Febbraio 4, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il Messico applica l’intelligenza artificiale alla ricerca degli scomparsi

Il giornale indica che questo programma è stato sviluppato dal National Search Committee (CNB) per identificare modelli e indizi che aiutano a localizzare le persone scomparse nella cosiddetta guerra sporca nella seconda metà del secolo scorso.

Aggiunge che questo sistema memorizza già migliaia di documenti di quel periodo e, sebbene le informazioni continuino ad essere alimentate e si facciano progressi nella loro elaborazione, ha dato i suoi primi contributi al lavoro del Comitato per l’accesso alla verità storica. Chiarire e promuovere la giustizia per le gravi violazioni dei diritti umani commesse tra il 1965 e il 1990.

Nello specifico, nelle perquisizioni condotte nel settembre 2022 al campo militare n. 1, “all’epoca luogo simbolico di sparizione forzata”.

La Jornada intervista lo specialista Javier Yankelevich, direttore delle operazioni di ricerca presso CNB, che dirige il team interdisciplinare che sviluppa il programma, che comprende scienziati informatici ed esperti biomedici.

Ha detto che gli angeli nascono dalla quantità di informazioni disponibili in questo periodo, che non possono essere gestite senza l’ausilio di un sistema informatico, dove c’è la documentazione degli autori, come funzionari pubblici dell’estinta Direzione della sicurezza federale e dell’esercito, gradi, e l’accademico. studi e giornalismo dell’epoca, tra molti altri.

Ha aggiunto che è sorto anche perché c’era una stretta relazione tra i casi delle vittime, nella misura in cui hanno lo stesso profilo, lo stesso periodo di tempo e gli stessi autori.

Ha detto che nel 2020 è già stata rilasciata la prima versione programmata del sistema Angelus, che all’inizio del 2021 ha iniziato ad essere utilizzato come strumento per organizzare le informazioni ed è attualmente utilizzato da più di 40 analisti.

READ  I profughi palestinesi in Libano manifestano contro l'occupazione israeliana (+ foto)

Lo storico ha spiegato che il sistema ha un’interfaccia per il caricamento dei documenti, un’altra interfaccia per elaborarli e un’altra che consente di fare riferimento al database in cui le informazioni sono organizzate come una griglia.

Per quanto riguarda il futuro del sistema, Victor Meirelles, Head of Programming, ha spiegato che si stanno facendo progressi affinché questa tecnologia possa implementare quello che viene chiamato tracciamento automatico, ovvero propone relazioni tra informazioni che al momento non sono disponibili.

Ha sottolineato che in precedenza non esisteva un regime simile in Messico e che paesi come il Cile hanno mostrato interesse per esso, in questo caso per cercare coloro che sono scomparsi durante la dittatura di Augusto Pinochet (dal 1973 al 1990).

L/Lama