Novembre 30, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’irreparabile tristezza provocata da Edoardo Pennato dopo aver composto l’indimenticabile canzone italiana degli anni ’90 Italian Un’Estate

“Un’state Italiano”, canzone di Italia 90 di Gianna Nannini e Edoardo Pennato

Edoardo Pennado Y Gianna Nanni Hanno fatto la storia della Coppa del Mondo senza calciare un solo pallone. Insieme hanno creato l’inno dei Mondiali, che ha messo in musica Italia 90: “Un’Estate italiana”. Due figure nel loro paese (Edoardo è nato a Napoli e Giana, a Siena) ma del tutto sconosciute al resto del mondo, è stato affidato il compito di scrivere i testi e mettere la melodia del brano della più importante manifestazione sportiva . In questo mondo. Erano la seconda scelta perché all’artista prescelto non piaceva la struttura tematica originariamente presentata. Quell’errore ha portato alla creazione di un’opera d’arte che è entrata nel profondo del cuore di tutti gli appassionati di calcio.

L’inizio di un nuovo decennio cambia tutto per entrambi. Sebbene ognuno sia andato per la propria strada, le loro vite sono cambiate completamente con il successo della canzone Germania Sari detiene il trofeo dopo aver segnato Argentina In finale 1 a 0. Nel caso di Nannini, la vittoria l’ha messa più volte sull’orlo del collasso. Non è stato facile per lui gestire tutto ciò che gli ha portato popolarità da un giorno all’altro e ne ha pagato le conseguenze. Riuscì a dare una svolta alla sua vita con un clic e quella fu la notte in cui si trovò faccia a faccia con la sua versione peggiore.

Questo potrebbe interessarti:

Edoardo Bonnato e Gianna Nannini nel video italiano Un’Estate

E Pennado? Ha scelto l’anonimato. Ha continuato ad abbellire le tappe, ma non ha mai dimenticato il suo luogo natale, tornando non appena la schiuma si è calmata e le squadre sono tornate nei rispettivi paesi. Ha avuto opportunità e le ha colto, ma ha sempre tenuto i piedi per terra. Seguiva un profilo lineare che non vacillava mai ed era contrario ad affrontare la politica. Non si separò dai fratelli, che iniziarono a percorrere la strada della musica, fino a diventare il punto di riferimento del rock italiano.

READ  Il presidente italiano inizia domani la visita di Stato in Spagna

Nasce il 23 luglio 1946, primogenito di Adele Zito e Carlo Pennato. Poi vengono Eugenio e Giorgio, nomi di grande valore in questa storia. Come dettato dai loro genitori, tutti e tre i fratelli sono stati associati alla musica fin dalla tenera età. Inizialmente, ha preso lezioni di fisarmonica e chitarra. Man mano che crescevano, la roccia entrava nelle loro vene. Quanto a Edoardo, a 18 anni lasciò la città per studiare architettura a Milano.

Trascorse solo poche settimane al college e, a parte libri e disegni, formò una band con i suoi fratelli. Fondamentale l’appoggio dei suoi genitori: credevano nelle corse e nell’indipendenza del trio. Il trio iniziò a girare bar e piccoli locali in varie città d’Italia, ogni volta con maggiore enfasi. Sono apparsi per la prima volta in televisione nel 1960, quando sono stati chiamati a rotazione Il nostro piccolo mondo.

Edoardo Pennado
Edoardo Pennado

Un paio d’anni dopo furono assunti da una nave da crociera diretta in Sud America. Sono apparsi in televisione approfittando di un ormeggio in un porto del Venezuela. Tornato a Roma, una casa discografica offrì un contratto in esclusiva a Pennato, che lui rifiutò subito: non voleva stare lontano dai fratelli. Ma sono stati loro che alla fine mi hanno incoraggiato a non lasciarmi sfuggire l’opportunità.

Ha pubblicato alcuni brani che hanno raggiunto il pubblico, grazie ai quali è uscito il suo primo album: Non forti cader le Bracia È stato messo in vendita nel 1973. Una delle canzoni che si è distinta “Ombre” Perché aveva un’armonica, suonata dallo stesso Edoardo. Questo strumento non era mai stato ascoltato prima nel rock italiano. Quindi, rappresenta uno stile.

Ha continuato a pubblicare dischi per diversi anni fino alla sua rottura nel 1977. Buratino Sensa Fili Non ha venduto come previsto. Prese fiato. Quando tornò nel 1980, fu grazie all’opera intitolata Ops! Ops!, che includeva canti di protesta criticati da una certa sezione della dirigenza politica. È stato persino accusato di aver rubato frasi dalle fiabe da aggiungere ai suoi testi. La risposta del musicista? “Sono solo canzoni.”

READ  L'Italia saluta a Roma David Sassoli, il primo presidente del Parlamento europeo morto in carica.

Era la sua reincarnazione, vista incoronata quando apparve sul campo San Siro Da Milano. È venuto dopo San Paolo (Stadio del gioco NapoliOra si chiama Diego Maradona), in cui ha invitato 50mila persone. Gli stadi di calcio sono diventati il ​​suo posto nel mondo. Ha tenuto 13 presentazioni quell’anno e, secondo i registri, più di 500.000 persone hanno seguito i suoi concerti in diversi tribunali.

Edoardo Pennato con Diego Maradona, nei suoi giorni di gloria
Edoardo Pennato con Diego Maradona, nei suoi giorni di gloria

Quando gli anni ’80 sembravano essere la sua ultima uscita, si verifica una nuova battuta d’arresto: nel 1985 si licenzia. Kavana E le vendite, ancora una volta non come previsto. La società di registrazione è stata modificata. I successi sono tornati (record Bene Italia Y Abby TubbyLa canzone è inclusa “Lunga vita alla mamma”, che rileverà le radio italiane). Poi, Italia 90. E “Un’Estate Italiano”. e la riorganizzazione della banda con i suoi fratelli.

Nel 1992 ha sostenuto una polemica RAI Non del tutto chiarito: il musicista ha protestato dicendo che la rete gli ha impedito di apparire nei loro spettacoli perché non accettava determinate condizioni imposte a ogni spettacolo. Fin dai suoi inizi, Edoardo si è guadagnato la reputazione di artista controverso. “Mi hanno sempre criticato e etichettato come rappresentante del disagio giovanile. La musica va al di sotto delle forcelle Godine della politica. Non ho bandiere, non appartengo a nessuno”, ha detto in un’intervista qualche tempo fa Di Ilgiorne.

Edoardo Bonnato, Gianna Nannini e Diego Maradona
Edoardo Bonnato, Gianna Nannini e Diego Maradona

Le controversie possono essere evitate da un felice messaggio personale alla nascita Fulvio PennatoIl suo primo figlio è stato il risultato della sua relazione con la cantante Pietra Montecorvino. Poi verrà Carola Pennado, i suoi genitori si separeranno presto. Il cognome Pennado compare sui media in quel momento, ma non per il suo lavoro, ma per un evento sfortunato.

READ  Il talento di Salvador arriva in Italia, i leader di Grubo Crash si uniscono al tour europeo con Julisa Ventura

Edoardo è stato accoppiato con uno studente di filosofia Paola Barca, diversi anni più giovane: aveva 23 anni. La stampa afferma che era l’amante di Pietra mentre era con lei. Nel gennaio del 1995 era in viaggio con Paola in un incidente stradale: dopo cinque giorni di agonia in un ospedale di Modena, la giovane morì. E il cantante entrerà in una depressione che gli costerà da superare. “Non sta bene psicologicamente e le sue condizioni fisiche sono peggiorate in modo significativo”, ha detto il suo manager ai giornalisti.

Le indagini sull’incidente hanno mostrato che il musicista era responsabile dell’incidente: si è scontrato con un altro veicolo con la sua auto. La magistratura lo ha condannato a otto mesi di reclusione, ma non è andato in carcere.

Il tempo è passato. Bennado ha completato una laurea in architettura per compiacere i suoi genitori. Di tanto in tanto intraprendeva progetti una tantum. Per quanto riguarda la musica, proviene da un tour che ha toccato diverse città europee. Continua a inseguire la sua carota: a 76 anni, è lontano dal tour e dal pubblico. In un’intervista, gli è stato chiesto se fosse soddisfatto di tutto ciò che aveva ottenuto nella sua vita. E lui ha risposto: “No. Solo il presente. Questo è l’unico modo per sostenere il futuro.

Edoardo Pennado
Edoardo Pennado

Continua a leggere: