Maggio 16, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Ulstein spiega gli sviluppi che consentiranno emissioni zero in futuro

A cura di Portale EditorialePortuario.cl

Incorpora il tweet


Sebbene l’industria delle crociere non contribuisca molto alle emissioni globali di gas serra, l’industria delle crociere si impegna a ridurre le emissioni per diventare più sostenibili a meno dello 0,1%. Le navi da crociera esplorano aree protette e vulnerabili in tutto il mondo e le compagnie di crociera ei loro clienti non vogliono danneggiare l’ambiente che esplorano. Sono richieste soluzioni a basse emissioni, rumorosità e vibrazioni minime. Così, Olstein Introduce il concetto di crociera orientato verso una transizione graduale verso operazioni a zero emissioni.

Ogni processo di progettazione deve iniziare con una migliore comprensione delle operazioni navali. L’analisi dei diversi processi che vengono eseguiti e di come influiscono sul consumo energetico della nave è essenziale. Ciò consente di identificare e valutare come viene ridotto il consumo di energia, come viene prodotta l’energia e, infine, come viene utilizzata l’energia rimanente. In tal modo, sono state implementate alcune azioni nella progettazione della nave da crociera Ulstein CX129, tra cui linee dello scafo X-Bow migliorate, fari a LED, tecnologia a pompa di calore e un sistema di alimentazione residua, tra gli altri che possono essere aggiunti in seguito a piacere.

“Ulstein si impegna a consentire queste operazioni di crociera sostenibili. Applicando la tecnologia non appena sarà disponibile, possiamo rendere le navi di oggi pronte per le aspettative e i requisiti futuri”. Olstein.

Ciò ha portato l’azienda a esplorare soluzioni innovative e proporre un’implementazione graduale della tecnologia per realizzare operazioni di crociera a emissioni zero.

Il motore Ulstein CX129 è stato sviluppato per funzionare con motori a doppia alimentazione metanolo/MGO. Questa tecnologia è già disponibile sul mercato. Se lo si desidera, MGO può già essere sostituito con HVO, un biocarburante rinnovabile prodotto da rifiuti e residui, ad esempio, dell’industria alimentare. Questo detergente brucia carburante e ridurrà significativamente le emissioni di gas serra.

READ  Otto domande e risposte sulla crisi energetica | mercati

Il progetto ha anche la flessibilità di post-aggiornare l’idrogeno, preparando gli operatori crocieristici a un futuro senza emissioni. Un aggiornamento per il trasporto di vettori di idrogeno organico liquido (LOHC) come possibile carburante, oltre allo spazio per i contenitori di idrogeno, possono essere installate celle a combustibile a idrogeno.

Le operazioni di crociera a basse emissioni sono oggi possibili con una combinazione di motori a metanolo a doppia alimentazione e sistemi di accumulo dell’energia della batteria. “Con una capacità della batteria di 4 megawattora, un’autonomia di carburante di 11.000 miglia nautiche su MGO/HVO, 3.800 miglia nautiche su metanolo e con l’opzione di un futuro aggiornamento a 1.200 miglia nautiche di autonomia di idrogeno, un’operazione tipica di un incrociatore può rimuovere significativamente il carbonio.” , dice. Lars Stoll Skoog, Direttore commerciale di Ulstein Design & Solutions.