Febbraio 2, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Cuba partecipa alla quindicesima sessione della Conferenza delle Parti, incentrata sull’affrontare la perdita di biodiversità

Con la perdita di biodiversità identificata come un problema ambientale, che richiede una piattaforma strategica per il monitoraggio e il controllo, Cuba partecipa alla quindicesima Conferenza delle Parti della Convenzione sulla Diversità Biologica (COP 15) e ad altri incontri associati, in Canada, con un quadro legislativo rafforzato incentrato sull’inversione del danno .

La biodiversità è un concetto complesso, con molteplici attori e responsabilità governative e civiche: è la diversità di piante, animali e microrganismi che esistono e include gli ecosistemi e i paesaggi con cui interagiscono e stabiliscono cicli di nutrienti, nonché variazioni nei geni . livello di specie.

Alla luce di ciò, a Cuba c’è un’esplicita volontà del governo di affrontare questo problema ambientale e di rispettare gli impegni assunti nel quadro di altri accordi e processi internazionali.

I principali supporti istituzionali, legislativi e programmatici vanno dalla Costituzione della Repubblica di Cuba, alla Legge sul Sistema delle Risorse Naturali e dell’Ambiente; La Strategia Ambientale Nazionale nel suo ciclo 2021-2025; Il piano del governo per prevenire e affrontare i crimini e le violazioni che colpiscono le risorse forestali, la flora e la fauna e altre risorse naturali.

Per affrontare in modo specifico la perdita di biodiversità esiste un documento strategico: il Programma Nazionale Biodiversità, che stabilisce obiettivi e azioni da attuare in un determinato periodo di tempo.

Questo programma è in fase di adattamento a un nuovo ciclo strategico, che deve rispondere alle priorità nazionali e formare l’impegno nazionale per raggiungere gli obiettivi globali adottati nel quadro del quadro strategico e nell’Agenda 2030 con i suoi obiettivi di sviluppo. sostenibile (SDG).

Le priorità si concentrano sull’affrontare le cause indirette della perdita di biodiversità (sensibilizzazione nella società; azioni di educazione, comunicazione, diffusione e formazione su questi temi; incorporare i valori della biodiversità nei piani e nei programmi di sviluppo, sistemazione territoriale e sviluppo di strumenti economici per promuovere la conservazione e uso sostenibile della biodiversità) e sensibilizzazione L’importanza, i contributi e l’interdipendenza della biodiversità con diverse aree di sviluppo e benessere umano.

READ  Lo Sri Lanka ha respinto la decisione guidata dall'Occidente

Un’altra linea prioritaria è il controllo delle principali minacce alla biodiversità e la promozione dell’uso sostenibile (con azioni incentrate sulla riduzione degli impatti delle specie esotiche invasive; gestione sostenibile degli ecosistemi e uso efficiente delle risorse naturali; riduzione dell’inquinamento; riduzione delle vulnerabilità ai cambiamenti climatici; pressioni su altri con il commercio illegale, tra gli altri), e l’efficacia nella prevenzione e nel controllo degli incendi boschivi.

Allo stesso modo, lo Stato è concentrato sulla promozione della conservazione dei valori più rappresentativi della biodiversità, attraverso il Sistema Nazionale delle Aree Protette, che in questo momento pone maggiore enfasi sulla sostenibilità del sistema e sull’aumento dell’efficacia della sua gestione; Oltre ad altre misure di conservazione basate sull’area; ripristino di specie minacciate di flora e fauna selvatiche; Preservare la diversità genetica delle specie autoctone e di quelle di valore sociale ed economico.

Un’altra proiezione prioritaria è ridurre il degrado di habitat, ecosistemi e paesaggi, attraverso il ripristino/riabilitazione degli ecosistemi, la riduzione della frammentazione, l’aumento della resilienza, il miglioramento della fornitura di beni e servizi ecosistemici e l’adattamento ai cambiamenti climatici.

Con queste forze e sfide, Cuba partecipa alla COP 15 con una delegazione composta da rappresentanti del Ministero della Scienza, della Tecnologia e dell’Ambiente (Citma), del Centro Nazionale delle Aree Protette, dell’Agenzia dell’Ambiente e dell’Ambasciata cubana in Canada.

La delegazione cubana accreditata presso il Segretariato della Convenzione sulla Diversità Biologica è composta da Adeniz Taboada Zamora, Vice Ministro di Setma. Hector Igarza Cabrera, ambasciatore di Cuba in Canada; Odalys Goicochea Cardoso, Amministratore Delegato, Ambiente, Citma; Ulises Fernandez Gómez, Direttore delle Relazioni Internazionali, Citma; Omar Cantillo Ferrero, direttore del Centro Nazionale per le Aree Protette, Agenzia per l’Ambiente (AMA).

READ  Daniel Ortega è stato eletto presidente del Nicaragua per la quarta volta

La delegazione era composta anche da Jesus Guerra Bell, Specialista politico, Dipartimento per le relazioni internazionali, Setma. Lourdes Coya de la Fuente, Esperto di Politica Ambientale, Direzione Risorse Naturali, Ecosistemi Prioritari e Cambiamento Climatico, Direzione Generale Ambiente, Citma; Teresa Dolores Cruz Sardiñas, Specialista in Politica Ambientale, Direzione Generale dell’Ambiente, Citma; Susana Malmerca Benitez, Console Generale di Cuba a Montreal, e Esalen Cabañas Vera, Consigliere Economico e Commerciale, entrambi dell’Ambasciata di Cuba in Canada.

COP XV nel contesto

La quindicesima conferenza delle parti (COP 15) della convenzione sulla diversità biologica doveva tenersi a Kunming, in Cina, dal 15 al 28 ottobre 2020. Tuttavia, a causa della situazione della pandemia di COVID-19, questi incontri sono stati rinviati alle due opportunità.

Nel secondo semestre del 2021, su proposta della Presidenza cinese della Conferenza delle Parti, si è tenuta online, dall’11 al 15 ottobre 2021, la prima parte della Quindicesima Conferenza delle Parti della Convenzione sulla diversità biologica. decima riunione delle parti del protocollo di Cartagena sulla sicurezza biologica IV. Riunione delle parti del protocollo di Nagoya sull’accesso e la ripartizione dei benefici.

In questa prima parte, la Presidenza della COP, Cina, ha organizzato approssimativamente un segmento ad alto livello il 12 e 13 ottobre, al fine di sfruttare l’attuale momento politico con i negoziati sul quadro strategico. Era intitolato Towards an Eco-Civilization: Building a Common Future for All Life on Earth e si concludeva con l’adozione di una dichiarazione conclusiva dal titolo simile.

La seconda parte della COP-15 doveva tenersi di persona nella seconda metà del 2022 a Cumming, in Cina. Nel giugno 2022, la Cina ha annunciato che, a causa delle continue preoccupazioni per l’epidemia globale in corso, è stato deciso di spostare la seconda parte della riunione della COP a Montreal, in Canada, dal 7 al 19 dicembre.

READ  Questo è stato il passaggio dell'occhio dell'uragano a Punta Gorda, in Florida

Ciò viene attuato in concomitanza con la seconda parte della quindicesima conferenza delle parti della convenzione sulla diversità biologica, la decima riunione delle parti del protocollo di Cartagena sulla biosicurezza e la quarta riunione. Riunione delle parti del protocollo di Nagoya sull’accesso e la ripartizione dei benefici.

L’obiettivo principale della COP15 è adottare il quadro strategico globale per la biodiversità post-2020, che sostituirà il piano strategico per la biodiversità 2011-2020 con i suoi obiettivi di Aichi.

Lo scopo di questo nuovo quadro è stabilire nuovi obiettivi globali per arrestare il tasso di perdita di biodiversità e avviarne la ripresa. Il quadro sarà importante per la biodiversità quanto l’accordo di Parigi sui cambiamenti climatici.

Pista cubana

Nel marzo 1994, Cuba ha ratificato la Convenzione sulla Diversità Biologica (CBD), assumendo come paese parte, una serie di impegni. Questi impegni sono espressi o attraverso il testo della Convenzione, o attraverso decisioni adottate dalla Conferenza delle Parti (COP) ogni due anni.

La Convenzione sulla Diversità Biologica ha tre obiettivi: la conservazione della diversità biologica, il suo uso sostenibile e la giusta ed equa condivisione dei benefici derivanti dall’uso delle risorse genetiche. Si tratta di un accordo quadro con tre protocolli interni: il Protocollo di Nagoya (affronta le questioni relative all’accesso alle risorse genetiche e alla giusta ed equa ripartizione dei benefici derivanti dal loro utilizzo); Il protocollo di Cartagena sulla biosicurezza e il protocollo Nagoya Koala (supplementare al protocollo di Cartagena).