Aprile 22, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La Spagna prevede di porre fine all’accordo sulla migrazione e l’asilo quest’anno

La Spagna prevede di porre fine all’accordo sulla migrazione e l’asilo quest’anno

Un vertice europeo tenutosi la scorsa settimana a Bruxelles si è concluso senza un accordo sulla riforma della politica migratoria e di asilo, con ungheresi e polacchi che non hanno accettato accordi precedenti ottenuti a maggioranza anziché all’unanimità.

“Spero (…) che possiamo chiudere questo importante fascicolo questo semestre” in cui la Spagna esercita la presidenza di turno del Consiglio dell’Unione europea, ha detto Sanchez in una conferenza stampa a Madrid con la presidente della Commissione europea, Ursula. Von der Leyen.

Riguardo a Ungheria e Polonia che mettono in discussione i precedenti accordi a maggioranza qualificata, Sanchez ha indicato che la questione “è stata sollevata negli accordi”.

Ha detto: “Non esiste legittimità politica maggiore della legittimità di rispettare i trattati e rendersi conto che questa possibilità esiste effettivamente, per far avanzare i file che sono stati nel cassetto per molto tempo”.

“Ora abbiamo una reale opzione per poter chiudere (…) l’accordo sulla migrazione e l’asilo”, ha aggiunto.

Per Sanchez “la cosa più importante è non perdere di vista il fatto che la sfida posta dall’immigrazione irregolare deve portarci a una risposta europea, non che rappresenti la somma delle realtà nazionali”.

Da parte sua, von der Leyen ha detto di sentirsi “molto fiducioso che saremo in grado di dedurre ciò che ancora manca, perché l’atmosfera nell’Unione europea è tale che tutti abbiamo capito che questo ha bisogno di una risposta europea”.

Espansione “sul tavolo”

Sanchez ha anche affermato che la questione dell’allargamento dell’Unione europea è “sul tavolo”, ma che richiederà ulteriori discussioni.

“Penso che ci saranno discussioni sulle riforme istituzionali (…), ma penso che la domanda più importante che dobbiamo porci sia come vediamo l’Unione Europea nei prossimi anni, e quale dovrebbe essere la natura strategica del Unione europea tra quattro o dieci anni”.

READ  Ramaphosa cerca la rielezione a leader dell'African National Congress in Sudafrica

In questo scenario, ha aggiunto, “penso che dovremmo muoverci verso un’Ue più federale”.

Nel frattempo, von der Leyen ha suggerito di “guardare al futuro e provare a immaginare l’Unione europea. Possiamo immaginarla senza l’Ucraina, senza la Moldavia, senza i Paesi dei Balcani occidentali?” Nella sua visione, è necessario analizzare come rendere questi paesi parte di un’Europa unita e discutere “come funzionerà il processo decisionale”.

L’Unione Europea ha già concesso lo status di membro al candidato ucraino, ma è un processo che di solito richiede diversi anni, a volte più di un decennio.

La scorsa settimana, il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, ha affermato che l’UE dovrebbe prepararsi all’adesione dell’Ucraina e discutere le riforme necessarie per integrare il gigante agricolo nel blocco.

“La discussione sarà difficile. Ma non possiamo aspettare fino all’ultimo minuto se il rapporto di dicembre della Commissione europea raccomanda l’apertura dei negoziati di adesione con l’Ucraina”, ha detto Michel in un’intervista ad Agence France-Presse.

Tuttavia, altri nove paesi stanno aspettando più o meno pazientemente alle porte del blocco. I candidati all’adesione hanno un lungo elenco di richieste, ma per Michel i 27 paesi del blocco “non dovrebbero chiudere gli occhi e fingere di non aver visto che anche loro hanno dei doveri”.