sabato, Luglio 20, 2024

Top 5 This Week

Related Posts

Un nuovo vertice americano per la “cooperazione economica”

JuanJ. Paz-y-Mino Cepeda*, collaboratore di Prensa Latina

Il suo obiettivo era quello di fermare ogni tentativo di riconquista coloniale da parte delle potenze europee nel continente, dove si stavano svolgendo le ultime battaglie per l’indipendenza, che portarono alla nascita dei vari paesi dell’America Latina. Il monarchismo è stato sintetizzato nella formula “America per gli americani”, che ha accompagnato la definitiva espansione imperiale degli Stati Uniti nel XX secolo.

Nel pieno dell’unilateralismo americano, gli Stati Uniti d’America. Sono rimasti persistenti in molteplici iniziative per preservare i loro interessi e rafforzare la sottomissione dell’America Latina nei loro confronti. Il primo passo “diplomatico” fu la convocazione della Prima Conferenza Interamericana nel 1890, che istituì la Federazione Internazionale delle Repubbliche Americane, che nel 1910 si trasformò nell’Unione Interamericana, e nel 1948 nell’Organizzazione degli Stati Americani ( OAS), divenuta un’organizzazione internazionale. Strumento della Guerra Fredda in America Latina dopo la Rivoluzione Cubana (1959), questo è oggi un forum ampiamente screditato.

In materia economica, il punto di partenza fu la Prima Conferenza Finanziaria Panamericana (1915), il cui obiettivo principale era “stabilire relazioni finanziarie più strette e più soddisfacenti” tra i paesi del continente, in cui ancora dominavano le relazioni economiche con l’Europa. . La Prima Guerra Mondiale interruppe questo percorso, tanto che nel 1939 si tenne la prima riunione dei ministri delle finanze delle repubbliche americane, che però si concluse solo con progetti e raccomandazioni. Decenni dopo, negli anni ’80 e ’90, furono imposti il ​​FMI e le condizioni neoliberiste imposte dal Washington Consensus, quando fioriva la globalizzazione transnazionale.

Approfittando specificamente di questa situazione, gli Stati Uniti. Si è tenuto il Primo Summit delle Americhe (1994), che ha sottolineato due aspetti tradizionalmente idealistici: il “libero scambio” e la “comunità delle democrazie” nelle Americhe, legata all’Organizzazione degli Stati americani (https://bit.ly/ 38Zzu7g). . Il suo obiettivo immediato era la creazione dell’Area di Libero Scambio delle Americhe (ALCA), un progetto che suscitò una seria resistenza tra le forze progressiste e i movimenti sociali, e che fu stroncato sul nascere dal Quarto Vertice tenutosi in Argentina (2005). , dove i presidenti Hugo Chávez (Venezuela), Néstor Kirchner (Argentina) e Inácio Lula da Silva (Brasile) abbandonano l’area di libero scambio degli Stati Uniti e promuovono il MERCOSUR, l’UNASUR e la Comunità delle nazioni dell’America Latina e dei Caraibi (Venezuela anche ALBA) .

READ  La Russia vieta la riesportazione di oltre 200 tipi di prodotti

Da quel momento in poi, le Conferenze delle Americhe divennero forum di confronto tra Monroeismo e America Latina. Rafael Correa, allora presidente dell’Ecuador, annunciò che non avrebbe partecipato al Sesto Vertice (2012) se Cuba avesse continuato a essere esclusa, posizione che fu sostenuta da altri paesi, costringendo Cuba a partecipare al Settimo Vertice (2015). Questa tendenza progressista latinoamericana ha segnato l’inizio dei colloqui che hanno portato all’apertura diplomatica tra Cuba e gli Stati Uniti, inclusa la storica visita di Barack Obama all’Avana (2016), un processo che è stato invertito dal presidente Donald Trump (2017-2021), sotto un altro posizione conservatrice. E i nuovi governanti liberali in America Latina.

Il nono vertice delle Americhe a Los Angeles (giugno 2022) si è rivolto a Monroy e ha tentato di allineare i paesi dell’America Latina con la posizione degli Stati Uniti nella guerra in Ucraina. Cuba, Nicaragua e Venezuela furono esclusi dalla partecipazione. Ma i presidenti Andrés Manuel López Obrador (Messico), Xiomara Castro (Honduras) e Luis Arce (Bolivia) non hanno partecipato al vertice (hanno inviato i loro ministri degli Esteri), mentre Johnny Briceño (Belize), Gabriel Boric (Cile) e Alberto Fernández (Cile) lo ha fatto, ma non ha partecipato al vertice (ha inviato i suoi ministri degli Esteri). Argentina) e ha messo in discussione i suoi interventi nella decisione unilaterale presa dal governo di Joe Biden. Nemmeno l’alleanza con l’Ucraina si è concretizzata, poiché l’America Latina è stata certificata come zona di pace.

Il fallimento dei vertici ha portato a una nuova strategia per risanare il continente: venerdì scorso (3 ottobre 2023) si è tenuto il “Primo vertice dei leader dell’Alleanza per la prosperità economica delle Americhe (APEP)”. Incarna l’iniziativa del presidente Joe Biden formulata durante il Summit of the Americas del 2022, in cui ha annunciato la creazione del “Complesso delle Americhe” (https://tinyurl.com/2muekvc3). Al nuovo vertice hanno partecipato: Joe Biden (Stati Uniti d’America), Gustavo Petro (Colombia), Gabriel Buric (Cile), Justin Trudeau (Canada), Dina Boluarte (Perù), Luis Lacalle Pou (Uruguay) e Luis Abinader (Repubblica Dominicana). ). ), Rodrigo Chavez (Costa Rica) e Guillermo Lasso (Ecuador), oltre ai ministri che rappresentano Barbados, Messico e Panama. È stato concordato un documento che esprime, in sostanza, le intenzioni di coordinamento economico continentale, su temi generali: rafforzamento della competitività e dell’integrazione regionale; promuovere la prosperità condivisa e il buon governo; costruire infrastrutture sostenibili; Tutela del clima e dell’ambiente; e promuovere comunità sane (https://tinyurl.com/mcnumdvh). Si tratta semplicemente di un piano pubblicitario, ben lontano dal programma dell’Alleanza per il Progresso, promossa dal presidente John Kennedy (1961-1963), l’unico che riuscì a promuovere il possibile sviluppo capitalistico dell’America Latina, in piena crisi economica. Guerra fredda. Paradossalmente, mantenendo la conformità con alcune tesi della CEPAL, come la riforma agraria, negli anni ’60.

READ  Ultime notizie e invasione

L’entusiasmo, almeno nella pubblicazione del primo vertice, è stato eguagliato da Guillermo Laso, un mese dopo essere stato costretto a porre fine al suo governo. Per ripulire la sua immagine, nelle sue pubblicazioni successive si aspettava di poter “vedere opportunità per trovare soluzioni ai nostri problemi attuali”, ha parlato di molti “risultati” ottenuti durante il suo mandato e ha ringraziato l’Associazione per lo Sviluppo Islamico Banca per “le misure adeguate adottate per migliorare la propria immagine”. Promuovere lo sviluppo e il benessere degli ecuadoriani” (@LassoGuillermo). Sono parole che contraddicono i risultati disastrosi della sua gestione economica e sociale interna, che presentano un quadro moderno di arretratezza dello sviluppo.

Al di là delle dichiarazioni formali, il primo vertice APEP può essere compreso in tre contesti: in primo luogo, un ritorno alle attuali proposte per un libero mercato continentale, rinnovate dall’idea di “cooperazione economica”; In secondo luogo, questo mercato aperto e cooperativo si verifica in condizioni di disuguaglianza tra una potenza gigante e i paesi meno sviluppati; In terzo luogo, la ri-continentalizzazione di Monroe mira a porre fine all’inarrestabile avanzata degli interessi di Cina, Russia e BRICS, in un mondo che sta rapidamente formando un internazionalismo multipolare e sotto una varietà di regimi politici. I governi progressisti in America Latina hanno l’opportunità di valutare adeguatamente la nuova agenda economica continentale, che non avrà limiti da seguire da parte dei governi con interessi commerciali, sotto l’ideologia neoliberista.

rmh/jjpmc

* Storico e analista ecuadoriano

(Tratto da firme selezionate)

Ciriaco Capone
Ciriaco Capone
"Creatore. Amante dei social media hipster. Appassionato di web. Appassionato fanatico dell'alcol."

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Popular Articles