Paris (Saint-Germain), (Manchester) City, (Manchester) United. Lo sappiamo. Oggi come tale, devi accettare e lavorarci sopra”. Cambiare le cose e migliorarle Il tecnico del Barcellona ha spiegato che continuerà per molto tempo, non è una questione di oggi o di domani.

“Non puoi pretendere quello che c’era altre volte in questo club. Lavoriamo, iniziamo a fare cose, giochiamo con giovani calciatori che hanno bisogno di tempo per dare il massimo. Koeman aveva predetto che Pedri non sarebbe stato lo stesso a 17 anni come a 24”.

READ  "Questi colori si difendono fino alla morte": Pablo Aguilar si è scusato con Santiago Jimenez

L’olandese però si rifiuta di parlare di una stagione di transizione: “Non sono favorevole a pensare di non vincere. Siamo in un club dove bisogna sempre mostrare una mentalità vincente. Ma bisogna essere realisti: è un momento al club in cui non possiamo lottare per ottenere il meglio al mondo, anche le altre grandi squadre ci stanno provando”. (Dottoressa)