Novembre 27, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Prima di vivere nello spazio, di Jordi Guan

Nel momento in cui scriviamo, è stato raggiunto un accordo alla Conferenza di Glasgow per ridurre l’uso di carbone e sussidi per i combustibili fossili, nonché per raggiungere l’impegno entro la fine del secolo che l’aumento medio della temperatura non supererà 1,5 gradi Centigrado. L’accordo può essere classificato come debole perché il carbone non è definitivamente intrappolato, ma si può fare una lettura positiva del principio dell’accordo in modo che ogni paese si adempia annualmente e non, come è successo finora, ogni cinque anni nelle principali conferenze mondiali , gli impegni che assume. È la grossa critica che giustamente sollevano in questi giorni i settori ambientali, perché non ha senso raggiungere accordi che poi diventano carta morta.

Ci sarà tutto il tempo per abbattere tutto il consenso che è stato raggiunto, la loro applicabilità e applicabilità, ma ciò che è chiaro è che ci deve essere una supervisione più rigorosa degli obblighi di ciascun paese. Alla logica preoccupazione per il futuro che lasceremo ai nostri figli, si sono aggiunte le conseguenze economiche delle ultime settimane, alle tasche dei cittadini causate dall’intero processo di transizione energetica, e alla geopolitica, di governi diversi che affrontano gravi strategie molto diverse . Oggi puoi leggerlo in avanguardia Analisi di Enrique Giuliana, che da tempo avverte del problema gas, e dei nostri reporter Beatrice Navarro ed Eusebio Vall.

Modulo Orbital Reef per Project Blue Origin di Jeff Bezos

Agenzia di stampa Francia

È sorprendente che mentre il mondo guarda a Glasgow e teme le conseguenze della complessa sostituzione delle energie inquinanti con le energie verdi, ci sia chi ci predice un futuro su altri pianeti. Quella stessa settimana, il magnate di Washington Jeff Bezos ha confermato che nello spazio saranno costruiti habitat galleggianti che simuleranno il clima della Terra “con fiumi, foreste e fauna selvatica” e “per secoli molte persone nasceranno nello spazio e poi visiteranno la Terra. andresti al Parco Nazionale di Yellowstone.” “. Certo, il fondatore di Amazon e Blue Origin è un passo avanti rispetto alla maggior parte degli altri umani, ma forse faremmo meglio a garantire la sua sopravvivenza prima di fuggire dalla Terra.

READ  La famiglia Puma, che non ha scuse, inizia una serie internazionale contro la Francia che potrebbe essere artica: quali sono gli stimoli?