Dicembre 4, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Era tempo! Nvidia risponde ai crolli di RTX 4090

EFE Latam Video

I venezuelani nutrono la speranza di poter realizzare il sogno americano

Ciudad Juárez (Messico), 20 novembre (EFE). – I migranti, per lo più di origine venezuelana, hanno attraversato il confine messicano per diversi giorni fino a raggiungere la città di El Paso in Texas, nel sud degli Stati Uniti. Questa decisione è stata presa a causa di una sentenza del tribunale che ha posto fine al Titolo 42, il decreto che l’ex presidente Donald Trump ha approvato nel marzo 2020 per rinviare immediatamente i richiedenti asilo in Messico, camuffato da pandemia di coronavirus. Ma il giudice che ha promosso la fine di quell’ordine ha acconsentito alla richiesta del governo degli Stati Uniti di ritardare quella mozione di cinque settimane, fino al 21 dicembre, in modo che le autorità per l’immigrazione possano prepararsi alla transizione. In una dichiarazione, il Department of Homeland Security ha affermato: “Le persone non dovrebbero ascoltare le bugie dei trafficanti che approfittano dei migranti vulnerabili e mettono in pericolo le loro vite. I confini sono chiusi e continueremo a far rispettare le nostre leggi sull’immigrazione al confine. Nel caso di Ciudad Juárez in Messico, gli immigrati clandestini hanno sentito il suggerimento e il giorno dopo hanno iniziato ad attraversare. Alcuni hanno lasciato le loro tende sulle rive del Rio Grande, spingendo le autorità messicane a iniziare a costruire tende vuote. Uno dei migranti ancora sul posto è Edison Sierra, che ha raccontato a EFE che “in questi giorni abbiamo avuto uno stato di incertezza, temevamo che le autorità arrivassero da un momento all’altro e ci portassero fuori dalle tende e potessero deportarci”. ha aggiunto che “ogni paese ha le sue leggi e quello che chiediamo è di darci un momento per continuare a combattere qui, vogliamo un’opportunità dal governo degli Stati Uniti per permetterci di lavorare”. i loro bisogni primari, come il cibo.“Sono un professionista, ho studiato economia aziendale e mi sento triste, ho lasciato tutta la mia famiglia e questo non è facile, molte persone ci giudicano, pensano che siamo marginali e non è questo il Astuccio. Siamo persone con sentimenti e tutti possiamo attraversare questa situazione e un messicano sa cosa vuol dire emigrare in un altro paese”, ha detto con voce rotta. Un altro caso è quello di Alejandro Marcano, anche lui di origine venezuelana, che ha commentato : “Alcuni colleghi hanno avuto il coraggio di attraversare il confine con gli Stati Uniti. Stavo per andarmene, ma ci ho pensato. Poi ha saputo che molti di loro erano Tapachula, Chiapas e Tabasco: “Temo che ci portino via da qui, non è facile, abbiamo attraversato sette paesi, aspetteremo fino al 22 dicembre per vedere cosa diranno le autorità noi, per vedere se riusciamo ad attraversare”. In alcune occasioni, molti clandestini accendono fuochi per cucinare o per riscaldarsi di fronte al freddo che imperversa nella zona, un clima a cui non sono abituati”. Continueremo a monitorare la zona e cercare di convincere i migranti ad andare in un altro luogo di rifugio, può capitare loro l’ipotermia Oppure se appiccano un incendio, potrebbe scoppiare un incendio, andiamo avanti e pensiamo di farcela così possiamo prendere rifugio”, ha commentato Roberto Briones, direttore della protezione civile a Ciudad Juarez in Messico. “Alcune tende hanno un cartone all’esterno con la scritta ‘Occupato’, dove devono spostarsi dal loro luogo di protezione e metterlo da parte in modo che non essere occupate da qualcun altro o distrutte dalle autorità. Le tende rigide sono in alcuni casi coperte con coperte e puntellate con bastoni per proteggersi dalle temperature gelide della zona. nonostante il fatto che molti immigrati clandestini siano partiti per Negli Stati Uniti, si stima che ci siano circa 200 rifugi di questo tipo che li proteggono dalle intemperie e circa un migliaio di rifugiati, che continueranno ad aspettare la realizzazione del sogno americano. I migranti sono rimasti bloccati a detto confine dopo che il governo di Joe Biden ha rivisto la politica sull’immigrazione per i cittadini di quel paese il 12 ottobre, nonché la determinazione ad espandere la legislatura per l’espulsione transfrontaliera, disciplinata da regolamenti chiamati Titolo 42, per i quali i cittadini venezuelani iniziò la deportazione in Messico. (c) Agenzia EFE

READ  La preinstallazione di Forza Horizon 5 è ora disponibile