Aprile 23, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Gli scienziati hanno descritto il nuovo asteroide troiano, che condivide la sua orbita con il Pianeta Rosso

Gli scienziati hanno descritto il nuovo asteroide troiano, che condivide la sua orbita con il Pianeta Rosso

17:35

*Scritto da: Agenzia Sinek

IL Asteroidi troiani Sono piccoli corpi del sistema solare che condividono l'orbita del pianeta e occupano uno dei punti di equilibrio stabile chiamati punti di Lagrange, situati 60 gradi davanti (punto L4) e 60 gradi dietro (punto L5) del pianeta.

Potrebbe interessarti: sono passati 20 anni dalla prima immagine della Terra da un altro pianeta

Ora, gli scienziati dell’Università Complutense di Madrid (UCM) e dell’Istituto di Astrofisica delle Isole Canarie (IAC) hanno osservato e descritto l’oggetto per la prima volta. 2023 AI14, l'asteroide troiano (scoperto l'anno scorso, come suggerisce il nome) e condivide la sua orbita con Marte. Dopo Giove, Il Pianeta Rosso è il pianeta con il maggior numero di Troiani conosciuti con 17 dopo questa nuova aggiunta.

Le simulazioni numeriche condotte presso l’UCM nel corso del 2023 e del 2024 lo hanno confermato Troiano L4Precede cioè Marte di 60 gradi ed è il secondo pianeta conosciuto dopo l'asteroide 1999 UJ7.

Sebbene la maggior parte degli asteroidi marziani sembri aver accompagnato il pianeta sin dal momento della sua formazione, 2023 FW14 presenta variazioni nella sua orbita e nella composizione chimica che potrebbero indicare che si tratta di un asteroide catturato. Tipo primitivo.

Vicini da 11 milioni di anni

Secondo i risultati numerici dello studio pubblicato sulla rivista Astronomia e astrofisica, Questo oggetto ha raggiunto il percorso del Trojan Circa un milione di anni fa era possibile che venisse abbandonato dopo circa 10 milioni di anni.

In effetti, lo studio ha concluso che la sua scoperta indica che potrebbero essere catturati asteroidi con transiti regolari con Marte Trojan temporanei Da questo pianeta.

READ  Quando sarà disponibile l'accesso gratuito alla modalità multiplayer e zombi di Call of Duty Vanguard?

“Mentre l'evoluzione orbitale dei 16 Troiani precedentemente conosciuti appare stabile a lungo termine, la nuova evoluzione non lo è”, spiega. Raúl de la Fonte MarcosIl ricercatore del Dipartimento di Fisica della Terra e Astrofisica dell’UCM che ha condotto lo studio.

“Ci sono due possibilità riguardo alla sua origine: potrebbe far parte del Trojan UJ7 del 1999, oppure è stato raccolto da un gruppo di asteroidi vicini alla Terra che attraversavano l'orbita di Marte”, commenta.

Lo spettro della radiazione elettromagnetica ottenuto utilizzando Grande telescopio delle Isole Canarie (GTC o Grantecan) situato presso l'Osservatorio del Roque de los Muchachos sull'isola di La Palma, ci ha permesso di saperne di più Composizione chimica Dal 2023 FW14, mostrando nuove differenze rispetto al resto dei Troiani marziani.

“Sebbene il loro spettro differisca leggermente da quello dell’altro Trojan L4, 1999 UJ7, entrambi appartengono allo stesso gruppo compositivo e sono asteroidi di tipo primitivo, a differenza del Trojan L5, che sono tutti rocciosi e ricchi di silicati”. Commenti. Giulia de Leonricercatore IAC e coautore dell'articolo.

Per saperne di più: un colombiano ha studiato l’impatto del Sole sul vapore acqueo su Marte. Qual è la relazione scientifica con tutto ciò?

Per ottenere risultati è necessario coordinamento Analisi orbitale E il Studio osservazionale Perché la finestra di osservazione per questo oggetto era lunga solo due settimane.

Ampliare l'elenco dei Troiani marziani ci permette di approfondire la conoscenza di questi organismi, la cui esistenza era stata inizialmente proposta sulla base di calcoli matematici. “Studio dei veri Troiani “Rispetto a quelli previsti matematicamente, ci permettono di valutare l’affidabilità dei nostri modelli teorici”, conclude de la Fuente Marcos.

READ  Norman Reedus parla apertamente dopo il presunto leak di Death Stranding 2