Febbraio 27, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Gaza: Netanyahu rifiuta la soluzione dei due Stati e Guterres chiede un cessate il fuoco immediato

Gaza: Netanyahu rifiuta la soluzione dei due Stati e Guterres chiede un cessate il fuoco immediato

Il primo ministro israeliano ribadisce ancora una volta che la guerra continuerà e che non intende accettare la soluzione dei due Stati sostenuta dagli Stati Uniti. Il segretario generale delle Nazioni Unite, António Guterres, ha chiesto un cessate il fuoco immediato per proteggere i civili e gli ostaggi.

Pubblicità

Dopo Attacchi aerei israeliani venerdì e sabato notte su Siria e Libanosono emerse nuovamente serie preoccupazioni circa la possibilità che ciò accada Il contagio della guerra di Gaza a tutto il Medio OrienteTenendo conto anche della rapida escalation in Yemen, dove gli Houthi hanno promesso di mantenere il divieto di navigazione nel Mar Rosso e nel Golfo di Aden nonostante gli attacchi quotidiani da parte degli Stati Uniti e dei suoi alleati.

Guterres chiede un “cessate il fuoco a Gaza”

Lo ha sottolineato ancora una volta il segretario generale delle Nazioni Unite, António Guterres, in visita in Kenya La necessità di un cessate il fuoco umanitario a Gaza il più rapidamente possibile, non solo per porre fine alle sofferenze dei civili a Gaza e restituire gli ostaggi israeliani, ma anche per evitare che il conflitto diventi completamente fuori controllo.

Netanyahu rifiuta la soluzione dei due Stati

Tuttavia, la leadership israeliana è fermamente determinata a continuare con l’attuale stile di operazioni. primo Ministro Sabato Benjamin Netanyahu ha respinto ancora una volta la soluzione dei “due Stati”.Ha scritto sui social media che Israele ha bisogno di ottenere il “controllo di sicurezza” su tutto il territorio dal fiume Giordano al Mar Mediterraneo, che è fondamentale per la sicurezza di Israele. Netanyahu ammette che questo concetto lo è È in conflitto con l’esistenza dello Stato palestinese.

READ  L'Italia allenta le misure per combattere il COVID-19

Israele sta facendo progressi nonostante le pressioni degli Stati Uniti

Ma allo stesso tempo si trova ad affrontare Netanyahu e il suo governo Crescenti critiche interne ed esterne. Questo tweet è il secondo rifiuto consecutivo di rispondere alle richieste degli Stati Uniti, alleati di Israele e uno dei pochi paesi che ha espresso il suo fermo e indubbio sostegno a Israele, sia a parole che fornendo armi. Nel precedente, casa Bianca Ha espresso la sua grandezza Delusione per questa posizione del leader israelianoWashington vuole continuare i negoziati per convincere Netanyahu.

Critiche interne al governo Netanyahu

E in Israele, Proteste antigovernative Dall’inizio della guerra non si è mai fermata. Nei primi tempi, gli oppositori accusavano il governo dei fallimenti dell’intelligence che rendevano possibili le elezioni Un attacco a sorpresa di Hamas. E ora chiedono Elezioni anticipate Per sostituire Netanyahu, la sua politica di “push” appare sempre meno efficace nel raggiungere l'obiettivo principale di Israele: il rilascio degli ostaggi.

questa settimana, Uno dei ministri Primo ministro del Consiglio militare, ex capo di stato maggiore Gadi Eisenkot. Ha criticato pubblicamente NetanyahuCon il pretesto che il cessate il fuoco e i colloqui sono l'unica via possibile per riportare gli ostaggi in patria.