Maggio 18, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

AMLO sulla crisi migratoria in Centroamerica

Nel bel mezzo del tour del Triangolo del Nord dell’America Centrale, il presidente del Messico, Andres Manuel Lopez Obrador, ha presentato sabato 7 maggio una richiesta al presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, Ha chiesto a Washington di partecipare più attivamente alla risoluzione della crisi migratoria in quella parte del continente.

“Esercitare la libertà di transito è sacro, ma è improbabile che molti debbano lasciare il proprio luogo di origine a causa della fame, dell’insicurezza o della totale mancanza di prospettive di vita”.ha esordito dicendo il primo presidente dei messicani, dopo aver visitato El Salvador, Honduras, Guatemala, e questo sabato, il Belize.

Uno dei temi principali del tour di Lopez Obrador è stata la migrazione in Centro America, un problema che cresce ogni volta, e per i paesi della regione e gli Stati Uniti questo rappresenta un problema per il quale non è stata trovata una soluzione. Molto tempo fa, ha esortato i direttori di Washington ad “assumersi responsabilità condivise” e contribuire con il loro granello di sabbia a interferire in questo conflitto.

“La volontà dell’America Latina non è sufficiente per questo; abbiamo anche bisogno che gli Stati Uniti siano chiaramente coinvolti nella risoluzione di un problema che riguarda anche loro e aiutino a finanziare quei programmi”. Il presidente messicano ha proseguito, prendendo in giro il colosso del nord del continente, meta di molti immigrati, per aiutare a mediare la crisi.

Inoltre, ha sottolineato che è necessario stabilire programmi sociali per assistere i migranti nei vari paesi di transito con un progetto di promozione del lavoro, Ad esempio, per ridurre la fame di queste persone; Esortare gli Stati Uniti a contribuire per attuare la proposta.

READ  Gli Stati Uniti raggiungono il record mondiale con quasi 500.000 casi di COVID-19 in un solo giorno

Non riesco a spiegarlo in Campidoglio, è troppo tardi per approvare i 4 miliardi di dollari che hanno offerto di investire per generare benessere nei paesi centroamericani”, Rimase nel bel mezzo del suo tour, criticando la mancanza di velocità di Washington nel prendersi cura degli immigrati che lasciavano i loro paesi, navigando attraverso aree pericolose per realizzare il “sogno americano”.

e aggiunse, “Ovunque si voglia vederlo, gli Stati Uniti, eroi del fenomeno migratorio, devono quindi avere la responsabilità di dargli una soluzione e di adeguare la propria politica di immigrazione». Lopez Obrador ha affermato che un modo per intervenire nella crisi prevede che Washington modifichi le sue normative sull’immigrazione.

Per il presidente messicano dovrebbero farlo gli Stati Uniti “Resistere alle condizioni che costringono milioni di persone a lasciare il proprio luogo di residenza… Nessuno viene colpito quando attraversa il confine”, Nel mezzo del suo incontro con il presidente del Salvador, Neb Bokel, ha sottolineato l’importanza di rispettare la vita delle persone che attraversano illegalmente il confine con il Paese nordamericano.

Alla luce di ciò, il presidente salvadoregno ha confermato di essere d’accordo con la proposta di Lopez Obrador, rilevando che dovrebbe essere redatto un piano con la partecipazione di tutti gli interessati. “Sosteniamo la proposta del Messico agli Stati Uniti di sviluppare un piano congiunto in cui tutti contribuiamo in base alle nostre economie”Le parole di Bukele erano.