Settembre 28, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il giudice britannico rinvia l’udienza per l’estradizione di Assange-Escambray

I coniugi e madre di due co-fondatori di WikiLeaks, Stella Morris, hanno accusato il governo degli Stati Uniti di prolungare arbitrariamente la reclusione delle loro mogli

Almeno un centinaio di persone si sono radunate questa mattina ai cancelli del tribunale per difendere Assange. (Foto: Telesur)

Il giudice dell’Alta Corte di Inghilterra e Galles, Timothy Holroy, ha rinviato al 27-28 ottobre l’udienza d’appello degli Stati Uniti contro il rifiuto dei tribunali britannici di estradare il fondatore di WikiLeaks Julian Assange.

Secondo le informazioni rivelate dal giudice, le due sessioni si svolgeranno faccia a faccia, anche se ha esentato gli avvocati e Assange dalla presenza alla sede giudiziaria della City di Londra.

“Puoi partecipare in video”, ha detto il giudice al termine di un’udienza preliminare questo mercoledì in tribunale per discutere la questione dell’estradizione.

Il precedente rifiuto era arrivato dal giudice Vanessa Paritzer lo scorso gennaio, quando si era rifiutata di consegnare il giornalista australiano ai pubblici ministeri statunitensi, che volevano che fosse processato per le sue denunce sul suo sito web sui crimini di guerra commessi dagli Stati Uniti in Iraq e Afghanistan e la loro pubblicazione. Cavi diplomatici del Ministero degli Affari Esteri.

Sebbene le accuse di Washington nel processo ad Assange non siano state respinte, il giudice ha affermato all’epoca che, dopo aver ascoltato le testimonianze di psichiatri e psicologi, il giornalista australiano avrebbe potuto suicidarsi se fosse stato imprigionato in un carcere di massima sicurezza negli Stati Uniti.

L’Alta Corte britannica di Londra lo scorso luglio ha accolto l’appello del Dipartimento di Giustizia americano, che cercherà di convincere la corte in quel caso che la vita di Assange non è in pericolo nel suo sistema carcerario.

READ  Ultime notizie dall'Afghanistan in diretta | Due aerei spagnoli volano da Kabul a Dubai con 177 sfollati a bordo | internazionale

Dal canto loro, i coniugi e madre di due figli della fondatrice di WikiLeaks, Stella Morris, hanno accusato il governo degli Stati Uniti di prolungare arbitrariamente la detenzione del marito.

“Il governo degli Stati Uniti sta approfittando degli accordi iniqui di estradizione tra gli Stati Uniti e il Regno Unito per prolungare arbitrariamente la sua reclusione, incarcerando un uomo innocente accusato di praticare il giornalismo”, ha detto Morris prima di entrare in tribunale.

Morris ha avvertito che la situazione per il giornalista 50enne detenuto in carcere è “sempre più disperata”. “Julian ha vinto la causa contro il governo degli Stati Uniti sette mesi fa, ma è ancora imprigionato nella prigione di Belmarsh – e se non fosse una punizione?”, ha chiesto.

Almeno un centinaio di persone si sono radunate questa mattina ai cancelli del tribunale per difendere Assange. I manifestanti hanno pubblicato annunci contro l’estradizione e hanno criticato il presidente degli Stati Uniti Joe Biden per aver voluto “bloccare la libertà di stampa”.

Tra i presenti c’era l’ex leader laburista Jeremy Corbyn, che ha detto ai manifestanti del suo sostegno ad Assange e del lavoro che ha svolto “per esporre i fatti sulla prigione di Guantanamo, la guerra in Iraq e il processo decisionale dell’esercito americano”.

Ha anche avvertito che il primo ministro britannico Boris Johnson dovrebbe capire l’importanza del caso Assange, dato che lui stesso è un giornalista, e ha chiesto di dire con fermezza agli Stati Uniti di far cadere le accuse e di rilasciarlo.