Aprile 18, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il valore delle giornate internazionali del 23 e 24 febbraio in Italia

Il valore delle giornate internazionali del 23 e 24 febbraio in Italia

Una mobilitazione il 24

Abbiamo già riflettuto Stampa operaia La giornata internazionale del 24 febbraio, celebrata in molti paesi contro la guerra imperialista in Ucraina e contro il genocidio in Palestina, è stata un punto focale, uno sviluppo speciale e un'iniziativa del SI Cobras e del TIR, un gruppo di protesta in Italia (Tendenza Internazionalista Rivoluzionaria ), il centro politico che lo guida.

Il 23 scorso, lo sciopero del SI Cobus si è esteso ad alcuni altri settori non ad essi collegati, in particolare il settore dell'insegnamento o quello dei trasporti. Nelle aziende dominate dal SI Cobas, soprattutto nel settore della logistica, ci sono stati blocchi ed è stato garantito un certo potere. Uno sciopero è stato effettuato anche nel porto strategico di Genova. Altri assedi esterni furono effettuati contro obiettivi politici, come il monopolio delle armi di Leonardo a Napoli. Sebbene questa azione sia minoritaria all’interno del corpo generale del movimento operaio italiano, non c’è dubbio che la possibilità della sua attuazione indichi il profondo lavoro politico di collegamento tra le rivendicazioni immediate della classe operaia di questo paese imperialista. La NATO e l’Unione Europea hanno respinto la politica estera del suo governo, attivo promotore della guerra imperialista in Ucraina e della carneficina israeliana nella Striscia di Gaza. Nel caso del SI Cobas, parte di questo lavoro internazionalista ha come punto di partenza il fatto che la maggioranza dei suoi membri sono immigrati dal Medio Oriente, dall'Africa e dall'America Latina colpiti da questa dominazione imperialista.

La marcia centrale di Milano del 24 ha attirato più di 20.000 persone, ha detto la polizia, e gli organizzatori stimano il numero a più di 30.000. Secondo le fonti si è trattato di una delle mobilitazioni più importanti dell'ultimo decennio della sinistra italiana e la più importante in relazione alla lotta internazionale. Questa mobilitazione è stata preparata dal processo attuato con grande intensità dal SI Kobas contro la guerra imperialista in Ucraina con incontri, marce nazionali, scioperi e massacri in Palestina. Scioperi e blocchi contro l'olocausto sionista portarono l'SI Kobus in stretto contatto con la gioventù palestinese. Il SI Cobas era la colonna più numerosa, con molti lavoratori provenienti da paesi musulmani che portavano bandiere rosse e striscioni con slogan internazionali. La marcia è stata animata da innumerevoli gruppi e gruppi formati dalla causa palestinese, e per lo più da giovani. Anche i sindacalisti e la sinistra politica, che non hanno aderito allo sciopero né hanno seguito gli slogan della borghesia italiana a favore di Zelenskyj in Ucraina, ma con pochissimi militanti.

READ  L'Italia abolisce la “Legge Peckham” e molti parlano di “morte del calcio”.

Questa mobilitazione aumenta la possibilità di un lavoro politico internazionalista in Italia tra una parte delle masse. Per il momento è stato un sindacato a promuoverlo, non partiti politici o organizzazioni che affermavano di essere il nucleo della classe operaia creando conflitto politico. Da un lato, mostra la negatività passiva o politica delle forze che non contribuiscono alla sua produzione o che non cooperano contro il suo orientamento politico generale. D’altro canto, ciò rende urgente, per coloro che sono preparati in questi giorni con il loro lavoro politico, presentare un’organizzazione che possa unire questi giovani in lotta e questi lavoratori e dare continuità pianificata a questo orientamento di lotta, non solo per la lotta economica. Ma anche per formare un partito politico internazionale, proletario e rivoluzionario sulla scena nazionale. Se riusciranno a compiere questo passo, daranno un contributo significativo alla ristrutturazione internazionale del Fronte Internazionale del Lavoro.