Giugno 28, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La quinta conferenza mondiale sull’eliminazione del lavoro minorile si conclude con l’invito all’azione di Durban • lavoratori

La quinta conferenza globale sull’eliminazione del lavoro minorile si è conclusa oggi con la firma dell’invito all’azione di Durban, che stabilisce forti impegni per porre fine a questo problema globale.

Foto: tratto da PL

Il documento finale dell’evento convocato dall’Organizzazione internazionale del lavoro (ILO) sottolinea che “le conseguenze della pandemia di Covid-19, i conflitti armati, le crisi alimentari, umanitarie e ambientali minacciano di invertire anni di progressi”.

Pertanto, include impegni per porre fine al lavoro minorile in agricoltura e per sradicare il lavoro forzato, la schiavitù moderna e la tratta di esseri umani.

Garantire l’accesso universale all’istruzione, chiarire la protezione sociale e aumentare i finanziamenti per questa causa sono altre priorità.

Nel corso della settimana, più di mille delegati di governi, organizzazioni dei lavoratori e dei datori di lavoro, agenzie delle Nazioni Unite, società civile e organizzazioni regionali hanno discusso le modalità per rendere efficaci questi accordi. Quasi settemila partecipanti in più sono online.

Per la prima volta nella storia di queste conferenze, all’evento hanno partecipato delegati dei bambini, che hanno chiarito le loro aspettative che i decisori raddoppino i loro sforzi e accelerino i progressi.

La Call to Action di Durban arriva con soli tre anni rimasti per raggiungere l’obiettivo di eliminare tutto il lavoro minorile entro il 2025 e solo otto anni per eliminare il lavoro forzato entro il 2030, come delineato negli Obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite.

(tratto dalla stampa latina)

READ  Il Costa Rica ha raggiunto il minor utilizzo di idrocarburi per la produzione di elettricità in 65 anni