Gennaio 31, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Due pianeti potenzialmente abitabili sono stati scoperti in orbita attorno a una stella vicino al sole

SANTA CRUZ DE TENERIFE, Spagna – Un team scientifico internazionale guidato dall’Instituto de Astrofísica de Canarias (IAC) in Spagna ha scoperto due pianeti di massa terrestre in orbita attorno alla stella GJ 1002, e nella zona abitabile è una nana rossa vicino al sole sistema.

La natura sembra determinata a mostrarci che i pianeti terrestri sono molto comuni. Con questi due, sappiamo già di 7 nei sistemi planetari molto vicini al sole, Alejandro Suarez, ricercatore presso IAC e autore principale dello studio che è stato accettato per la pubblicazione su Astronomy & Astrophysics, ha spiegato in una dichiarazione giovedì.

I nuovi pianeti orbitano attorno alla stella GJ 1002, situata a meno di 16 anni luce dal sistema solare.

Entrambi hanno masse simili a quelle della Terra e si trovano nella zona abitabile della loro stella, IAC riferisce che GJ 1002 b, il pianeta interno, impiega poco più di 10 giorni per completare un’orbita attorno alla sua stella mentre GJ 1002 c, a causa della sua porzione, ha bisogno di poco più di 21 giorni.

GJ 1002 è una nana rossa con solo un ottavo della massa del Sole ed è una stella abbastanza fredda e debole, il che significa che la sua zona abitabile è molto vicina alla stella, ha osservato Vera Maria Pasegger, coautrice dell’articolo. e ricercatore presso IAC.

L’Istituto di astrofisica ha aggiunto che la vicinanza della stella al sistema solare rende i pianeti, in particolare GJ 1002 c, ottimi candidati per caratterizzare le loro atmosfere sulla base della riflessione della luce o dell’emissione termica.

“Il futuro spettrometro ANDES del telescopio ESO ELT, in cui IAC è coinvolto, sarà in grado di studiare la presenza di ossigeno nell’atmosfera di GJ 1002 c”, ha spiegato Junay Gonzalez, ricercatore IAC e coautore del lavoro.

READ  Perché la NASA è tornata sulla Luna con la missione Artemis 1?

Entrambi i pianeti soddisfano inoltre tutte le caratteristiche per diventare bersagli per una futura missione spaziale LIFE, attualmente in fase di studio.

La scoperta è stata resa possibile da una collaborazione tra il consorzio ESPRESSO e CARMENES.L’IAC osserva che GJ 1002 è stato osservato da CARMENES tra il 2017 e il 2019, e da ESPRESSO tra il 2019 e il 2021.

Tra le indagini previste per il primo anno ci sono gli studi di due esopianeti caldi classificati come “super-Terre” per le loro dimensioni e composizione rocciosa: 55 Cancri e ricoperta di lava e LHS 3844 b.

“A causa delle basse temperature, la luce visibile di GJ 1002 è troppo debole perché le sue variazioni di velocità radiale possano essere misurate con la maggior parte degli spettrometri”, ha affermato Ignasi Ribas, ricercatore presso l’Istituto di scienze spaziali (ICE-CSIC) e direttore del istituto. . d’Estudis Espacials de Catalunya (IEEC).

La sensibilità di Carmen a un’ampia gamma di lunghezze d’onda nel vicino infrarosso, superiore a quella di altri spettrometri dedicati alla rilevazione dei cambiamenti di velocità nel moto delle stelle, le ha permesso di studiare GJ 1002 dal telescopio di 3,5 metri di Kallar-Thal.

La combinazione di ESPRESSO e del potere di raccolta della luce dei telescopi da 8 metri del VLT ha permesso loro di ottenere misurazioni con una precisione di soli 30 cm/sec, che è irraggiungibile da quasi tutti gli altri strumenti al mondo.

“Entrambi i gruppi avrebbero avuto molte difficoltà se avessero affrontato questo lavoro in modo indipendente. Insieme siamo stati in grado di andare molto più lontano di quanto avremmo potuto fare separatamente”, ha detto Alejandro Suarez.

READ  Peppa Pig ha una valutazione migliore di Battlefield 2042, GTA: Trilogy e altro

Anche i ricercatori Rafael Ribolo-López, Victor Sánchez-Béjar ed Enrique Paley hanno collaborato a questa pubblicazione del Comitato consultivo internazionale.

Il robot Perseverance della NASA ha catturato immagini mai viste prima di una misteriosa “porta” sul Pianeta Rosso. di cosa sta parlando?

Il Gruppo di Astrofisica Stellare ed Esopianeta dell’Università Complutense della Facoltà di Scienze Fisiche e dell’Istituto di Fisica delle Particelle e dell’Universo dell’Università Complutense di Madrid (IPARCOS-UCM), il cui ricercatore David Montes è anche coinvolto nella scoperta istituzionale. Rappresentante del Centro nella Federazione Internazionale Carmen.

David Montes è stato anche il Principal Investigator di diversi progetti coordinati dal Ministero della Scienza e dell’Innovazione dedicati alla costruzione e alla preparazione dello strumento e attualmente un altro dedicato al suo sfruttamento scientifico.

Inoltre, è anche membro del gruppo di coordinamento scientifico che organizza lo sfruttamento scientifico dei risultati dei dati CARMENES.

Carmen è uno strumento di nuova generazione costruito per il telescopio da 3,5 metri dell’Osservatorio di Calar Alto da un consorzio di imprese tedesche e spagnole.

Consiste in spettrografi e il suo obiettivo scientifico è esaminare circa 300 stelle di sequenza principale di tipo tardo per rilevare pianeti di piccola massa nelle loro zone abitabili.

ESPRESSO, dal canto suo, è uno strumento spettroscopico ad alta risoluzione installato presso il Very Large Telescope (VLT) dell’European Southern Observatory (ESO) in Cile.