Settembre 28, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Prigionieri palestinesi in Israele sospendono sciopero pianificato – Prensa Latina

E il Club dei prigionieri palestinesi ha spiegato in una dichiarazione che l’autorità carceraria del paese vicino ha accettato di “cancellare le punizioni collettive” applicate dalla scorsa settimana dopo che sei di loro sono fuggiti da Gilboa, che è un centro di massima sicurezza.

Secondo i piani precedenti, 400 detenuti hanno smesso di mangiare nella prigione di Ramon, 300 a Ofer, 200 a Nafha, un numero simile a Megiddo, 100 a Gilboa, 80 a Eshel e 50 nelle strutture di Shata e Hadarim.

L’elenco comprendeva circa 100 detenuti di alto rango, tra cui Marwan Barghouti, che è dietro le sbarre dal 2002.

Con grande popolarità nelle strade palestinesi, Barghouti è stato uno dei leader della prima e della seconda intifada, come sono conosciute le rivolte palestinesi contro l’occupazione israeliana.

I prigionieri hanno chiesto la fine degli atti di repressione e del movimento arbitrario e l’isolamento di molti di loro, punibili dopo la fuga di Gilboa, soprattutto contro gli elementi della Jihad islamica, perché cinque dei sei fuggiti appartengono a quell’organizzazione.

Quattro di loro sono stati nuovamente arrestati, ma due di loro sono ancora latitanti nonostante l’inseguimento da parte delle forze di Tel Aviv.

In questo contesto, il ministero degli Esteri palestinese ha condannato la tortura praticata nelle carceri israeliane e ha invitato la comunità internazionale a porre fine a questi crimini.

“La decisione di Israele di imporre ulteriori forme di punizione collettiva ai 4.600 palestinesi detenuti illegalmente, compresi donne e bambini, nonché le loro famiglie, esaspera le loro condizioni di detenzione illegali e disumane”, ha affermato.

mgt / rub