Maggio 16, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il leader repubblicano al Senato degli Stati Uniti voterà contro il candidato alla Corte Suprema di Biden

Questo contenuto è stato pubblicato il 24 marzo 2022-22:29

Washington, 24 marzo (EFE). – Il leader della minoranza repubblicana al Senato degli Stati Uniti, Mitch McConnell, ha dichiarato giovedì che voterà contro la nomina del giudice Kitangi Brown Jackson, che è stato scelto dal presidente del paese, Joe Biden, per ricoprire un posto vacante alla Corte Suprema.

“Dopo aver esaminato i documenti della candidata e aver visto la sua esibizione questa settimana, non posso e non sosterrò il giudice Jackson per una nomina a vita alla Corte Suprema”, ha detto McConnell in una dichiarazione sul campo.

L’anno scorso, il leader repubblicano si è opposto a Jackson, che, se confermata dal Senato, sarebbe diventata la prima donna afroamericana a raggiungere la Corte Suprema ea servire come giudice in una corte d’appello nel Distretto di Columbia.

McConnell ha citato diverse ragioni per la sua attuale decisione, come le sentenze del giudice in passato, i suoi dubbi sulla sua filosofia giudiziaria e il fatto che Jackson non ha rivelato la sua opinione su una possibile espansione della Corte Suprema, un’iniziativa suggerita dai Democratici.

Il governatore ha anche avvertito che un giudice potrebbe impegnarsi in quello che ha definito “attivismo giudiziario”: “È una ricetta per i tribunali di aggirarsi nella formulazione delle politiche ed evitare un sano impegno democratico”.

McConnell ha aggiunto che si trattava di una “mancanza di comprensione della separazione dei poteri” ed è per questo che avrebbe votato contro Jackson.

Negli ultimi tre giorni, il giudice è stato esaminato dai legislatori nella commissione giudiziaria del Senato, dove la sua nomina deve ricevere l’approvazione prima di essere votata nella sessione plenaria del Senato.

READ  Un portavoce del presidente ucraino conferma che Kiev accetta la proposta russa di avviare i negoziati

Martedì, Jackson ha dovuto difendersi dalle accuse mosse dal senatore repubblicano Josh Hawley, che ha affermato che l’avvocato è caduto in un “modello che consente agli imputati di pornografia infantile di farla franca con i loro crimini efferati”.

Queste accuse di Hawley, presentate senza prove, sono state criticate da media conservatori come The National Review e persino membri del suo partito hanno preso le distanze.

I democratici hanno i 51 voti necessari per approvare la nomina di Jackson e vogliono che il voto all’intera aula del Senato prima dell’8 aprile.

In ogni caso, l’arrivo di Jackson in tribunale non cambierà la composizione ideologica della Corte Suprema degli Stati Uniti, che, con sei giudici conservatori e tre progressisti, è più a destra che mai dagli anni ’30. EFE

ssa / afs / cfa

© EFE 2022. La ridistribuzione e la ritrasmissione di tutto o parte dei contenuti dei Servizi Efe, senza il preventivo ed espresso consenso di Agencia EFE SA, è espressamente vietata.