Dicembre 2, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Hamilton: la F1 deve difendere i diritti umani

Il sette volte campione del mondo Lewis Hamilton ha dichiarato giovedì che era dovere della Formula 1 difendere i diritti umani mentre concludeva la sua stagione in Medio Oriente.

La F1 abbasserà il sipario sulla sua prima stagione in Qatar e Arabia Saudita, seguita dalla finale ad Abu Dhabi, dove corre la prima divisione dal 2009. La F1 organizza gare in Bahrain dal 2004 e ha quattro gare valide in Medio Oriente sul calendario.

Non è la prima volta che Hamilton parla di diritti umani ed è intervenuto nel rilascio di un prigioniero politico all’inizio dell’anno.

“Ci sono problemi in questi Paesi che visitiamo, come nel resto del mondo. È il primo del contratto decennale tra Formula 1 e Qatar che, ovviamente, (il Medio Oriente) è visto come il peggiore in questa parte del mondo”, ha detto Hamilton prima della gara di domenica.

“Penso che tutti questi sport che arrivano su questi siti abbiano il dovere di attirare l’attenzione su questi problemi e questi siti dovrebbero essere interrogati mentre parla la stampa”, ha aggiunto.

Il Qatar e l’Arabia Saudita sono stati accusati di riciclare il loro record di diritti umani attraverso il “lavaggio sportivo” e di realizzare grandi auto sportive per proiettare un’immagine positiva dei due paesi. Il Qatar ospiterà la Coppa del Mondo FIFA il prossimo anno.

“L’uguaglianza di genere è un problema serio”, ha detto Hamilton. Stanno cercando di prendere provvedimenti. Non è qualcosa che cambierà dall’oggi al domani. Ho imparato cose come aggiustare il sistema di “cauzione” che era in vigore fino a pochi anni fa”.

“C’è molto da fare. Quello che penso è che se veniamo in questi luoghi, dobbiamo far luce sulla situazione. Penso che possiamo attirare l’attenzione su di essa, generare il tipo di domande e pressioni che può promuovere il cambiamento”.

READ  "Non mi piace (sprint), ma vediamo se cambio idea domani."

L’anno scorso, Hamilton ha ricevuto personalmente lettere da tre cittadini del Bahrein che sarebbero sopravvissuti alla tortura, nonché una foto della sua Mercedes, disegnata da un figlio del Bahrein condannato a morte. Il disegno è stato mostrato in esclusiva all’Associated Press.

Durante la gara dello scorso anno in Bahrain, Hamilton ha sottolineato che la situazione dei diritti era un “grosso problema” in molti dei paesi che la F1 visita e che “come sport dobbiamo fare di più”.

Yousef, uno dei tre prigionieri che hanno scritto a Hamilton, si è riunito con successo con Kamil Juma’a, suo figlio di 18 anni, a settembre dopo essere stato rilasciato dal carcere in Bahrain. Jumaa è stato imprigionato in Bahrain e sarebbe stato torturato dal dicembre 2019 a causa di ciò che Amnesty International considerava “una vendetta contro sua madre”.

Sua madre è stata incarcerata per due anni per aver criticato la gara di F1 in Bahrain sui social media.

L’Associated Press ha chiesto a Hamilton di Youssef e delle altre vittime della tortura che gli hanno scritto la scorsa stagione. Secondo Syed Ahmed Alwadaei del Bahrain Institute for Rights and Democracy, gli articoli dell’Associated Press hanno portato al rilascio del figlio di Yousef.