Settembre 30, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Le cupe previsioni fatte da molti milionari sull’economia globale

Gazzetta finanziaria – Santiago

da “cattive vibrazioni” Elon Musk Per la preoccupazione del cantante Cardi-B, non pochi milionari sono preoccupati per questo Recessione Negli Stati Uniti, ma anche in Europa o addirittura nel mondo.

L’ultima persona a iscriversi alla lista era l’investitore Ray Dalio, che ritiene che gli Stati Uniti stiano affrontando uno scenario inflazionistico simile a quanto accaduto negli anni ’70. Il periodo che ha costretto un aggiustamento monetario accelerato, tra le cui conseguenze è stata la crisi delle economie latinoamericane fortemente indebitate.

Reuters ha riferito che Bridgewater, l’hedge fund guidato da Dalio, si aspetta la più grande correzione delle azioni statunitensi fino ad oggi e ha aggiunto circa $ 6,7 miliardi di posizioni corte contro i titoli europei, in particolare banche e compagnie assicurative.

Ma Dalio non è solo. Bill Gross, il “re delle obbligazioni” e co-fondatore di Pimco, pensa che la Fed abbia impiegato troppo tempo per iniziare alta percentualeQuindi ora non sarà in grado di evitare una “recessione moderata” nei suoi sforzi per controllarla.

E se fosse peggio? Carl Icahn, leggendario investitore con 16 miliardi di dollari di asset, ritiene che non solo l’economia statunitense stia entrando in recessione, ma che i CEO delle principali aziende non siano pronti ad affrontare quella che vede come la peggiore crisi dal 2008..

Sulla stessa linea, il CEO di JPMorgan Jamie Dimon ha avvertito all’inizio del mese che investitori e aziende dovrebbero prepararsi a un “uragano” che colpirà l’economia statunitense.

A questo punto, il suo omologo di Morgan Stanley, James Gorman, ha aggiunto che c’era una possibilità del 50/50 di una recessione negli Stati Uniti a causa di Modificare monetario.

READ  I rendimenti obbligazionari statunitensi scendono dopo la dichiarazione della Fed di Reuters

La cosa peggiore è che questi I miliardari sono d’accordo su una cosa: una recessione non aiuterà un rapido calo dell’inflazione. Avvertono invece che l’economia si sta dirigendo verso un periodo di stagflazione: bassa crescita e inflazione.

Per Bill Ackman, CEO di Pershing Square Capital Management, è tutto il risultato della perdita di fiducia del mercato nella Federal Reserve.

A questo punto, ha detto, l’unico modo per contenere le aspettative di inflazione è attraverso “qualunque cosa serva” dalla Federal Reserve o un tracollo economico.