Ottobre 6, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Sono state trovate due nuove vittime dopo il crollo di un ghiacciaio nelle Alpi italiane

Prima modifica:

Due nuovi corpi sono stati trovati nel luogo del crollo di un ghiacciaio il 3 luglio in Marmolada, nelle Alpi italiane. La scoperta arriva tra le operazioni di ricerca in corso da parte delle autorità, suggerendo che il bilancio delle vittime potrebbe salire a 12.

Queste due vittime si aggiungono alle altre sette già denunciate, a conferma che questa volta sono morte nove persone.

Fino a martedì notte, quattro delle vittime erano state identificate e due erano state identificate. Dopo aver trovato le due nuove vittime, le autorità hanno portato d’urgenza una squadra di polizia specializzata nell’analisi del DNA.

Tre sono ancora dispersi, quindi continueranno la ricerca utilizzando un aereo da ricognizione termica e un elicottero, anche se le possibilità di trovare sopravvissuti sono scarse.

I responsabili della squadra di soccorso trarranno vantaggio dalla situazione poiché il tempo dovrebbe migliorare a partire da giovedì, aggiungendo esperti e cani da traccia alla squadra per cercare la base del ghiacciaio. Luogo pericoloso per i bagnini a causa dell’instabilità della montagna.

Un ranger guida turisti e alpinisti sulla cresta della Marmolada dopo il crollo di un ghiacciaio. Reuters – Guglielmo Mangiappane

“Dato che la neve ha iniziato a sciogliersi, sposteremo lo sporco e la polvere in superficie e cercheremo lì. Questo è il problema che conosciamo oggi perché il funzionamento dei droni non ci ha dato i risultati che ci aspettavamo. E il ghiaccio della neve è crollato parte del ghiacciaio si è sciolto e quando si scioglie lascia polvere in superficie”, ha affermato Mauricio Dellantonio, Presidente Nazionale del Salvamento Albino.

Nonostante le difficoltà, Dellantonio assicura che ogni dettaglio trovato è rilevante e aiuta a guidare il lavoro.

READ  5 caffè argentini che ti porteranno in giro per il mondo: ho assaggiato il meglio in Italia, Spagna, USA, Francia e Giappone

“Per noi è molto importante trovare anche un piccolo oggetto per garantire una ricostruzione e per capire cosa è successo. Questo per rispondere a tutti i parenti che ancora oggi aspettano con ansia notizie sui loro cari”, ha detto Delantonio.

Temperature elevate dall’inizio dell’estate

Gli alpinisti stavano percorrendo un percorso tradizionalmente utilizzato per scalare la montagna, quando si è verificato il crollo, che i funzionari hanno attribuito alle alte temperature e ai ghiacciai che hanno afflitto l’Italia dall’inizio dell’estate, rendendolo imprevedibile.

La rotta per la Marmolada, parte della catena montuosa delle Dolomiti e meta turistica per le sue bellezze naturali che abbraccia le regioni di Trento e Veneto, è stata temporaneamente chiusa per concentrare le autorità sulle attività di ricerca. La montagna è la vetta più alta a 3.300 metri.

Secondo il Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR), il ghiacciaio comunemente noto come la “Regina delle Dolomiti” potrebbe scomparire in 25 o 30 anni se le temperature continueranno a salire, poiché studi fino al 2015 hanno mostrato che aveva perso il 30%. 22% del suo volume e della sua estensione.

Con Reuters