Aprile 22, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Spotify non bloccherà completamente la musica utilizzando l’intelligenza artificiale

Spotify non bloccherà completamente la musica utilizzando l’intelligenza artificiale

Spotify non bloccherà il materiale generato dall’intelligenza artificiale. Almeno non del tutto, ha affermato Daniel Ek, CEO e cofondatore della piattaforma di streaming. “Sarà complicato” L. ha detto BBCMa ha difeso alcuni usi validi che l’azienda sarebbe disposta a provare.

Ek ha affermato lo scorso aprile che l’industria aveva “preoccupazioni legittime” sull’intelligenza artificiale. All’epoca, aveva promesso che la sua azienda avrebbe fatto proprio questo “Creare una posizione” che tuteli gli artisti, ma senza scoraggiare l’innovazione.

A quel punto, la canzone con le voci clonate dei cantanti Drake e The Weeknd era già diventata virale. La canzone si chiamava Cuore in mano (Heart on Sleeve) e, in pochi giorni, ha ottenuto milioni di visualizzazioni su Tiktok e centinaia di migliaia di ascolti su Spotify. Fino a quando non è stato definitivamente rimosso da Spotify e altre piattaforme.

A parte questo caso, Spotify ha anche rimosso decine di migliaia di brani generati dall’intelligenza artificiale. Anche se secondo un rapporto di Financial Timesha più a che fare con il fatto che i bot vengono utilizzati per amplificare le visualizzazioni (e guadagnare più soldi) e meno con l’uso di questa tecnologia.

Ek ora ha detto a BBC Quella intelligenza artificiale Non può essere utilizzato per impersonare artisti umani senza il loro consenso. Ma era accettabile, ad esempio, che venisse utilizzato come la sintonizzazione automatica – ampiamente utilizzata nell’industria che cambia il tono delle voci – per “potenziare” determinate produzioni.

L’intelligenza artificiale arriva su Spotify

Ek ha menzionato anche uno scenario più controverso, sul quale non ha ancora una posizione chiara: la musica creata con questa tecnologia è chiaramente influenzata dagli artisti esistenti, ma non li ha sostituiti direttamente. Il capo di Spotify ha affermato che dell’uso dell’intelligenza artificiale si discuterà “per molti anni”.

READ  Annunciati due nuovi giochi gratuiti su Epic Games Store

Tuttavia, l’azienda ha già integrato l’intelligenza artificiale nelle azioni strategiche. Spotify ha iniziato a utilizzare questa tecnologia Per riprodurre i suoni del tuo maestro Podcaster Lui parla ingleseCioè doppiando i suoi episodi in diverse lingue, a cominciare dallo spagnolo. Si tratta di un beta test, grazie all’alleanza con OpenAI e al suo nuovo modello che ora consente a ChatGPT di parlare.

Lo scorso febbraio, l’azienda ha anche lanciato un’applicazione DJ alimentato dall’intelligenza artificiale. Lo ha presentato come una guida personale che “conosce te e i tuoi gusti musicali così bene che può scegliere cosa suonare per te”. L’esperimento è iniziato negli Stati Uniti e in Canada, ma ha funzionato così bene che lo hanno ampliato a… Più di 50 mercati Ultimo agosto.

Spotify ha finora vietato l’uso dei suoi contenuti per addestrare modelli di machine learning progettati per creare musica. Ma altri attori del settore stanno già pensando a come risolvere il problema della produzione.

Universal Music e Google stanno discutendo la possibilità di sviluppare uno strumento per generare musica utilizzando l’intelligenza artificiale. A differenza delle app che già riproducono le voci di artisti famosi, questa opzione comporterebbe un compenso diretto ai cantanti originali e alle loro etichette discografiche. Warner Music discuterà anche di un prodotto simile con Google, secondo The Verge Financial Times.

Ricevi la nostra newsletter ogni mattina. Una guida per comprendere ciò che conta riguardo alla tecnologia, alla scienza e alla cultura digitale.

Lui tratta…

pronto! Sei già iscritto

Si è verificato un errore, aggiorna la pagina e riprova

Anche nell’ipertesto: