Settembre 19, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il Congresso del Perù decide se votare la fiducia al governo Castillo

Primo emendamento:

Cinque (AFP)

Il Congresso del Perù, controllato dall’opposizione di destra, riprenderà venerdì un dibattito polarizzante per decidere se dare o meno fiducia al governo ministeriale del nuovo presidente di sinistra Pedro Castillo.

Se il Parlamento nega, Castillo dovrà nominare un altro presidente del Consiglio, in sostituzione dell’ingegnere Guido Peledo, e riorganizzare il governo, il che influenzerà l’agenda del governo e prolungherà l’incertezza che già affligge l’economia peruviana.

Il voto è previsto dopo l’intervento di 30 deputati che giovedì non hanno partecipato.

L’acceso dibattito è iniziato giovedì mattina, dopo che Peledo ha presentato alla plenaria di tre ore i piani dell’amministrazione insediatasi un mese fa, ma la seduta è stata sospesa durante la notte dopo le 11 ore.

“I nostri obiettivi immediati sono sconfiggere l’epidemia prodotta dal virus Covid-19 e rivitalizzare la nostra economia”, ha affermato Peledo, che è apparso davanti al Congresso con gli altri 18 membri del gabinetto.

Peledo non ha menzionato la promessa elettorale chiave di Castillo di convocare un’Assemblea costituente per redigere una nuova costituzione, proposta a cui i suoi oppositori hanno resistito.

Dopo la sua presentazione, i 124 legislatori – su un totale di 130 – hanno iniziato il dibattito in un’atmosfera tesa che è continuata dalla campagna elettorale del 6 giugno, quando Castillo ha sconfitto di misura l’ala destra Keiko Fujimori.

Una manifestazione davanti al Congresso peruviano a sostegno del governo Castillo e del suo governo, a Lima, il 26 agosto 2021 Ernesto Benavidez, AFP

– ‘Hai voti’ –

Il partito di governo e i suoi alleati hanno ottenuto 57 voti, sui 66 necessari per confermare il governo, e un numero simile di parlamentari intende negare la fiducia, secondo i media locali.

READ  L'esercito brasiliano non è pronto a organizzare un colpo di stato per salvare Bolsonaro - l'ordine mondiale

Per questo è previsto un voto arbitrale, anche se l’analista Augusto Alvarez Rodrić si aspetta che il governo superi il test.

“Il governo ha i voti per ottenere la fiducia”, ha detto l’analista all’AFP, il cui sostegno finale da parte del Congresso gli risponderà di più in un interesse strategico nell’evitare di alimentare il confronto con il ramo esecutivo.

“Il Congresso non vuole dare al governo gli strumenti per risolverlo così rapidamente, quando ha appena iniziato il suo mandato quinquennale”, ha affermato Alvarez Rodrić.

Se i legislatori rifiutano di dare due volte la fiducia allo stesso governo, la costituzione autorizza il presidente a sciogliere il Congresso e indire elezioni parlamentari straordinarie.

– “fiaba” –

Questa è la prima prova del governo Castillo, che ha preso il potere il 28 luglio dopo uno scontro quinquennale tra esecutivo e legislatura, mentre l’incertezza offusca l’economia peruviana, che sta cercando di lasciarsi alle spalle gli effetti dannosi dell’epidemia. .

I disaccordi tra il nuovo governo e l’opposizione gli sono costati il ​​posto di ministro degli Esteri Hector Bigard, ex guerrigliero e sociologo. È stato sostituito da Oscar Martua, diplomatico di carriera senza alcun legame con la sinistra che ha ricoperto l’incarico nel 2006.

Tuttavia, gli oppositori di Castillo si aspettavano che apportasse ulteriori modifiche al suo gabinetto prima di sottoporsi a un voto di fiducia, cosa che il presidente ha respinto.

La nomina di Peledo è stata molto messa in discussione dall’opposizione e alcuni leader dei gruppi di opposizione si aspettavano che i loro partiti negassero la fiducia.

Il discorso era una favola […]. “Non siamo in grado di avere un voto di fiducia”, ha detto il legislatore Jorge Montoya, un ammiraglio in pensione e presidente dell’organo di estrema destra del Partito popolare, Renovacion Popular.

READ  Attese in Cile per il quarto ritiro dei fondi pensione

“E’ impossibile dare al governo un secondo di fiducia”, ha detto Hernando Guerra Garcia, presidente del gruppo Fujimorista Fierza Popolar.

Invece, il partito al governo ha invitato Valdemar Cerrone a votare per “una dimostrazione che stiamo combattendo la corruzione e l’ingiustizia”.

– Popoli profondi –

Un’aspra campagna elettorale, sei settimane di ritardo nell’annuncio del vincitore e domande ai ministri hanno sollevato la tensione in Perù, facendo salire il dollaro e precipitando il mercato azionario.

“Con o senza un voto di fiducia, non altera in alcun modo l’enorme interesse delle imprese per le prospettive economiche del Perù”, ha affermato Alvarez Rodrić.

Peledo, originario della regione andina di Cusco – capitale dell’antico impero Inca – ha iniziato la sua mostra parlando Quechua e Aymara, le lingue ancestrali che sono ancora parlate da circa cinque milioni su 33 milioni di peruviani e sono lingue ufficiali ​accanto allo spagnolo.

Ciò ha portato la deputata, membro dell’opposizione Maria del Carmen Alva, a boicottarlo e a dirgli di parlare solo spagnolo in modo che tutti i legislatori potessero capirlo.

Peledo, che ha continuato a presentarlo in spagnolo, ha risposto: “Questo è un segno che anche il nostro Paese non ha capito che esistono popoli profondi con culture e lingue di vari settori”.