Gennaio 26, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

OMS: Misure contro la variante delta dell’omicron

Funzionari dell’Organizzazione mondiale della sanità hanno affermato che le chiusure delle frontiere adottate da alcuni paesi potrebbero far risparmiare tempo di fronte alla variante omicron del virus Corona, ma le misure attuate e l’esperienza con il delta dovrebbero rimanere alla base della lotta contro l’epidemia. Nell’Oceano Pacifico occidentale.

Sebbene alcuni paesi della regione stiano subendo picchi, i casi di COVID-19 e i decessi in molti altri sono diminuiti e stabilizzati, ha detto ai giornalisti il ​​direttore regionale dell’OMS, il dott. Takeshi Kasai, in una conferenza stampa virtuale da Manila, nelle Filippine.

Il controllo delle frontiere può ritardare l’arrivo del virus e guadagnare tempo. Ma tutti i paesi e tutte le società devono prepararsi per ulteriori aumenti dei casi”, ha detto Kasai. “La notizia positiva in tutto questo è che nessuna delle informazioni che abbiamo attualmente su omicron suggerisce che dovremmo cambiare la direzione della nostra risposta”.

Attualmente, molti aspetti della nuova variante sono sconosciuti, incluso se sia più contagiosa – come sospettano alcune autorità sanitarie – se induca i pazienti a sviluppare sintomi più gravi o se possa essere fermata con un vaccino.

Secondo Kasai, l’omicron è stato classificato come una variante preoccupante a causa del numero di mutazioni in esso presenti e perché i primi dati suggeriscono che potrebbe essere più infettivo di altri. Ha aggiunto che sono necessari più test e monitoraggio.

Finora, quattro paesi e regioni del Pacifico occidentale – Australia, Hong Kong, Giappone e Corea del Sud – hanno segnalato casi del nuovo tipo, ha affermato il direttore regionale delle emergenze dell’OMS, il dott. Babatunde Olukuri, aggiungendo che è previsto. Lascia che questo numero aumenti man mano che vengono rilevati più casi in tutto il mondo.

READ  Venerdì 14 gennaio 2022 (06:30 GMT)

Anche Singapore e Malesia hanno confermato i loro primi casi nelle ultime 24 ore, così come l’India, che non rientra nella definizione dell’Organizzazione mondiale della sanità.

Nelle Filippine, il direttore dell’ufficio epidemiologico del governo, Althea de Guzman, ha dichiarato venerdì che una delle 71 persone identificate dalle autorità dopo essere arrivate nel Paese dal Sudafrica nelle ultime due settimane era risultata positiva al coronavirus, ma ha continuato per eseguire test per determinare se avevi contratto il virus con omicron.

L’emergere del nuovo format preoccupa in modo particolare gli organizzatori delle Olimpiadi invernali di Pechino, che inizieranno tra poche settimane.

Pechino adotta “una serie completa di misure di prevenzione e controllo per ridurre il rischio di diffusione di epidemie importate, proteggere efficacemente la salute di tutti i partecipanti e residenti nelle città ospitanti e garantire che la competizione si svolga senza intoppi. In modo sicuro e senza intoppi. Ha affermato il portavoce del ministero degli Esteri Zhao Weidong. .”

La Cina ha adottato una politica di tolleranza zero per la trasmissione di COVID-19 e ha alcuni dei controlli alle frontiere più severi al mondo. I partecipanti al gioco dovranno vivere e competere all’interno di una bolla e saranno ammessi solo gli spettatori che risiedono in Cina con un programma di vaccinazione completo e superano i test del virus.

Le misure di Pechino sembrano al momento appropriate.

Riguardo a ciò che dovrebbero fare le altre nazioni, Olukuri ha osservato che l’esperienza degli ultimi anni, in particolare nel rispondere ai delta, “serve da guida per ciò che dovremmo fare, nonché come affrontare le ondate future in modo più sostenibile. “

READ  La carovana di migranti avanza nel sud del Chiapas, in Messico | Notizia

Ciò presuppone, tra le altre misure, la copertura completa delle vaccinazioni, il distanziamento sociale e l’uso della maschera. L’obiettivo, ha affermato, era “assicurare che i pazienti giusti siano trattati nel posto giusto e al momento giusto, al fine di garantire che i letti siano disponibili nelle unità di terapia intensiva, soprattutto per coloro che ne hanno bisogno”.

Ha affermato che le infezioni in tutto il mondo sono in aumento da settimane e anche il numero di decessi ha iniziato ad aumentare, guidato principalmente dal cambiamento dei delta e dal minor uso di misure protettive in altre parti del mondo.