Maggio 19, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Gli scienziati hanno scoperto per la prima volta il fenomeno dell'effetto gloria su un pianeta lontano

Gli scienziati hanno scoperto per la prima volta il fenomeno dell'effetto gloria su un pianeta lontano

Per la prima volta sono stati scoperti segni di un “effetto gloria” su un pianeta al di fuori del nostro sistema solare. Il fenomeno, caratterizzato da anelli concentrici di luce che ricordano un arcobaleno, è stato osservato grazie ai dati raccolti dal sensibile satellite per la caratterizzazione degli esopianeti dell'Agenzia spaziale europea Cheops, Così come attraverso altre missioni dell'ESA e della NASA.

Queste osservazioni suggeriscono che l’effetto deriva dalla densa atmosfera del pianeta gigante gassoso WASP-76b, situato a 637 anni luce di distanza.

(Altro: splendide foto del Sole scattate da un astrofotografo amatoriale argentino.)

Questo effetto, comune sulla Terra, era stato precedentemente registrato solo su Venere. Se confermato in WASP-76b, sarà la prima volta che verrà osservata una gloria extrasolare. Fornendo dati importanti sulle proprietà dell'atmosfera di questo interessante esopianeta e fornendo preziose lezioni su come studiare altri mondi lontani e misteriosi.

L'impatto di Glory sull'esopianeta WASP-76b

immagine:una pentola

Dati recenti suggeriscono che tra caldo e luce estremi La stella ospite di WASP-76b E nell’oscurità perpetua del suo lato notturno si può trovare la prima gloria mai osservata al di fuori del nostro sistema solare. Questo fenomeno si verifica quando la luce viene riflessa da nuvole costituite da particelle uniformi e precedentemente sconosciute.

(Inoltre: hanno scoperto il ghiaccio nei crateri di Cerere, il più grande asteroide del sistema solare.)

“C'è un motivo per cui questa gloria non è stata vista prima al di fuori del nostro sistema solare: richiede condizioni molto strane”, spiega Olivier Demanjon, astronomo presso l'Istituto spagnolo di astrofisica e scienze in Portogallo e autore principale dello studio, in un articolo pubblicato sulla rivista Astrofisica e Astronomia in Portogallo e autore principale dello studio. dichiarazione.

“In primo luogo, abbiamo bisogno di molecole atmosferiche che siano quasi perfettamente sferiche, perfettamente uniformi e sufficientemente stabili da poter essere osservate a lungo. Una stella vicina al pianeta deve brillare direttamente su di esso. Con l’osservatore (Khufu in questo caso) nella giusta direzione.”

(Leggi di più: La massiccia esplosione di nova cosmica che la NASA prevede sarà visibile quest'anno.)

Confermare questa gloria extrasolare non sarà solo una pietra miliare nell’osservazione esoplanetaria, ma fornirà anche un nuovo modo per approfondire la nostra comprensione del pianeta e della sua stella madre.

Una vista dell'orbita di WASP-76b attorno alla sua stella ospite, WASP-76.

immagine:Eso.org

WASP-76b è un pianeta gigante estremamente caldo, simile a Giove Ma è il 10% meno massiccio e quasi due volte più massiccio. Orbita vicino alla sua stella, molto più vicino di Mercurio al Sole, provocando l'espansione dell'esopianeta a causa dell'intensa radiazione.

(Leggi di più: Gli scienziati scoprono una nuova teoria sull'origine della vita sulla Terra dalle crepe.)

Dalla sua scoperta nel 2013, WASP-76b è stato studiato intensamente, rivelando un ambiente estremamente inospitale.

Un emisfero è sempre esposto al sole e la temperatura raggiunge i 2.400 gradi Celsius, dove i minerali che formeranno le rocce sulla Terra si sciolgono ed evaporano, condensandosi poi sul lato più freddo e scuro sotto forma di nuvole che depositano ferro. Pioggia fusa.

Tuttavia, ciò che ha lasciato perplessi gli scienziati è l’apparente asimmetria o instabilità negli strati esterni di WASP-76b, che si osserva quando il pianeta passa davanti alla sua stella.

(Leggi di più: hanno trovato il buco nero stellare più massiccio nella Via Lattea, e sarà vicino alla Terra.)

nonostante L'effetto gloria genera motivi simili ad arcobaleno, I due fenomeni non sono identici. Un arcobaleno si forma quando la luce solare viene rifratta mentre passa da un mezzo a un altro di diversa densità, come l'aria all'acqua, disperdendo la luce in colori visibili.

D'altra parte, le glorie si verificano quando la luce viene deviata mentre passa attraverso aperture strette, come tra le gocce d'acqua, formando anelli concentrici di colore a causa dell'interferenza delle onde luminose.

Più notizie

*Queste informazioni sono state riscritte con l'aiuto dell'intelligenza artificiale sulla base delle informazioni di Europa Press e riviste da un giornalista ed editore.

READ  Gli astronomi scoprono un oggetto misterioso