Gennaio 19, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La forte inflazione negli Stati Uniti e in Cina mette ulteriormente sotto pressione i prezzi in Costa Rica

Gli Stati Uniti stanno affrontando il tasso di inflazione più alto degli ultimi 31 anni. (Charlie Indovinello)

Gli aumenti dell’inflazione registrati da Stati Uniti e Cina colpiranno i consumatori in Costa Rica. Il 38% dei prodotti che i cittadini acquistano all’estero proviene dal nord del Paese e il 15% dall’Asia.

Negli Stati Uniti il ​​tasso annuo (per ogni mese rispetto allo stesso mese dell’anno precedente) dell’indice dei prezzi, ad ottobre, è salito al 6,3%; Questo è il più grande aumento in 31 anni. Considerando che l’aumento annuale dello scorso novembre è stato del 6,8%, il più alto in 39 anni, il Dipartimento del Lavoro ha riferito il 10 dicembre.

In Cina, secondo l’Agence France-Presse l’8 dicembre, i prezzi al consumo hanno registrato il loro più grande aumento a novembre in 15 mesi, con un aumento del 2,3% su base annua.

Si tratta di un grande balzo dall’1,5% di ottobre e della crescita più significativa da agosto 2020, soprattutto per quanto riguarda gli aumenti dei prezzi nel settore alimentare, secondo il capo dell’Ufficio di statistica Dong Lijuan.

“Dagli Stati Uniti importiamo combustibili e cereali (grano, mais, soia), tra l’altro, che hanno un impatto significativo sull’inflazione”, ha affermato Louis Lieberman, partner di Cevasa Consulting.

Secondo i dati pubblicati dal Ministero del Commercio, nel 2020 sono stati importati dalla Cina telefoni cellulari, laptop, schermi TV, prodotti in ferro o acciaio e giocattoli su ruote come tricicli, scooter, skateboard e automobiline a pedali.

Lieberman ha aggiunto che il consenso è cambiato. In precedenza si pensava che questi aumenti fossero temporanei, ma ora sono visibili e sono molto più longevi del previsto.

L’economista Fernando Narango, partner della stessa società di consulenza, ha aggiunto che l’aumento dell’inflazione esterna è associato a fattori interni che possono anche aumentare i prezzi interni.

“Sia (gli Stati Uniti che la Cina) stanno sperimentando un peggioramento dell’inflazione interna, ma l’altro problema è che abbiamo liquidità in eccesso in Costa Rica, quindi se quelle risorse inattive che sono nei conti di risparmio, nei conti correnti, sono dirette a beni e servizi necessari ciò avrà un effetto aggiuntivo.L’inflazione è dovuta a cause interne piuttosto che esterne.

Per Lieberman, se gli aumenti sono più pronunciati ea lungo termine, allora la politica monetaria espansiva del Costa Rica non dovrebbe essere mantenuta.

“Altri paesi hanno già iniziato aggiustamenti per ridurre l’inflazione: Messico, Brasile, Colombia, Repubblica Dominicana, Stati Uniti La Federal Reserve (la Federal Reserve, la banca centrale di questo paese) ha indicato che l’inizio della fine dell’acquisto di i titoli si avvicinano… i titoli, cioè cominceranno a ridurre la liquidità.

Nel nostro Paese la Banca Centrale ha promosso una politica monetaria espansiva per contribuire alla ripresa della produzione a fronte degli effetti subiti dalle restrizioni indotte dall’epidemia. Parte di questa politica consisteva nell’innalzare il tasso di politica monetaria (il riferimento che influenza il resto degli interessi di mercato) al suo minimo storico dello 0,75%.

La prossima riunione di politica monetaria della nostra Banca Centrale, secondo il calendario pubblicato dalla Banca Centrale, sarà il 15 dicembre.

READ  I consumatori americani pagano di più questo Ringraziamento