Aprile 23, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La Russia conferma un memorandum armeno per interrompere il sostegno all'aeroporto di Yerevan

La Russia conferma un memorandum armeno per interrompere il sostegno all'aeroporto di Yerevan

La settimana scorsa, il segretario del Consiglio di sicurezza dello Stato del Caucaso, Armen Grigoryan, ha confermato in una conferenza stampa che il suo governo aveva notificato a Mosca l'intenzione di effettuare il controllo delle frontiere nel suddetto aeroporto senza l'aiuto degli agenti dell'immigrazione russi. Il primo ministro armeno Nikol Pashinyan ha annunciato martedì che gli ufficiali di frontiera del suo paese possono ora svolgere la loro missione all'aeroporto aereo di Yerevan senza il sostegno dei loro omologhi russi.

Peskov ha sottolineato che i dipartimenti competenti dei due paesi stanno ora conducendo i contatti necessari. “È chiaro che i contatti a tutti i livelli possibili continueranno”, ha sottolineato.

Secondo Pashinyan, gli agenti armeni inizieranno a monitorare i confini del suddetto aeroporto senza l'assistenza dei loro omologhi russi dal 1° agosto.

“Il comandante ad interim delle forze di frontiera armene ha ringraziato il comandante della divisione di frontiera russa in Armenia e lo ha informato che forniremo servizio senza la sua assistenza dal 1° agosto 2024”, ha detto il primo ministro armeno in una conferenza stampa. .

Gli ufficiali dell'immigrazione russi sono responsabili del controllo delle frontiere presso l'aeroporto internazionale di Zvartnots in Armenia dal 1992.

Successivamente sono stati organizzati corsi di formazione per gli ufficiali armeni che attualmente sono responsabili del controllo delle frontiere dell'aeroporto insieme ai loro omologhi russi.

Fino al 2024 le autorità armene non avevano avuto osservazioni sul lavoro delle guardie di frontiera russe nel paese.

Nota/GFA

READ  Il presidente peruviano festeggia l'implementazione di 30 milioni di vaccini - Prensa Latina