Marzo 5, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La caccia alle streghe nel cinema russo per criticare lo stalinismo e la guerra

La caccia alle streghe nel cinema russo per criticare lo stalinismo e la guerra

Aggiornato

Si è sempre detto che sia uno dei classici più difficili da portare sul grande schermo. Ma questa volta è diventato doloroso. Maestro e Margherita È uno dei romanzi russi più famosi del XX secolo, tornato nelle sale dal regista russo-americano Miguel Lukshin. Con un grosso scandalo nella Banda Nazionale degli Ottoni.

Il film, tratto dal romanzo di Mikhail Bulgakov, è uscito lo scorso gennaio e ha ottenuto ottime recensioni tra gli spettatori e ottimi risultati al botteghino. Ma in questi giorni, il regista Lokshin sta attraversando un periodo difficile a causa delle accuse di diffondere “bugie” sull’esercito russo e di essere etichettato come russofobo. Vogliono portarlo in tribunale e ritirargli tutti i benefici.

La storia è ambientata negli anni '30, quando Mosca riceve la visita di Satana sotto mentite spoglie. La storia, che include gatti parlanti, timidi burocrati e streghe, ha particolare rilevanza nella Russia repressiva e nazionalista di oggi. Il film smaschera gli agenti segreti del Commissariato popolare per gli affari interni (NKVD) e ritrae in modo ancora più disgustoso le élite sovietiche, il cui conformismo e ipocrisia hanno sostenuto la dittatura stalinista proprio come le creature del putinismo sostengono l'attuale regime.

Colpiti, i promotori hanno cercato i post sui social media di Lokshin a sostegno dell'Ucraina. Sembra che abbia persino osato chiedere un possibile risarcimento e pubblicare una ricerca su Busha. Con questo argomento lo definiscono un traditore del paese e criticano il fatto che i soldi pubblici siano stati stanziati per il film a un regista così pacifico.

Uno dopo l'altro, i duellanti della storia ufficiale aggiungono il loro stupore per un film che in alcuni casi ammettono di non aver visto. Il giornalista Andrey Medvedev ha descritto come “masochista” che lo Stato paghi per le attività di coloro “che, per usare un eufemismo, sono di scarsa utilità per lo Stato”. Il predicatore di stato Tigran Keosayan ha chiesto che vengano mosse accuse penali contro Lokshin. Il processo di cancellazione è in corso.

READ  Il tragico viaggio del colombiano Juan Montoya, unico sopravvissuto a un naufragio al largo delle coste della Florida | internazionale | Notizia

IL Aumenta la repressione in RussiaQualsiasi critica alla guerra paga un prezzo alto, innescando il dibattito all’interno del putinismo, che deplora la durezza di alcune sanzioni, ma vuole compensare punendo altre più duramente o sopprimendo ulteriori sanzioni. “Alcuni vengono condannati a due anni di carcere per una condanna su un social network, mentre altri ricevono qualche miliardo dal bilancio statale per le riprese”, ha lamentato la blogger Elena Yakimchuk, soprattutto perché era indignata dalla scena del film nella foto che appare. Orizzonte La Mosca stalinista sta bruciando: “Quella Mosca stalinista che ha sconfitto tutti i fascisti”, ha lamentato.

Gli attivisti hanno anche chiesto un'indagine sulla possibilità che Lockshin raccolga denaro per… Forze armate ucraine. Al momento hanno solo alcuni testi Collegato Lukshin parla del sostegno ai registi ucraini durante la guerra. In particolare, Babylon 13, un'associazione di documentaristi ucraini formatasi durante le rivolte di Maidan.

Trofim Tatarenkov, conduttore della radio di stato russa Sputnik – che ha ammesso di non aver nemmeno visto il film di Lokshin – ha descritto il regista come “feccia” e ha ricordato con tristezza come durante l'era stalinista venivano fucilati i “nemici del popolo”.