Aprile 23, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Apple prende sul serio l’intelligenza artificiale

Apple prende sul serio l’intelligenza artificiale

(CNN) — Sembra che Apple abbia finalmente alzato il sipario su alcuni dei suoi sforzi nel campo dell'intelligenza artificiale.

I ricercatori Apple affermano di aver sviluppato una famiglia di modelli multimediali, che si riferisce a un sistema di intelligenza artificiale in grado di interpretare e generare diversi tipi di dati, come testo e immagini contemporaneamente, chiamata MM1. Lui un report Ha affermato che i suoi nuovi metodi hanno “capacità superiori” e possono fornire ragionamento avanzato e apprendimento contestuale per rispondere a testo e immagini.

L’annuncio indica come un sistema del genere potrebbe apportare vantaggi ai futuri prodotti Apple, inclusi iPhone, Mac e il suo assistente vocale Siri.

Ciò avviene quando si prevede che Apple svelerà diverse nuove funzionalità AI durante la conferenza degli sviluppatori di giugno.

Tuttavia, allo stesso tempo, secondo quanto riferito, Apple ha raggiunto un accordo con Google che suggerisce che i suoi sforzi sull’intelligenza artificiale potrebbero non essere ancora esattamente dove vorrebbe che fossero. secondo Rapporto BloombergApple è interessata a concedere in licenza e sviluppare il motore AI Gemini di Google, che include chatbot e altri strumenti di intelligenza artificiale, nei prossimi iPhone e funzionalità di iOS 18.

Mentre sempre più aziende tecnologiche investono miliardi di dollari nello sviluppo e nel lancio dell’intelligenza artificiale, Apple è stata in gran parte esclusa dalla conversazione, poiché molte altre aziende tecnologiche hanno già fatto grandi passi avanti in questo settore. Una partnership con Google potrebbe spingere Apple nella crescente corsa agli armamenti nel campo dell’intelligenza artificiale.

Il rapporto afferma inoltre che Apple aveva già avuto colloqui con OpenAI, la società dietro il chatbot virale ChatGPT.

READ  Gran Turismo 7, il viaggio di realizzazione del port 2 per PS VR

Apple, Google e OpenAI non hanno risposto a una richiesta di commento.

A febbraio, l'amministratore delegato Tim Cook Suggerimento Durante il suo incontro con gli investitori, ha visto “lo straordinario potenziale di progresso per l’intelligenza artificiale generativa, motivo per cui stiamo investendo molto in questo settore proprio ora”. Ma l’azienda non ha condiviso molto sulla sua visione dell’IA.

Dietro le quinte, secondo quanto riferito, Apple ha lavorato sulle funzionalità AI del dispositivo Società di acquisizione, come la startup canadese DarwinAI. Dispone inoltre di un dipartimento di ricerca sull’apprendimento automatico dedicato allo sviluppo dell’intelligenza artificiale.

Le ultime notizie “probabilmente confermano che gli sforzi interni di Apple sono molto indietro rispetto a quelli di OpenAI e Gemini”, ha detto lunedì in una nota agli investitori Angelo Zino, vicepresidente e capo analista azionario di CFRA Research.

Ma ha aggiunto che il potenziale accordo “dimostra che la società è seriamente intenzionata ad aggiungere significative funzionalità di intelligenza artificiale su iOS 18 questo autunno, quando verranno lanciati i nuovi iPhone”.

Google potrebbe essere una buona soluzione per una nuova partnership AI data la sua partnership di ricerca esistente; L'azienda ha investito molto per garantire che Google rimanga l'opzione del motore di ricerca predefinito nel browser Safari di Apple. Tuttavia, questo accordo di ricerca tra i due giganti della tecnologia è ancora valido Controllato dalle autorità antitrust.

Il logo “Benvenuti nell'era dei Gemelli” viene visualizzato sul sito Web mobile di Google DeepMind a scopo illustrativo. (Fonte immagine: Beata Zorzel/NurPhoto/Getty Images)

Lunedì, in un’altra nota agli investitori, gli analisti di Wedbush Securities hanno affermato di considerare la potenziale partnership vantaggiosa per entrambe le società.

READ  Annuncio del Meta Quest Gaming Show di giugno

“Questa è una grande vittoria per Google che entra nell'ecosistema Apple e ottiene l'accesso alla base installata d'oro a Cupertino con costi di licenza ovviamente significativi associati ad esso”, hanno detto gli analisti.

Fornirà inoltre ad Apple le basi e la tecnologia per concentrarsi maggiormente sulle funzionalità iOS basate sull’intelligenza artificiale attualmente in fase di sviluppo.

La partnership potrebbe portare Gemini a quasi 2 miliardi di dispositivi Apple.

Wedbush ha anche affermato che l'accordo rappresenterà un grande “momento di convalida” per la posizione di Google nell'intelligenza artificiale, considerando che Microsoft e OpenAI hanno conquistato quote di mercato iniziali commercializzando alcuni dei suoi prodotti.