Aprile 24, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il giardino dei sentimenti di Dries Van Noten

Il giardino dei sentimenti di Dries Van Noten

Quella che sembra una fine racchiude in sé la promessa di un nuovo inizio. Lo stilista belga Dries Van Noten ha annunciato questa settimana che si ritirerà dal mondo della moda per dedicarsi all'altra sua passione, nel senso che Voltaire dà alla parola felicità: “piantare il suo giardino”. Il loro vivaio a Lier, in Belgio, pieno di gigli, rose e dalie antichi, è un ex vivaio classificato risalente al 1820. È qui che Dries Van Noten ha tratto così tanta ispirazione da trasformare i suoi profumi – per mano di Puig – in una serie Impressioni olfattive.

Da Raving Rose a Santal Greeny, le loro fragranze nascono da un invito a dieci nasi. “Sognavo di poter catturare i profumi del mio giardino.” Un giardino dai colori eclettici permea tutto il suo lavoro. Un'opera paesaggistica in cui abiti e cappotti tagliati ad arte sono alberi, abiti, camicette e aiuole di straordinaria raffinatezza, ondulati con le stagioni e la fluida luce onirica sessuale che è sempre stata lì.

“Sognavo di poter catturare i profumi del mio giardino.”

Abbandonando la sua vocazione, Dries Van Noten ci invita nella sua visione: all'orizzonte, un ecosistema virtuoso, dalla produzione alla distribuzione, dalle radici culturali al riciclo dei materiali. A Parigi, sulla Rive Gauche, il suo negozio ha aperto nel luglio 2023 ed è interamente dedicato a profumi, cosmetici e accessori, e ospita un vero e proprio armadio delle meraviglie. In questo cofanetto in oro e marmo, il bestseller non è altro che il Quai Malaquais, una bottiglia di porcellana blu e vetro, il cui elisir unisce seta e castagna… Come le loro silhouette, gli astucci ricaricabili e da collezione sono presentati in un gioco di opposizione. . Che ritroviamo ancora in questa fragranza lanciata questa primavera. Mystic Moss (non ancora arrivato in Spagna). Uno scontro di metallo botanico, nell'immagine di tutti gli opposti che Dries Van Noten ama connettere, rosa e pepe, tessuti ricamati e neon, in fedeltà a una storia, questi classici si rinnovano di stagione in stagione in modo libero e multiforme. spirito colorato.

Potere sensibile

Il colore è sempre stato il suo linguaggio, disegnando il suo ambito espressivo assoluto e illimitato, supportato dalla passione per i tessuti. Proviene da una famiglia di sarti da tre generazioni, e il suo senso della disciplina rende possibili tutti i contrasti cromatici e tutta la stravaganza. Dries Van Noten unisce una conoscenza enciclopedica dell'arte con la conoscenza della botanica e di tutti i luoghi che si possono sognare. Oltre a quel tocco unico, quelle miscele che ci ricordano confronti, seppia e neon, “Uomini e donne” (Autunno-Inverno 1986), “Simple Tales of the Raj” (1988). Già nel 1990 compone una raccolta sul tema “Paradisus terristris”.

Presentando la collezione Primavera/Estate 2023 alla settimana della moda di Parigi nel settembre 2022

Victor Virgilio/Gamma Ravo tramite Getty Images

La natura etnica, urbana, temperata, tropicale, grafica, irreale, soprannaturale era sempre presente. Ogni stagione, dalla creazione della sua azienda nel 1986, sembra essere stata oggetto di dissezioni, di nuovi incontri che combinano personaggi, tessuti, motivi e colori, in una casa che somiglia a una serra per barche: tele grezze lucidate, eppure, le sovrapposizioni di materiali, la miscela di stampe animalier e strisce, così come il dipinto stesso testimonia la molteplicità delle voci e questo senso di struttura che non può essere ridotto a immagini. Non esistono infinite case del genere, dove crediamo di poter far crescere i fiori dopo averli accuratamente sradicati.

Splendore in città

Dries Van Noten è l'ottomano di Anversa, la Venezia del Nord, anche il suo nero è sempre saturo di luce, quella luce che non smette mai di muoversi dentro i suoi vestiti, quell'oro tatuato e ricamato, i suoi cappotti dipinti, quel modo così speciale di porre un velo ragnatela sui pantaloni maschili, per suggerire a suo modo una sorta di ospitalità, e un audace splendore nella città. Abbinandoli alle camicie bianche, ha tolto la borghesia di paillettes e piume. In lei, il petto del chierico parla con opulenza, il serpente con la calligrafia, il rosa carnivoro con l'arancio seducente, l'iris con il velluto, il Rinascimento con l'orientalismo, ogni silhouette richiede una storia, un incontro con un pittore e una storia. Artista, da Anthony Van Dyck a Bacon, da Bronzino a Jimi Hendrix. Dries Van Noten ha resistito a tutte le tentazioni, alle ideologie a buon mercato e all'opportunismo delle formule di buona coscienza che alcuni offrono sotto forma di manifesti pubblicitari per mantenere il suo dominio.

I suoi clienti lo adorano. Completo e rispettoso dell'ambiente, in anticipo sui tempi, ha sempre preferito il dialogo con il pubblico. Sorpresa per falso shock. Dries Van Noten non ha solo creato un marchio, ha creato un modello di sviluppo organico: un caso di studio che dovrebbe trasformare il patrimonio in una risorsa in termini di responsabilità sociale e ambientale. Lui stesso è l'erede di un mondo che ha trasmesso i suoi valori senza mai irriderli. I loro archivi sono fattorie da proteggere, nutrire, arare e arricchire il terreno di nutrienti creativi, dove molti esercizi stilistici si trasformano per mancanza di substrato mentale in trucchi di essiccazione. È così che i più grandi giardini botanici si trasformano in terrazzamenti con erba artificiale.

Dries Van Noten sfila sulla passerella durante la sfilata di abbigliamento maschile autunno-inverno 1992-1993 di Dries Van Noten nell'ambito della settimana della moda di Parigi nel gennaio 1992 a Parigi, Francia.

Dries Van Noten saluta alla fine della sua sfilata autunno/inverno 1992-93 alla settimana della moda di Parigi, gennaio 1992

Victor Virgilio/Gamma Ravo tramite Getty Images

Lo scorso dicembre, ad Anversa, sede della DVN, ho ritrovato in questo laboratorio domestico lo spirito sano di quel viaggio. In questo vecchio magazzino di mattoni trasformato in un quartier generale di cinque piani, dove lavorano centoventi persone, l'attività è intensa, ma ciò che risalta di più è la concentrazione e l'impegno di ciascuno nel proprio lavoro. È qui che tutto viene consegnato, dai fili ai bottoni, dove tutto viene realizzato, dai cartamodelli ai prototipi, dove tutto ha inizio, dalle novità agli archivi ormai parzialmente commercializzati. Adoro il modo in cui vestiva le donne come dandy e gli uomini come principi cosmopoliti, con abiti in georgette di seta e cappotti ricavati da camicie di cotone. “Chi indossa i miei abiti li fa propri, come si suol dire. Tutto inizia ogni volta con le parole, con le immagini che diventano silhouette. Ma è il tessuto che detta tutto, tutto parte da esso, che detta le forme.”

Ricordo un'altra partita, quella di Yves Saint Laurent, nel gennaio 2002, che fu molto pericolosa, molto disperata, perché rinunciando al lavoro rinunciava alla vita stessa. Dries Van Noten è rimasto legato alla terra, al cielo e a quella natura che vede rifiorire come una promessa. È il tuo lusso, il tuo tesoro, il tuo orizzonte illimitato e intimo allo stesso tempo. Sembra avere in mano il cuore del mondo. Tempeste e alberi che fischiano. Sa parlare dell'osmanto bianco con la stessa intensità, e con la stessa gioia, come parla delle sue tate autunnali o del suo primo bagno nel Mediterraneo.

Adoro il modo in cui veste le donne come dandy e gli uomini come principi del mondo

“Il giardino è l’essenza del mondo”, mi ha detto, avrei dovuto saperlo. Ma come fa Dries Van Noten ad abitare l'infinito con tanta moderazione e semplicità? “In giardino ogni momento è avvincente. I fiori invisibili di dicembre vanno scoperti uno ad uno per essere apprezzati; a gennaio compaiono i primi crochi, e bisogna ancora fare fatica per trovarli. Non sono come i rododendri giganti . E poi, a marzo, arriva lo slancio della primavera. La grande orchestra. Quando fioriscono le peonie evito i viaggi. Niente mi è più caro delle prime rose sotto la luce, e del tappeto azzurro di gigli.

In casa tutto ha il vero sapore delle stagioni. Mordiamo il frutto, non il suo sostituto. Mi rendo conto di quanto sono stato fortunato ad aver sentito questa bellezza dal di dentro, attraverso i suoi vestiti, la sua seta che non era mai ostentata, e in questo modo ha dovuto tracciare la sua linea sulla stampa, per non rinunciare mai a questa odissea, per volgersi verso la luce. e condividilo. “Mischiare il prezzemolo con le verdure viola crea bellezza. “La natura mi insegna ogni giorno che questa bellezza non è una questione di controllo, ma piuttosto una coincidenza tra controllo e abbandono.”

Leggi anche

READ  L'esule cubano Tania Bruguera vince il Premio Velasquez