venerdì, Giugno 21, 2024

Top 5 This Week

Related Posts

Studenti universitari solidarizzano con la Palestina mentre Israele non ferma il genocidio di Gaza – Radio Florida de Cuba

Stati Uniti, 5 maggio – Gli studenti universitari di tutto il mondo continuano a mostrare solidarietà alla Palestina, mentre il genocidio di Israele contro la popolazione civile a Gaza continua da più di 200 giorni.

All’Università di Princeton negli Stati Uniti, un gruppo di studenti ha annunciato uno sciopero della fame finché l’amministrazione del centro non ha soddisfatto le loro richieste di modificare le sue relazioni con Israele.

Le richieste vanno dalla rivelazione dei legami con il governo sionista e il ritiro dei suoi investimenti, fino al completo boicottaggio accademico e culturale del governo di occupazione di Tel Aviv.

Come hanno spiegato quelli di Princeton, la nuova misura onora i prigionieri politici palestinesi, che hanno fatto ricorso a questo metodo di lotta nelle carceri israeliane dal 1968.

In questo caso, hanno sottolineato che il rifiuto di mangiare simboleggia il fermo impegno di questi giovani per la giustizia e la solidarietà, ed è considerato un piccolo sacrificio, rispetto alla sofferenza attuale del popolo palestinese.

Nelle ultime due settimane, l’ondata di proteste universitarie è aumentata notevolmente negli Stati Uniti e in molti paesi europei, a sostegno della Palestina e contro l’aggressione israeliana alla Striscia di Gaza.

Presso il Massachusetts Institute of Technology, nello stato omonimo, i servizi di sicurezza americani hanno impedito ai media di seguire una conferenza stampa tenuta dai partecipanti al sit-in contro la guerra a Gaza.

Le forze di sicurezza hanno espulso i giornalisti e le squadre tecniche dall’area di concentrazione, recintata con barriere di ferro e completamente isolata dall’ambiente.

Dall’Università francese della Sorbona di Parigi, migliaia di giovani hanno deciso di denunciare la guerra israeliana a Gaza e hanno accusato il governo di Emmanuel Macron di “collusione” con l’entità genocida.

READ  L'Organizzazione Mondiale della Sanità esorta i paesi europei a proteggersi dalle ondate di caldo • Lavoratori

Gli slogan “Stop al fuoco, stop al genocidio” e “Non c’è giustizia in Medio Oriente senza giustizia per il popolo palestinese” hanno mostrato il loro sostegno alla causa a Gaza, in Cisgiordania e nel resto dei territori occupati.

Questi manifestanti chiedevano al governo francese di non dare più “copertura politica” ai crimini commessi da “Israele” contro i civili e di non permettere loro di “sfuggire alla punizione, come sempre accade”.

Inoltre, questa settimana si sono svolte proteste davanti al Sciences Po di Lione e Parigi, dove la polizia ha picchiato un certo numero di studenti e ha tentato di disperdere con la forza i manifestanti.

Da parte sua, il primo ministro francese Gabriel Attal ha giustificato le misure repressive con il pretesto di rispondere alle “richieste avanzate dai sindaci”, motivo per cui le forze del regime sono intervenute immediatamente perché “la fermezza era e rimarrà tale”. il totale.” .

Allo stesso modo, decine di studenti e attivisti filo-palestinesi hanno montato delle tende davanti all’Università Nazionale Autonoma del Messico (la più grande del distretto federale e del Paese), in solidarietà con i manifestanti negli Stati Uniti.

Decine di giovani si sono recati anche nell’atrio di un edificio appartenente all’Università di Losanna in Svizzera, e hanno chiesto il boicottaggio accademico delle istituzioni israeliane, oltre a un cessate il fuoco immediato e permanente nella Striscia di Gaza.

La tensione tra l’amministrazione della Columbia University negli Stati Uniti e i suoi studenti è arrivata a tal punto che decine di agenti della polizia di New York sono entrati nel campus universitario per evacuare un campo di protesta e arrestare i manifestanti, che hanno preso il controllo di uno dei edifici accademici.

READ  Tebboune riceve il presidente cubano Diaz Canel in occasione della sua prima visita nel Paese

Nell’arco di due settimane, questo è il secondo appello alle forze repressive affinché controllino la folla in quell’istituto di istruzione superiore, che l’amministrazione filo-sionista ha accompagnato con altre misure intime, come impedire alle persone coinvolte di entrare nelle loro aule o minacciarle . Con l’espulsione dall’università, la polizia resta in allerta 24 ore su 24 nel campus.

D’altro canto, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden, in una conferenza stampa tenutasi alla Casa Bianca, ha denunciato le manifestazioni studentesche e ha sottolineato che non gli avrebbero fatto riconsiderare la sua politica in Medio Oriente. (Tratto da Cubadebate.cu)

Condividi sui social network

Ciriaco Capone
Ciriaco Capone
"Creatore. Amante dei social media hipster. Appassionato di web. Appassionato fanatico dell'alcol."

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Popular Articles