martedì, Luglio 23, 2024

Top 5 This Week

Related Posts

Compositore italo-argentino che ha catturato Sanremo e il cuore dell’Italia

Edwin Roberts vince Sanremo nel febbraio 2020 / Foto: Brenza.

Dal cuore di Cremona al palco del prestigioso Festival di Sanremo, Edwin Roberts, 30 anni e nato in una famiglia di artisti argentiniAffermandosi come uno dei compositori più rilevanti della sua generazione in Italia, trova un viaggio musicale che cattura il meglio di entrambi i mondi.

Edwin – figlio del famoso liutaio Carlos Roberts e Monica Asuka, un’appassionata cantante – si è sposato con il cantante italiano Diotado nel 2020. Stordito da “Fai rumor”.Non solo ha regalato loro la vittoria al Festival di Sanremo, ma è diventato anche un inno di speranza durante la pandemia, risuonando nelle strade, nei balconi e nei cuori degli italiani.

“Nel febbraio 2020 è stata vinta Sanremo, prima della pandemia, e nel pieno della crisi del Covid in Italia, le persone si sono riunite ascoltando la nostra canzone e sventolando la bandiera nazionale. Nonostante le circostanze difficili, ‘Fi Rumor’ ha dato speranza e è diventato un simbolo dell’Italia”, ha detto Roberts da Milano, dove vive attualmente, come ha sottolineato durante un’intervista a Telum in uno spagnolo molto fluente.

Muoversi tra Cremona e Milano e Lavorare con alcune delle migliori persone della musicaLaura Pausini (con la prima di “Dutare” di Edwin tre settimane fa), Eros Ramasotti e Alejandro Sanz (con la creazione di “Sono”), l’artista unisce la sua eredità argentina con l’essenza italiana per creare uno stile unico. Vero.

Stampa fotografica
Foto: rivista.

Come ti sei formato professionalmente nel mondo della musica e quali sono le tue principali influenze?
– La mia formazione musicale deriva dalla mia famiglia; Ero circondata dalla musica fin dal grembo di mia madre perché era una cantautrice e cantante di tango che ascoltava Monteverdi. In effetti, ho avuto la fortuna di respirare musica fin dalla tenera età. All’età di quattro anni mio padre mi introdusse all’organetto diatonico, uno strumento tradizionale milanese simile al pantone. Era la prima volta che avevo uno strumento tra le mani e i miei genitori notarono che trovavo facile suonare guardando gli altri. All’età di sette anni ho iniziato a studiare violino al Conservatorio di Cremona, ma ho abbandonato gli studi accademici perché era impegnativo mantenere i rigori della formazione classica. Anche se mi rendevo conto che mi piaceva più ascoltare il violino che suonarlo, studiarlo mi ha dato una sensazione unica di suonare la musica.

READ  Calciomercato Serie A, trattative e ultime notizie

– Cosa ti ha portato ad iniziare questa carriera di scrittore e compositore?
– Fin da piccola mi sono data la possibilità di provare qualsiasi tipo di ruolo e di trovare la bellezza in ogni cosa. All’età di 20 anni ho preso parte ad uno spettacolo molto famoso in Italia chiamato “Amici”, che ha avuto un forte impatto sulla mia vita ed è stato come un intenso allenamento. Quando me ne sono andato, un famoso scrittore ha voluto incontrarmi e ha scoperto la capacità di scrivere canzoni a cui fino ad allora non avevo pensato. Così ho iniziato a dilettarmi con la musica italiana e nel giro di quattro o cinque mesi la cantante Malika Jaan ha cantato una delle mie canzoni ed è diventata un successo. Mi ha detto che ho trovato una solida possibilità di lavorare con la musica e dal 2013 lavoro e scrivo canzoni.

– Scrivi per Laura Pausini ed Eros Ramasotti…
– Con alcuni artisti, come Laura, c’è uno scambio su ciò che vogliono esprimere e io adatto le canzoni di conseguenza, ma in altri casi fornisco la musica e loro aggiungono i testi. Con Eros Ramazzotti e Alejandro Sanz mi sono occupato più di musica perché la mia inclinazione è sempre stata verso quell’aspetto compositivo.

“Fai Rumor”, la canzone di Edwin diventata icona dell’epidemia

Guarda il video

-Come adatti il ​​tuo stile a ciascun artista?
– Questa è una domanda molto interessante. Adattare le canzoni al compositore è una questione di emozione e sensibilità umana. Laura Boucini, ad esempio, è molto reale quando parla della sua vita ed è molto chiara su cosa vuole esprimere nelle sue canzoni, e quando lavora con me mi parla di come si sente in quel momento e di quale messaggio vuole trasmettere. far sapere. Con altri artisti l’approccio può essere diverso: io ad esempio ho lavorato con rapper famosi del panorama musicale italiano, a volte hanno bisogno di una melodia, poi aggiungono i propri testi.

READ  L'Italia diventa la principale destinazione internazionale di Polypex

– Sei nato in Italia, ma da genitori argentini. Tuo padre, famoso liutaio cremonese, ha radici gallesi e mapuche. Come la sua carriera e la sua eredità hanno influenzato la tua carriera musicale.
– Le mie radici sono interessanti; Sono nato in Italia, ma ho origini gallesi e mapuche. La mia famiglia mi ha influenzato musicalmente fin dalla tenera età. Mia madre e le mie sorelle erano legate alla musica e io sono cresciuto ascoltando i classici, ma crescendo ho esplorato anch’io molti generi. La mia identità multiculturale è stata sia una benedizione che una sfida. Quando ero giovane, a volte volevo nascondere il mio aspetto, ma col tempo ho imparato ad apprezzare la ricchezza delle mie radici, che mi hanno dato una prospettiva unica e hanno rimosso i limiti della mia creatività musicale.

– Cosa pensi dell’impatto dell’intelligenza artificiale sulla musica?
– Questo mi preoccupa, ma credo che la musica sia fondamentalmente umana e che l’intelligenza artificiale non possa eguagliare i cuori, le emozioni e i sentimenti umani. La capacità umana di errore e di emozione è ciò che rende la musica un mistero e l’essenza dell’arte.

Come vedi l’attuale predominio della musica latina nel settore?
– Attualmente la musica latina domina il mercato musicale e penso che il mondo rispetti maggiormente lo spagnolo nella musica.

– Cosa ti piace in termini di musica argentina?
– Il mio artista argentino preferito è Aster Piazzolla, anche se ammetto di non aver approfondito il pop argentino, non ho ancora ascoltato attentamente Charlie Garcia e Soda Stereo. Ma sento che Argentina e Italia condividono molte somiglianze, soprattutto in termini di sentimento e cultura.

READ  Meloni: "Serve più Europa sul fronte sud" | RMMN | il mondo

Aldobrandino Golino
Aldobrandino Golino
"Studente di social media. Appassionato di viaggi. Fanatico del cibo. Giocatore pluripremiato. Studente freelance. Introverso professionista."

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Popular Articles