Maggio 30, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Questi sono i paesi che hanno più e meno riserve auree

Questi sono i paesi che hanno più e meno riserve auree

Il rally a lungo termine dell’oro sta per spingere il suo prezzo a un massimo storico. In soli due mesi, il valore per oncia di questa materia prima è aumentato di oltre l’11%, attestandosi intorno ai 2.000 dollari per unità. Una rivalutazione derivante dalla riapertura della Cina dopo l’epidemia e dal conseguente risveglio della sua domanda, nonché dalla crisi bancaria che ha scosso le fondamenta del sistema monetario globale e ha spinto le banche centrali ad acquistare grandi quantità di oro per prepararsi. qualsiasi possibilità. Tuttavia, non tutte le istituzioni hanno le stesse riserve di questo metallo prezioso.

A febbraio, le riserve auree globali accumulate sono aumentate di 52 tonnellate, il che ha rappresentato Undicesimo mese consecutivo di acquisti nettidopo un aumento di 74 tonnellate a gennaio, secondo gli ultimi dati del World Gold Council.

attualmente, Il paese al mondo che ha le maggiori riserve di oro e contanti è la Cina. Da quando il governo di Pechino ha finalmente revocato le rigide restrizioni imposte tre anni fa per contenere l’epidemia a dicembre, i consumatori cinesi si sono precipitati ad acquistare gioielli, lingotti e monete d’oro. Solo a febbraio la Banca Centrale del Paese asiatico ha aumentato le proprie riserve auree di 25 tonnellate. In tutto, ha una spina dorsale di 3,43 trilioni di dollari, secondo i dati della Banca Mondiale e del Fondo Monetario Internazionale (FMI).

Tuttavia, la Cina detiene questa posizione se si tiene conto delle sue riserve auree e di liquidità. Se questa variabile viene tralasciata per ultima, Il paese con la maggior quantità di questo metallo prezioso ora sono gli Stati Uniti. Nello specifico, le sue riserve auree ammontano a 8.133 tonnellate, rispetto alle 2.068 tonnellate che il Paese asiatico contiene, secondo i dati di Trading Economics.

READ  Le scuole in Spagna utilizzano Google. La Danimarca ha stabilito di aver violato la privacy dei bambini.

Vale anche la pena notare che nove dei dieci maggiori acquirenti di oro negli ultimi mesi provengono da paesi in via di sviluppo, Comprese Russia e India. Questi due paesi, insieme alla Cina, sono in trattativa con il Brasile e il Sudafrica per creare una nuova valuta da scambiare tra loro senza dover ricorrere al dollaro.

Paesi con meno riserve auree

Ma non tutti i paesi hanno le stesse riserve di quelle sopra menzionate e quindi, Mancano di una rete di sicurezza di fronte a una potenziale crisi globale. Tra le altre ragioni, questo è dovuto al fatto che molti si sono dovuti rivolgere a loro per mantenere a galla le proprie economie durante l’inizio della pandemia.

da questi paesi, Il Kenya è uno dei paesi con le riserve auree più basse a marzo 2023. Tre anni dopo lo scoppio della pandemia, il Paese deve ancora riprendersi dal caos che ha provocato alle sue finanze. Né la siccità che affligge la regione dal 2020 né l’aumento dell’inflazione causato dall’invasione dell’Ucraina. Inoltre, il valore della sua valuta ufficiale si è deprezzato di oltre il 20% e le monete della Banca centrale del Kenya sono state svalutate a circa 6.600 milioni di dollari. Quanto alle sue riserve d’oro, non superava le 0,02 tonnellate.

Un paese che ha registrato un forte calo delle sue riserve auree è lo Sri Lanka. Il paese dell’Oceano Indiano è da tempo impantanato in una devastante crisi economica, la più grave dalla dichiarazione di indipendenza dal Regno Unito nel 1948. Tra il 2020 e il 2022, le sue riserve di valuta estera sono diminuite del 70%, a 2,31 miliardi di dollari. D’altra parte, la banca centrale è passata dal detenere 6,7 tonnellate di oro a 0,47 tonnellate nel dicembre dello scorso anno, secondo Trading Economics.

READ  Scommettere sulla sostenibilità ha i suoi vantaggi