Aprile 24, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La guerra tra Israele e Gaza in diretta |  20 persone sono state uccise a seguito dei bombardamenti israeliani (fonti di Gaza) |  internazionale

La guerra tra Israele e Gaza in diretta | 20 persone sono state uccise a seguito dei bombardamenti israeliani (fonti di Gaza) | internazionale

L’Unione Europea accetta di imporre sanzioni ai coloni violenti in Cisgiordania

I ministri degli Esteri dell'Unione Europea hanno accettato di imporre sanzioni contro un gruppo di coloni violenti in Cisgiordania, annunciato dal capo della diplomazia spagnola, José Manuel Albarez, e confermato dall'Alto Rappresentante per la Politica Estera dell'Unione Europea, Josep Borrell.

“Abbiamo raggiunto un forte impegno” nell’imporre sanzioni ai coloni violenti, ha celebrato Borrell in una conferenza stampa dopo l’incontro a Bruxelles, dove la grave crisi umanitaria a Gaza ha occupato gran parte della giornata nell’UE mentre le voci si facevano più forti. Israele consente l’ingresso di aiuti umanitari più urgenti via terra.

Secondo fonti diplomatiche si tratta di sei persone, cioè meno di quelle a cui paesi come la Spagna hanno imposto sanzioni unilaterali, ma le fonti sottolineano il cambiamento di posizione implicito in questo accordo politico all'interno dell'Unione Europea in cui la questione è stata oggetto di qualche intervento. settimane fa. Solo un tabù. . Borrell ha sottolineato che le sanzioni europee sono anche più dure di quelle nazionali, perché oltre a vietare l'ingresso di persone identificate nei loro territori, implicano il congelamento di tutte le proprietà o beni che queste persone possono avere sul territorio europeo.

Allo stesso tempo, i ministri hanno anche concordato di imporre nuove sanzioni ad Hamas. I due pacchetti sono stati approvati all’unanimità lunedì, anche se la loro sequenza sarà graduale anziché immediata, in modo da non pareggiare i due gruppi, il che ha allarmato alcuni paesi più conservatori riguardo a qualsiasi gesto che possa essere interpretato come una mossa contro Israele.