Dicembre 5, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Denuncia contro Bolsonaro per il genocidio della popolazione indigena

Il senatore Renan Caleros, relatore della relazione finale della Commissione parlamentare d’inchiesta (Cpi), ha dichiarato oggi che il presidente brasiliano Jair Bolsonaro sarà incriminato per il “genocidio indigeno” durante la pandemia di coronavirus.

Questa legislatura sta valutando la crisi sanitaria che ha ucciso 602.000 persone e oltre 21,5 milioni di contagiati nel Paese sudamericano.

Il presidente sarà giudicato colpevole di “impostore, evasività, genocidio, crimini indigeni contro l’umanità, reato di responsabilità e reato di omicidio colposo, cioè il presidente non ha adempiuto al suo dovere legale di prevenire la morte di migliaia di brasiliani, ” Calheiros è elencato.

Considerato uno dei senatori più influenti della Corte penale internazionale (CPI), Caleros ha commentato che le sue proposte sulle denunce sarebbero state consultate con altri membri del gruppo, poiché esiste un “consenso” significativo sulla maggior parte delle questioni.

Caleros ha commentato che questo fine settimana incontrerà altri membri della CPI per finalizzare il documento che sarà presentato ufficialmente la prossima settimana.

L’Unione dei Popoli Indigeni del Brasile (Apib) e il Consiglio Missionario Indigeno (Cimi), un’entità associata alla Chiesa cattolica, hanno denunciato la mancanza di misure per alleviare la crisi del coronavirus nelle comunità indigene.

All’inizio di agosto, Apib ha formalmente accusato Bolsonaro di “genocidio e crimini contro l’umanità” davanti alla Corte penale internazionale con sede a L’Aia, nei Paesi Bassi.

Martedì scorso, l’ONG austriaca All Rise ha accusato il leader di estrema destra di “genocidio” davanti alla Corte penale internazionale con un discorso dal titolo “Pianeta contro Bolsonaro”.

Calliros ha annunciato il mese scorso che la Corte penale internazionale del Senato non esclude la partecipazione alle incriminazioni davanti alla Corte penale internazionale.

READ  Colloqui telefonici tra il presidente siriano e il re di Giordania

Il senatore ha osservato venerdì che il presidente ha organizzato eventi pubblici con migliaia di persone nel bel mezzo della pandemia, che avrebbero potuto facilitare la trasmissione e manifestare contro la vaccinazione a favore del “trattamento precoce” basato su farmaci non idonei. Coronavirus come idrossiclorochina e ivermectina.

Il presidente ha annunciato questa settimana che non sarà mai vaccinato perché ha gli anticorpi per combattere il coronavirus grazie al fatto che si è ammalato nel luglio dello scorso anno quando ha preso l’idrossiclorochina come parte di un “trattamento precoce”.

Lo scorso settembre, Bolsonaro ha difeso il suddetto “trattamento precoce” durante il suo discorso all’Assemblea generale delle Nazioni Unite a New York.

Durante la sua permanenza negli Stati Uniti, il sindaco di New York Bill de Blasio ha criticato Bolsonaro per non aver ricevuto una vaccinazione perché gli è stato negato l’ingresso ai ristoranti che richiedono un certificato di immunizzazione.

Il senatore Caleros ritiene che le “prove” della responsabilità di Bolsonaro per la “cattiva gestione” dell’epidemia siano di dominio pubblico in Brasile e oltre.

Nel maggio 2020, quando gli indicatori di morti e feriti hanno iniziato a crescere, Bolsonaro ha licenziato l’allora ministro della salute, il dottor Luis Henrique Mandetta, e mesi dopo ha nominato il generale Eduardo Pazuelo, qualcuno che non aveva alcuna formazione in materia di salute pubblica.

Renan Caleros ha annunciato oggi che “tra le personalità da incriminare per vari crimini c’è il generale Pazuelo”.

Un membro del parlamento del conservatore Movimento Democratico Brasiliano ha affermato che il militare sarà accusato di “uso irregolare delle risorse pubbliche, false comunicazioni, genocidio delle popolazioni indigene e crimini contro l’umanità”.

READ  La fame ha raggiunto livelli senza precedenti tra le donne in gravidanza e in allattamento nel Tigray, in Etiopia

“Quando il generale Pazuelo è entrato in carica, ha portato più di 60 soldati nel ministero senza alcuna formazione sulla salute pubblica nel mezzo della pandemia”, ha detto Caleros.

Il legislatore prevedeva che sarebbe stato incriminato anche il colonnello Elsio Franco, che era il braccio destro di Pazuello nel portafoglio sanitario, avendo ricoperto la carica di segretario esecutivo.