Febbraio 8, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

James Webb rivela galassie simili alla Via Lattea nell’Universo primordiale

Il James Webb Space Telescope ha rivelato l’esistenza di due galassie “proibite”, simili alla Via Lattea, in un momento in cui l’universo aveva solo il 25 percento della sua età attuale, costringendo gli astrofisici a rivedere le loro teorie sull’evoluzione delle galassie.

Uno studio condotto dall’Università di Austin in Texas (USA) e accettato per la pubblicazione su Astrophysical Journal Letters parla dell’esistenza di queste due galassie barrate, che hanno una struttura stellare a forma di barra che si estende da un lato all’altro da centro dei suoi dischi esterni.

Le galassie barrate non erano state rilevate in una fase così precoce nell’universo prima dell’inizio di James Webb, che “costringerà gli astrofisici a perfezionare le loro teorie sull’evoluzione delle galassie”, afferma l’università.

Una di queste galassie, EGS-23205, era già stata individuata dal predecessore di Webb, l’Hubble Space Telescope, ma l’immagine che dava era poco più di un blob a forma di disco.

Tuttavia, il nuovo telescopio, lanciato nel dicembre 2021, è molto più potente e gli consente di osservare la struttura di base delle galassie, fornendo così un’immagine chiara della galassia a spirale con una barra stellare.

Il team ha identificato un’altra galassia pop-up, EGS-24268, anch’essa di circa 11 miliardi di anni fa, rendendo due di questi corpi più indietro nel tempo rispetto a qualsiasi altro scoperto in precedenza.

L’articolo include anche campioni di altre quattro galassie bandite oltre 8 miliardi di anni fa.

Le barre svolgono un ruolo importante nell’evoluzione delle galassie pompando gas nelle regioni centrali, portando alla formazione stellare.

Sharda Jogi, uno dei firmatari dell’articolo, ha affermato che queste aste “risolvono il problema delle catene di approvvigionamento” nelle galassie.

READ  Eruzioni in una cometa attribuite ad attività vulcanica - Diario Digital Nuestro País

“Proprio come abbiamo bisogno di traghettare le materie prime da un porto alle fabbriche interne che realizzano nuovi prodotti, una verga trasporta ferocemente il gas nel Midwest, dove si trasforma rapidamente in nuove stelle da 10 a 100 volte più velocemente della galassia”.

Queste strutture contribuiscono anche alla crescita di buchi neri supermassicci nei centri delle galassie deviando il gas in parte.

La scoperta dei bastoncelli nelle prime ere significa, secondo Goji, che i modelli dell’evoluzione delle galassie “hanno ora un nuovo modo, attraverso le aste, per accelerare la produzione di nuove stelle nelle prime ere”.

Inoltre, l’esistenza di questi primi pennacchi “sfida i modelli teorici, poiché devono tenere conto della fisica galattica per prevedere la corretta abbondanza di barre”, quindi il team testerà diversi modelli nel prossimo post.