Novembre 27, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I nicaraguensi in Spagna si mobilitano contro le “frodi” elettorali nel loro paese

Questo contenuto è stato pubblicato il 05 novembre 2021 – 10:48

Madrid, 5 novembre (EFE). – Con sette oppositori in carcere e due giorni prima delle elezioni in Nicaragua, la comunità nicaraguense in Spagna si mobilita per protestare contro il “trucco” organizzato dal governo di Daniel Ortega per affermarsi al potere e chiedere che le elezioni siano fuori legge per cui “tutto è già pensato”.

Domenica 7 novembre, l’Assemblea di SOS Nicaragua Madrid ha organizzato un sit-in davanti al Congresso spagnolo per denunciare lo svolgimento delle elezioni, l’imprigionamento degli oppositori e la repressione in cui il popolo nicaraguense vive sotto l’autorità dello Stato. Ortegas, che si ripeterà in altre città spagnole ed europee.

“Tutto è già pronto per vincere, e l’incarcerazione dei sette candidati ne è un esempio”, ha detto a EFE un giovane giornalista nicaraguense di Madrid, che preferisce rimanere anonimo per motivi di sicurezza.

L’origine della repressione del governo di Ortega è aumentata drammaticamente nel 2018 durante le proteste per la festa della mamma del 30 maggio, indette dai movimenti universitari che hanno provocato 15 morti e 199 feriti, secondo fonti del governo nicaraguense.

“Ha ordinato l’assassinio dei nostri figli, quindi chiediamo giustizia e chiediamo alla comunità internazionale di non riconoscere questa elezione fraudolenta”, ha detto Josefa Esterlina Meza, madre di Jonathan Morazan Meza, ucciso durante le proteste.

Meza denuncia la mancanza di separazione dei poteri nel suo Paese – legislativo, giudiziario, esecutivo ed elettorale – che nel Paese centroamericano è considerato un quarto potere: “In Nicaragua tutti i diritti sono sospesi. Noi della polizia di stato, tutti i poteri statali sono soggetti alla dittatura sandinista.”

READ  Migliaia manifestano in diverse città americane per il diritto di voto - Telemundo San Antonio (60).

La mancanza di autonomia non è una situazione nuova per il Nicaragua. Ha spiegato a EFE NP, un nicaraguense situato in Spagna, “sotto la guida del governatore Daniel Ortega Saavedra, da quando è salito al potere, ha ottenuto l’indipendenza dalle varie autorità statali, cioè tutto è sotto il controllo del governo”. per due anni.

Non ci sono possibilità di miglioramento

Con l’affermazione di Ortega dello scorso gennaio che si sarebbe aperto un dialogo nazionale dopo le elezioni, la comunità nicaraguense in Spagna non crede che la situazione migliorerà dopo le elezioni.

Il NP ha avvertito che “la situazione peggiorerà, soprattutto nel controllo di più istituzioni e ONG che non hanno nulla a che fare con il governo e la migrazione di massa dei nicaraguensi in cerca di migliori opportunità di lavoro”.

Con Christiana Chamorro, Arturo Cruz, Felix Maradiaga, Juan Sebastian Chamorro, Miguel Mora, Medardo Mairena, Noel Fedori e i sette dissidenti arrestati per “tradimento”, il presidente del Paese centroamericano rimuove “ogni residuo di una fiera, libera e trasparente”. elezione secondo gli standard internazionali”, ha affermato Così, l’avvocato nicaraguense Reid Alvarado.

Araceli Soseda, presidente di SOS Nicaragua Madrid, afferma che questi arresti sono stati “inventati”. “E’ proprio la paura dei signori Ortega e (Rosario) Murillo che li ha spinti ad andare ad arrestare l’opposizione, e non li chiamiamo nemmeno prigionieri politici ma li chiamiamo ostaggi politici”.

L’attuale persecuzione di oppositori e manifestanti contro il governo è promossa dalla “paura di Ortega che noi nicaraguensi torneremo a scendere in piazza, a esprimerci di nuovo. Ha paura di lasciare il potere perché sa già che non tornerà”, ha giustificato Alvarado .

READ  La Russia propone agli Stati Uniti di revocare le restrizioni al lavoro diplomatico - Prinsa Latina

contenimento della comunità internazionale

Soseda dell’associazione SOS Nicaragua-Madrid ha detto di chiedere “non solo la Spagna, ma l’intera Unione Europea, di essere forte e risoluta, e molti hanno già parlato”. “Chiediamo aiuto perché i nicaraguensi vengono uccisi e vengono abbattuti”.

Da parte sua, Alvarado ha sottolineato che il panorama delle elezioni nel 2021 in gran parte dei paesi dell’America Latina, come Perù, Ecuador, Messico e Cile, è coinvolto in casi di corruzione e abusi di potere per l’assenza di governi progressisti, ed ecco Cuba, il muro di Berlino.

“Una volta che Cuba cadrà, cadranno Venezuela, Nicaragua e gli altri regimi semiautoritari che stanno crescendo in America Latina”, ha detto. EFE

ab/ndg/ajs/jgb

(foto/video)

© EFE 2021. La ridistribuzione e la ridistribuzione di tutto o parte dei contenuti dei Servizi EFE, senza il previo ed espresso consenso di EFE SA, è espressamente vietata.