Ottobre 20, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’Agenzia internazionale per l’energia avverte che la transizione verso l’energia pulita è “troppo lenta” | DW

Due settimane dopo l’apertura del Summit delle Nazioni Unite sul clima COP26 e nel mezzo dell’impennata dei prezzi dell’elettricità in Europa, l’agenzia nel suo rapporto annuale ha emesso “seri avvertimenti sulla direzione che il mondo sta prendendo” sulla questione.

Il rapporto dell’OCSE riconosce l’emergere di una nuova economia per le batterie, l’idrogeno o le auto elettriche, ma questo progresso è compensato dalla “resistenza allo status quo e ai combustibili fossili”.

L’agenzia afferma che “i progressi nell’energia pulita sono troppo lenti per portare le emissioni globali a un declino sostenibile verso lo zero” entro il 2050, il che manterrebbe il riscaldamento globale al di sotto di +1,5° C, oltre a evitare interruzioni nei mercati energetici.

Petrolio, gas e carbone rappresentano ancora l’80% del volume totale di energia consumata e sono responsabili di tre quarti degli squilibri climatici, afferma.

Finora, gli impegni sul clima che i paesi si sono assicurati consentiranno, se rispettati, di raggiungere solo il 20% della riduzione totale delle emissioni di gas serra necessaria per tenere sotto controllo il riscaldamento entro il 2030.

“Gli investimenti in progetti energetici decarbonizzati devono triplicare entro dieci anni (per raggiungere) la neutralità del carbonio entro il 2050”, afferma Fatih Birol, direttore dell’Agenzia internazionale per l’energia.

Poiché la crisi del coronavirus ha rallentato i progressi nell’elettrificazione, in particolare nell’Africa sub-sahariana, i finanziamenti dai paesi emergenti sono fondamentali in quanto dovranno attrezzarsi per evitare di installare centrali a carbone.

PC (afp, efe)

READ  Industria europea in allerta per carenza di approvvigionamento | Economia